Doppia emozione sul tracciato di Misano Adriatico

Si scrive Misano, si legge e si pensa a Marco Simoncelli: il circuito riminese è infatti dedicato alla memoria del giovane motociclista, scomparso ormai cinque anni fa, che viveva nelle sue vicinanze; oggi è possibile trascorrere una giornata doppiamente emozionante, omaggiando la stella del Sic e provando a scendere direttamente in pista alla guida di una supercar

Il regalo più grande: è con queste toccanti parole che Paolo e Rossella Simoncelli, genitori del grande Sic, hanno commentato la decisione del consiglio di amministrazione della società Santamonica di intitolare il tracciato di Misano alla memoria del giovane talento del motociclismo, scomparso dopo un incidente in gara a Sepang. La terribile caduta avvenne il 23 ottobre 2011, e sin da subito appassionati e tifosi spinsero per un omaggio al Sic, che viveva a poca distanza dall'impianto: e così, già il 2 novembre successivo la proprietà si espresse in modo favorevole, per rendere indelebile il nome di "un ragazzo che ha emozionato noi e i tanti appassionati, per la sua straordinaria umanità e il suo talento", e il cambio di denominazione diventò ufficiale nel giugno dell'anno successivo, in occasione della tappa del Mondiale di Superbike.

Un parterre di rilievo. Sono trascorsi in pratica cinque anni da quei fatti, e il ricordo del Sic è ancora molto vivo e presente negli animi degli appassionati di motori e velocità, sia su due che su quattro ruote. Non è un caso che la pista riminese, che sorge nel Comune di Misano Adriatico, sia oggi una tra quelle definite più emozionanti nel panorama italiano, non solo per le sue caratteristiche tecniche, ma anche per la sua storia. Sul suo asfalto, infatti, hanno girato i principali piloti del motociclismo italiano delle ultime generazioni, a cominciare da Valentino Rossi passando per Loris Capirossi, Marco Melandri e Alex De Angelis, oltre ovviamente a Simoncelli che vi era "di casa", e addirittura anche Michael Schumacher volle provare l'esperienza di guidare una moto tra queste curve: era il 2008 e il sette volte iridato di Formula Uno girò in sella a una KTM Super Duke nell'ambito di una giornata di test validi per il Trofeo KTM.

Da spettatore a protagonista. Da qualche tempo, poi, c'è una occasione speciale da cogliere per chi ama motori e velocità e intende non solo restare a guardare, ma partecipare attivamente alla corsa: la società www.rseItalia.it , specializzata nel noleggio di supercar per giri in pista, ha infatti inserito l'autodromo di Misano all'interno del suo già ricco catalogo, consentendo dunque a tutti di poter prenotare la propria giornata al volante di vetture da sogno come la Ferrari 488 GTB, la Lamborghini Huracàn o la Maserati GranTurismo S, bolidi in grado di abbinare perfezione estetica a comparto motoristico di assoluta eccellenza.

Un giro di grande emozione. Chi decide di regalarsi questa emozione, o di destinare l'acquisto del pacchetto a un parente o un amico, potrà dunque ripercorrere le tracce dei grandi piloti, lanciandosi nell'adrenalinico tracciato riminese, caratterizzato da un disegno tecnico e non velocissimo, a parte la zona del curvone dove si superano facilmente i 200 chilometri orari e si possono testare i motori delle supercar, sentendo ruggire la testata Ferrari o Lamborghini. La pista di Misano, ridisegnata nel corso dell'ultimo decennio, è oggi lunga 4,2 chilometri e si snoda lungo 15 curve (di cui 10 a destra e 5 a sinistra), con un impianto elegante e funzionale che fa percepire immediatamente il senso della velocità. Si comincia subito con l'impegnativa variante del Parco con le sue tre Curve in rapida successione, si prosegue con una frenata intensa che immette nella doppia Curva del Rio, molto angolata, per aprire poi il gas nel primo rettilineo breve, sterzare ancora una volta e lanciarsi nel secondo rettilineo di quasi 600 metri, quello della Quercia, a tutta velocità; altro punto impegnativo è il gruppo del Tramonto, una curva larga e lunga che fa da apripista alla parte più adrenalinica del tracciato, che alterna tratti retti a curve e tornanti, fino alle ultime due curve, quella del Carro e quella Misano, che chiudono il giro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento