menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fermo pesca nell'Alto Adriatico. Addio al pesce fresco sulle tavole

Addio alle grigliate di pesce fresco, almeno fino al 27 agosto e largo ai surgelati. E' scattato, infatti il fermo pesca nell'Alto Adriatico in vigore da oggi, lunedì 16 luglio, per favorire il ripopolamento delle specie ittiche sovrasfruttate

Addio alle grigliate di pesce fresco, almeno fino al 27 agosto e largo ai surgelati. E' scattato, infatti il fermo pesca nell'Alto Adriatico in vigore da oggi, lunedì 16 luglio, per favorire il ripopolamento delle specie ittiche sovrasfruttate. Lo ha annunciato Coldiretti ImpresaPesca sottolineando che il fermo interesserà inizialmente la parte che va da Trieste a Rimini per 43 giorni consecutivi.

Con questo provvedimento, come ogni anno, il rischio è quello di andare al ristorante e doversi "accontentare" di un prodotto straniero o congelato se non proveniente da altre zone d'Italia dove lo stop arriverà più avanti: "Da Pesaro a Bari - continua Coldiretti - l'interruzione dell'attività di pesca inizierà infatti dal 6 agosto fino al 17 settembre mentre da Brindisi a Imperia dal 3 settembre al 2 ottobre. Nelle regioni Sardegna e Sicilia l'interruzione ha durata di almeno trenta giorni ma è  disposta con provvedimento regionale".

Dopo questo primo blocco iniziale si potrà tornare in mare ma, precisa la Coldiretti: "Nelle dieci settimane successive alla ripresa l'attività sarà però limitata a tre giorni, come già lo scorso anno. Il fermo è una necessità per salvare il settore, anche se dolorosa per le vacanze, con il venir meno del pesce del Nord Adriatico in un momento in cui, anche per effetto del grande caldo, si registrano consumi in aumento del 15 per cento e prezzi contenuti".

Secondo un’analisi di Coldiretti ImpresaPesca su dati Ismea, i pesci più acquistati dagli italiani sono: al primo posto i mitili (cozze, ecc.) e orate, con quasi il 9 per cento a testa dei consumi, davanti ad alici (6,8 per cento), spigole (6,5 per cento), vongole (4,7 per cento), polpi, trote, salmoni, naselli e merluzzi e calamari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento