Feste abusive di capodanno, Indino: "Passare dalle parole ai fatti"

Il presidente regionale del Silb-Confcommercio Gianni Indino interviene su un tema che, come ogni anno, diventa di grande attualità in questo periodo: le feste di capodanno abusive

“E’ il momento di dare seguito alle tante parole spese a favore delle imprese che operano correttamente, pagano le tasse, investono risorse, garantiscono posti di lavoro, generano indotto sul territorio”. Esordisce così il presidente regionale del Silb-Confcommercio Gianni Indino su un tema che, come ogni anno, diventa di grande attualità in questo periodo: le feste di capodanno abusive.

“Nel corso di questo autunno caldo – spiega Indino – Confcommercio ha più volte richiamato l’attenzione delle Istituzioni, delle Forze dell’Ordine, dell’opinione pubblica sulla piaga dell’abusivismo e sugli enormi danni che esso genera al tessuto economico e sociale del nostro territorio”. “Il 26 novembre scorso – ricorda Indino – abbiamo promosso una giornata di mobilitazione dal titolo ‘Legalità Mi Piace’, in cui ancora una volta è emersa in modo veemente la rabbia degli operatori nei confronti dell’abusivismo”.

“E’ finito il tempo delle rassicurazioni ‘a parole’ che riceviamo da più parti, è l’ora dei fatti – attacca Indino – e le feste abusive rappresentano un importante banco di prova. Anche perché in gioco c’è la sicurezza e la salute di tanti ragazzi che, magari inconsapevolmente, si mettono nelle mani di avventurieri del divertimento senza scrupoli, che ammassano centinaia o in alcuni casi migliaia di persone in strutture manchevoli dei requisiti di sicurezza necessari per garantire un divertimento sicuro”.

“La nostra Organizzazione continuerà nella sua azione di segnalazione e di denuncia di simili iniziative che mettono a repentaglio la salute dei ragazzi e, al tempo stesso, l’economia del nostro territorio – sottolinea il presidente del Silb – anche perché, se qualcuno non se ne fosse accorto glielo dico io, non c’è più trippa per gatti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Esistono anche casi virtuosi – svela il presidente del Silb - è il caso di un ristorante della zona da noi sostenuto durante l’iter procedurale che lo ha portato ad arricchire la propria offerta con l’attività del ballo, attraverso la messa a norma della propria struttura, così da garantire i requisiti di sicurezza che la legge impone”. “E’ il momento del pugno di ferro – conclude Indino – e ci aspettiamo che vengano sradicate sul nascere le tante iniziative abusive organizzate per Capodanno, anche grazie all’intervento delle Amministrazioni comunali, molto spesso troppo morbide di fronte a questa grave problematica”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento