Gorent sbarca a Ecomondo con la certificazione "Carbon Footprint”

Coniugare l'interesse industriale ed economico con l'ecosostenibilità non solo è possibile ma, oggi più che mai, diventa l'unica strada percorribile

Coniugare l'interesse industriale ed economico con l'ecosostenibilità non solo è possibile ma, oggi più che mai, diventa l'unica strada percorribile. Gorent Spa, azienda leader su scala nazionale nel settore del noleggio di veicoli attrezzati per l'igiene urbana, è riuscita a dimostrare che grazie alle buone pratiche ambientali è possibile perseguire il profitto, cercando tuttavia di preservare l'ambiente che ci circonda.

Per questo Ecomondo, la Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile, che andrà in scena fino a sabato e che è giunta quest'anno alla diciassettesima edizione, sembra essere la location ideale per un'azienda dove la parola rispetto ambientale fa da sempre rima con la parola solidarietà: quella del patto ideale stretto con le future generazioni. A Ecomondo, la più accreditata piattaforma per il bacino del Sud Europa e del Mediterraneo per la valorizzazione e il riuso dei materiali, da anni si guarda al futuro parlando di Green Economy e analizzandone i vari ambiti di applicabilità.

A chiedere comportamenti virtuosi è anche l'Unione Europea che, entro il 2020, si è impegnata a ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra. A questo progetto hanno aderito fino ad ora 4500 città europee e oltre 1000 italiane. Ogni città avrà l'obbligo di redigere un "Piano Clima" che coinvolgerà settori strategici quali l'industria, l'energia, i trasporti, l'urbanistica e gli acquisti verdi. Inoltre le imprese e municipalizzate dei territori saranno chiamate a ridurre le proprie emissioni e la partecipazione alle gare pubbliche sarà vincolata al rispetto dei criteri "Carbon Management e Carbon Neutralità".

In anticipo su queste normative, Gorent ha deciso di valutare il proprio impatto ambientale con il controllo e la certificazione "Carbon Footprint", offrendo così un nuovo servizio che guarda nella direzione dell'ecosostenibilità. A tal proposito, durante Ecomondo, saranno presentati gli ultimi nati della flotta veicoli, gli Euro 6, grazie ai quali il livello di NOx si riduce del 80%, il particolato si abbatte del 50% e i gas di scarico sono rimessi in circolo con un'ulteriore riduzione di emissioni.

Le novità ecosostenibili in casa Gorent, vanno ad aggiungersi agli altri impegni concreti per l'ambiente che per l'azienda sono, ormai da anni, un modus vivendi. Sulla propria flotta di veicoli infatti, Gorent ha previsto un impianto di ingrassaggio biodegradabile, grazie al quale è possibile isolare il grasso dal contatto con l'aria e un'ottimizzazione dell'olio motore, con una riduzione del 30% nel consumo di lubrificante e una diminuzione dell'impatto ambientale della combustione. E non è tutto. I mezzi dati a noleggio sono anche dotati di rallentatore elettromagnetico di frenata, che riduce l'usura dei freni a vantaggio di una minor dispersione di polveri nell'aria. Ma il vero fiore all'occhiello, quello che è valso a Gorent un nuova certificazione, che si aggiunge a quelle di qualità ISO 9001 e ambientale ISO 14001, è l'adesione al progetto AZZEROCO2, ovvero la compensazione di CO2eq associata a 160500 chilometri percorsi da veicoli leggeri dati a noleggio e quindi l'adesione al progetto di forestazione in Italia, che ha contribuito a contrastare l'effetto serra.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento