I giovani sfidano la crisi: nel Riminese 9 startup di impresa nel 2014

In un mercato del lavoro dove le parole ricorrenti sono “disoccupazione” e “precariato” molti giovani hanno capito che per resistere e reagire alla crisi l'opportunità devono costruirsela da soli

In un mercato del lavoro dove le parole ricorrenti sono “disoccupazione” e “precariato” molti giovani hanno capito che per resistere e reagire alla crisi l'opportunità devono costruirsela da soli. Tanto che il fenomeno dei giovani che si lanciano in progetti imprenditoriali innovativi nuovi è fiorito improvvisamente e, forse, in modo inaspettato in una fase recessiva come  quella che sta attraversando il Paese. Continuano a crescere infatti i numeri delle “startup” di impresa (sono considerate tali quelle aventi con obiettivo sociale esclusivo o prevalente lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico).

I dati di “Infocamere” fotografano questa realtà che vede l’Emilia Romagna al secondo posto in Italia (prima è la Lombardia), con un totale di 192 startup ad inizio 2014. Dato che, scorporato per province, vede però un forte squilibrio tra Emilia (dove Bologna – nella top five  nazionale - la fa da padrona, con 61 start up) e Romagna che, complessivamente, si ferma a quota 32, quasi equamente distribuite (9 a Rimini, 11 a Forlì – Cesena, 12 a Ravenna). Numeri, quelli romagnoli, comunque in linea con province situate in contesti geografici ed economici simili (come Pesaro-Urbino).

“Sono dati – commenta Fabio Galli, assessore alle attività produttive della Provincia di Rimini - che testimoniano come, nonostante mille difficoltà, vi sia da parte dei giovani un vitalismo ed un dinamismo sul mercato che va assolutamente intercettato, sostenuto e promosso. Sostenere la creazione di nuove imprese è infatti un modo concreto per invertire la tendenza depressiva di questa terribile crisi economica, puntando sull’innovazione e l’intraprendenza di giovani che si mettono in gioco. Si tratta di mettere in moto un vero e proprio “scatto culturale” in grado di valorizzare le professionalità delle nuove generazioni puntando su crescita, sviluppo e impresa”.

“Certo i numeri locali danno un piccolo segnale in questo senso, anche se ancora limitatissimo, ma si dovrebbero creare le condizioni per un ulteriore sviluppo. Conta certamente il contesto socioeconomico ma è chiaro che i territori, Rimini compreso, dovrà seguire con attenzione crescente le prossime mosse del governo in tema di sostegno alla creazione di nuove imprese innovative. Ciò nella speranza che a livello nazionale vengano al più presto messe a disposizione risorse in grado di sostenere questo importante segnale di fiducia e cambiamento, dando modo al livello locale di integrarle soprattutto con semplificazione del quadro burocratico che davvero, molto spesso, si rivela l’ostacolo più alto di chi vuole fare impresa innovativa.”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Rissa tra giovanissimi in piazza, Fiori (Lega): "I soliti bambocci che creano problemi"

Torna su
RiminiToday è in caricamento