rotate-mobile
Economia

Ieg, ricavi per 72 milioni nel primo semestre, alle spalle la crisi pandemica. Nuovo ingresso nel Cda

Il Consiglio di Amministrazione di Italian Exhibition Group ha approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2022. Entra nel Cda Gian Luca Brasini, direttore centrale di Maggioli Spa

Il Consiglio di Amministrazione di Italian Exhibition Group S.p.A. (Ieg) società con azioni quotate su Euronext Milan, mercato regolamentato organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A., ha approvato la Relazione Finanziaria Semestrale al 30 giugno 2022.

Principali risultati primo semestre 2022

I Ricavi totali del Gruppo si attestano a 72,7 milioni di euro, in aumento di 65,6 milioni rispetto ai 7 milioni di euro del primo semestre 2021 nel quale le restrizioni per la pandemia Covid-19 avevano limitato fortemente il business.
L’Ebitda del primo semestre è positivo per 3,4 milioni di euro, in aumento di 17,5 milioni di euro rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente dove si registrava una perdita di 14,1 milioni di euro. L’Ebitda Adjusted, che corrisponde all’Ebitda depurato degli effetti di alcune specifiche partite di natura non ricorrente, ammonta nel primo semestre a 5,7 milioni di euro in miglioramento di 19,3 milioni di euro rispetto all’analogo dato del primo semestre 2021.

L’Ebitda ammonta a -5,7 milioni di euro, in miglioramento di 18,9 milioni rispetto al risultato registrato nel medesimo periodo dell’esercizio precedente. Il Risultato Prima delle Imposte beneficia di una gestione finanziaria positiva e ammonta a -5,1 milioni di euro, in miglioramento di circa 20,9 milioni rispetto al primo semestre 2021. Il primo semestre 2022 consuntiva per il Gruppo IEG una perdita di 5,6 milioni di euro, in miglioramento di 20,6 milioni di euro rispetto al medesimo periodo dell’anno precedente. Il Risultato del Periodo di pertinenza degli azionisti della Capogruppo contempla a una perdita di 5,2 milioni di euro contro la perdita di 25,0 milioni di euro del primo semestre 2021, registrando una variazione positiva di 19,8 milioni di euro.

La Posizione Finanziaria Netta al 30 giugno 2022 ammonta a 117,3 milioni di euro, in incremento per 11,7 milioni di euro, rispetto al 31 dicembre 2021. La PFN “monetaria” – che quindi non tiene conto del debito di 28,1 di euro derivante dall’applicazione dell’IFRS 16, degli eventuali debiti finanziari per future put options pari a 5,7 milioni di euro e del mark to market degli strumenti finanziari derivati per 0,1 milioni di euro – si attesta a 83,4 milioni di euro, con un aumento dell’indebitamento di 13,8 milioni rispetto alla fine dell’esercizio 2021. Alla data odierna il Gruppo dispone di scorte di liquidità a cui si aggiungono linee di credito accordate e non utilizzate per un ammontare complessivo non inferiore a 45 milioni di euro. Il patrimonio netto consolidato al 30 giugno 2022 ammonta a circa 88,8 milioni di euro in riduzione rispetto a quello del 31 dicembre 2021 che era pari a 93,4 milioni di euro.

Risultati per area

Il Valore della produzione dell’esercizio aumenta di complessivi di 72,7 milioni di euro. La variazione registrata nel periodo è frutto del fattore ripartenza del settore fieristico-congressuale che ha riguardato tutte le linee di business ed è stata positiva per 62,5 milioni di euro, definito effetto “Restart”. Tra tutte, si cita lo svolgimento di eventi di primaria importanza per il Gruppo quali, Vicenzaoro January in contemporanea con TGold, Sigep e Rimini Wellness con conseguente impatto positivo anche sulla linea dei Servizi Correlati. Positiva di 2,7 milioni (+4,1%) la crescita delle attività che hanno avuto luogo in entrambi gli esercizi, definito effetto “Organico”, attribuibile per la maggior parte ai risultati del comparto della ristorazione e degli allestimenti. L’impatto delle partite non ricorrenti è stato denominato effetto “One-off” e ha portato una variazione positiva per 0,7 milioni di euro (+1,0%). Infine, si rileva un effetto “Calendario” di -0,2 milioni di euro (-0,2%), dovuto all’assenza rispetto al primo semestre 2021 dell’evento “Ginnastica in Festa – Summer Edition”, che nel 2022 si è svolto nel mese di luglio e nel 2021 nel mese di giugno.

I ricavi degli eventi organizzati nel primo semestre 2022 ammontano a 32,6 milioni di euro, in aumento di 31,2 milioni rispetto allo stesso periodo dell’esercizio precedente, quando si svolsero solo eventi in formato digitale. Gli Eventi Ospitati del semestre sono stati 9 e hanno registrato 3,2 milioni di euro di ricavi, in aumento di 2,4 milioni rispetto al semestre dell’esercizio. La variazione è dovuta in parte al ritorno alle date storiche dei principali eventi Macfrut ed Expodental - i quali hanno ottenuto ottime performance - e in parte all’acquisizione di nuovi eventi, svolti sia presso Rimini Fiera che presso Fiera di Vicenza.

Gli Eventi Congressuali accolgono i risultati derivanti dalla gestione delle strutture del Palacongressi di Rimini e del Vicenza Convention Centre (VICC). Nel primo semestre 2022 si sono svolte tra le due sedi 51 congressi che hanno consuntivato ricavi per 5,8 milioni di euro, mostrando una ripresa di 5,5 milioni di euro rispetto al medesimo periodo del 2021. I ricavi da Servizi Correlati ammontano a 29,9 milioni, in aumento di 26,8 milioni rispetto al primo semestre 2021. Il volume d’affari è stato superiore alle aspettative, sia per quanto concerne i servizi di allestimento sia per i servizi di ristorazione che, oltre a beneficiare della ripresa delle attività fieristico congressuale dei quartieri serviti, hanno presentato volumi in crescita anche per le attività svolte in altre location (stadi, mense, circuiti automobilistici, punti ristoro). L’incremento è dovuto all’effetto “Restart” per 23,5 milioni di euro e per 2,5 milioni all’effetto “Organico”, mentre circa 0,7 milioni di euro sono imputabili all’effetto “One- Off”.

Nuovo ingresso in Cda

Lo sport - per passione, formazione, professione e incarichi - è la costante che attraversa come un fil rouge il percorso di Gian Luca Brasini. Classe ‘68, laurea in Economia e Commercio all’ateneo bolognese, master in Management delle Organizzazioni Sportive, residente a Rimini, due figli, Brasini siede da oggi nel Consiglio di Amministrazione della quotata Italian Exhibition Group Spa che tra i pillar del piano strategico presentato appena un mese fa vede anche lo sport.

Da sportivo Brasini ha anche vestito per 45 volte la maglia azzurra della Nazionale di Pallamano, sport che, da giocatore, lo ha visto vincere numerosi titoli tra cui uno Scudetto e una Coppa Italia. Attualmente direttore centrale della Maggioli Spa, global service leader italiano per la fornitura di servizi applicativi e soluzioni editoriali alle P.A. locali con un team di 2.600 persone, 70 filiali sul territorio del paese, 10 in Spagna, una in Belgio, Grecia e Colombia, Brasini ha ricoperto tra il 2011 e il 2021 la carica di assessore del Comune di Rimini con deleghe alle Risorse Umane, Risorse Finanziarie, Patrimonio e Demanio Comunale, Società Partecipate, Fundraising e, torna il tema, Politiche dello Sport.

Tra i più recenti incarichi di Brasini figurano inoltre quello di consigliere in ATERSIR, Agenzia di regolazione dei servizi pubblici locali ambientali della regione Emilia-Romagna e quello di presidente ATEM (per il quale il Comune di Rimini è stazione appaltante, per conto di 43 comuni, per l'affidamento in concessione del servizio pubblico di distribuzione del gas naturale).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ieg, ricavi per 72 milioni nel primo semestre, alle spalle la crisi pandemica. Nuovo ingresso nel Cda

RiminiToday è in caricamento