Il Comune incentiva il mercato delle locazioni a canone agevolato

Nessuna modifica invece è stata apportata rispetto alla precedente convenzione per ciò che concerne le spese di gestione e interessi che rimangono sempre a carico dell’Amministrazione Comunale

E’ stata siglato giovedì mattina in Residenza comunale il protocollo d’intesa per la promozione dell' utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini, sottoscritto oltre che dal Comune di Rimini, rappresentato dal Vicesindaco con delega alle Politiche abitative Gloria Lisi, da Acer, Camera di Commercio, C.N.A., Confartigianato, Confcommercio, Confesercenti, Confindustria, Associazione Costruttori, Lega delle Cooperative, Confcooperative, Cgil, Cisl, Uil, Sunia, Sicet, Uniat, Unione Inquilini, Confedilizia, Unione Piccoli Proprietari Immobiliari, Associazione Sindacale Piccoli Proprietari Immobiliari, Union Casa,

Scopo del protocollo è incentivare il mercato delle locazioni a canone agevolato, favorendo l’incontro tra domanda ed offerta per favorire l’accesso alla locazione di quei soggetti il cui reddito non permette l'accesso alla Edilizia Residenziale Pubblica (ERP), l' acquisto di immobile né il pagamento dei canoni di locazione liberi. Con la sottoscrizione di questo protocollo si costituisce così una rete tra gli attori economici e sociali del territorio che diventano parte attiva nel promuovere e incentivare l’utilizzo del contratto di locazione a canone concordato.

Un tipo di contratto che, oltre a prevedere una serie d’agevolazioni fiscali, da un lato riesce a tutelare il proprietario, eliminando i rischi connessi alla selezione dei conduttori e al regolare pagamento del canone di locazione, dall’altro il conduttore, mediante la garanzia di contratti trasparenti, un canone di locazione a canone concordato e l'accesso al fondo di garanzia per l'affitto per favorire la stipula del contratto ed il rispetto degli obblighi contrattuali. E’ proprio della scorsa settimana, la decisione della Giunta comunale di rinnovare la convenzione con Eticredito – Banca Etica Adriatica, per favorire la locazione della casa, attraverso la concessione di prestiti per il pagamento dell’affitto e il rilascio di garanzie a sostegno del contratto a canone concordato.

“Un rinnovo – ha detto il Vicesindaco con delega alle Politiche abitative Gloria Lisi – in cui abbiamo voluto introdurre alcune modifiche significative per favorire le famiglie economicamente più fragili, rivedendo ad esempio i limiti minimi contemplati per l’accesso al beneficio abbassandoli da 9.000 a 7.500 euro. Oltre a questo, viene poi data la possibilità ai conduttori di richiedere prestiti non solo per le spese strettamente legate al pagamento dell’affitto ma anche per il pagamento delle utenze domestiche, delle spese condominiali e delle varie spese di manutenzione dell’alloggio che gravano sull’inquilino. Abbiamo anche voluto aumentare l’importo massimo del credito, che passa da 2.550 euro a 5.000, e il piano di rateizzazione, che potrà durare sino a 48 mesi. Insomma, uno strumento importante a favore delle famiglie e del loro diritto all’abitazione specie in momenti così difficili per tante famiglie riminesi.”

Nessuna modifica invece è stata apportata rispetto alla precedente convenzione per ciò che concerne le spese di gestione e interessi che rimangono sempre a carico dell’Amministrazione Comunale, consentendo all’inquilino di farsi carico della sola quota capitale. Una presenza forte dell’Amministrazione comunale che avrà anche la funzione di garantire anche i diritti dei proprietari, col superamento delle remore che spesso sono d’ostacolo alla concessione della propria casa in affitto. La convenzione infatti dà la possibilità agli inquilini che stipulano un contratto a “canone concordato” di richiedere al Comune il rilascio di una garanzia che tuteli il locatore in caso di sopraggiunta morosità, con il rimborso degli affitti non corrisposti fino a sei mensilità e delle spese legali sostenute per avviare la procedura di sfratto.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento