Giovedì, 23 Settembre 2021
Economia

Impennate delle tariffe energetiche, Federconsumatori lancia l'allarme

Per Graziano Urbinati Presidente di Federconsumatori Rimini è necessario che il Governo intervenga a calmierare i prezzi,  altrimenti si avranno ripercussioni disastrose sulle bollette

I dati Istat dei prezzi al consumo ci consegnano una variazione del più 1,9% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente.  Ma il vero e preoccupante balzo in avanti viene fatto da alcune importanti voci di spesa dei cittadini e delle famiglie riminesi, infatti si registra un + 10 % per quanto riguarda la voce abitazione e beni energetici, un più 5,2% per quanto rigurada i trasporti e un più 4,2% sui servizi ricettivi e di ristorazione. Nel dettaglio le altre voci: prodotti alimentari, e bevande analcoliche + 0,5%, bevande alcoliche e tabacchi + 0,2%, abbigliamneto e calzature – 2,9% , mobili e servizi per la casa  - 0,2%, Servizi sanitari e spese per la salute + 1,1%, comunicazioni -1,8%, ricreazione spettacolo e cultura – 0,4%, istruzione -2%, altri beni e servizi +3,3%. 

Ciò che desta maggiore preoccupazione e allarme è il rincaro del 10% dei prodotti energetici ad agosto di luce e gas che in base alle potranno aumenteare di un ulteriore 30%. Stando alle stime di Enea, infatti, i fattori climatici, l’incremento del PIL e della produziuone hanno determinato e determineranno un aumento della domanda di energia e un conseguente aumento propositato dei prezzi al mercato. Ciò comporterà una stangata per le famiglie con l’approssimarsi dell’autunno e della stagione invernale calcolato in + 110 euro annui per l’energia elettrica e + 281 eruo annui per il gas, a cui vanno sommati i costi del carburante e dei mezzi di tasporto per altri + 100 euro annui cui sia ggoiungono per spese energetiche ulteriori  +178 euro annui. Se le stime verranno confemate gli aumenti a carico di ogni famiglia riminese potrebbero attestarsi solo per queste voci  complessivamente sui 669 euro all’anno. 

Per Graziano Urbinati Presidente di Federconsumatori Rimini è "necessario che il Governo intervenga a calmierare i prezzi,  altrimenti si avranno ripercussioni disastrose sulle bollette. Nel 2018 Federconsumatori ha presentato al parlamento una sua richiesta di riforma della  tassazione sulle bollette, tagliando le accise e gli oneri di sistema, voci desuete e ingiusticabili che spesso vanno ad incire per piu della metà dell’iimporto delle bollette.  Per Federconsumatori Rimini anche nei bilanci dei nostri comuni è opportuno destinare risorse per intervenire a sostegno di tali necessari spese delle fasce deboli della popolazione, in particolare, famiglie, giovani disoccupati, cassaintegrati precari e anziani.  I gravi aumenti sull’enrgia avvengono in un contesto di piena transizione energetica, occorre pensare ad investimenti in campo energetico green (parco eolico)  che producano vantaggi ambientali ed energia verde a basso costo per la comunità.  Occorre una seria riforma fiscale e l’istituzione  un albo delle imprese che vendono  energia elettrica e gas". 

                                

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impennate delle tariffe energetiche, Federconsumatori lancia l'allarme

RiminiToday è in caricamento