In un calice l’identità del territorio: taglio del nastro per una nuova "bottiglieria"

Il punto vendita è stato inaugurato mercoledì scorso alla presenza di tanti riminesi e si è parlato della sintonia tra investimenti e progetti territoriali dell’azienda con la promozione turistica della città di Rimini attraverso l’enogastronomia e il territorio

Si chiama bottiglieria, ma non cercatela nel vocabolario. Per sapere di cosa si tratta basta andare in via Castelfidardo al civico 64 (di fronte al mercato coperto, dietro il Tempio Malatestiano). Rocche Malatestiane investe su uno spazio in cui presentare ai riminesi i nuovi progetti attraverso i vini: referenze in bottiglia e vino sfuso. Si parla in questo caso di reale filiera corta perché i vigneti sono sulle prime colline di Rimini e la cantina a Coriano. Vini che esprimono l’identità del territorio, quelli de Le Rocche Malatestiane, prodotti da 500 viticoltori che coltivano direttamente 800 ettari di vigneto in provincia di Rimini, dall’alta Valmarecchia fino all’entroterra di Cattolica.

Un grande vigneto su cui l’azienda (grazie al Gruppo Cevico di cui fa parte) ha sviluppato il progetto di vinificazione separata per territori, per comunicarne al meglio le caratteristiche attraverso le diverse identità dei vini. Il punto vendita è stato inaugurato mercoledì scorso alla presenza di tanti riminesi e si è parlato della sintonia tra investimenti e progetti territoriali dell’azienda con la promozione turistica della città di Rimini attraverso l’enogastronomia e il territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Rimini, oggi, è una città che considera la promozione turistica attraverso l’asse culturale e enogastronomico una vera e propria priorità strategica - ha affermato il sindaco Andrea Gnassi -. Gli interventi di riqualificazione urbana radicale in centro, i contenitori culturali in corso di restauro, le mostre, gli eventi rientrano tutti in una pianificazione integrata che mira a immettere qualità nel sistema in modo da incrementare l’attrattività della città specie sul versante internazionale”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento