L'industria del Gioco non fallisce, fatturato di 80 miliardi

Taglio del nastro martedì mattina a Rimini per la 24esima edizione di Enada Primavera, la Mostra Internazionale degli Apparecchi da Intrattenimento e da Gioco, aperta fino a venerdì 16 su 40mila metri quadri

Taglio del nastro martedì mattina a Rimini per la 24esima edizione di Enada Primavera, la Mostra Internazionale degli Apparecchi da Intrattenimento e da Gioco, aperta fino a venerdì 16 su 40mila metri quadri e con 400 aziende tra dirette e rappresentate, grandi imprese italiane ed estere con proposte rivolte a tutto il business del divertimento. Presenti il presidente della Provincia di Rimini Stefano Vitali e l'assessore alle Attività Economiche del Comune di Rimini Jamil Sadegholvaad, affiancati dai presidenti di Rimini Fiera Lorenzo Cagnoni e dell'associazione nazionale SAPAR (Sezione Apparecchi per le Pubbliche Attrazioni Ricreative), Raffaele Curcio

Nella conferenza stampa di apertura, Curcio - riassumendo i dati di settore - ha ricordato l'impegno di SAPAR per un gioco responsabile: "Di fronte ai fenomeni patologici che coinvolgono il gioco è importante sottolineare l'inutilità della condanna e della demonizzazione, per prendere atto che l'unica strada efficace da percorrere è la promozione di una cultura della responsabilizzazione centrata su una forma di divertimento sano". A questo proposito l'associazione ha avviato una campagna nazionale, "Affinché il gioco rimanga un gioco" per intensificare la prevenzione delle ludopatie e la tutela del giocatore e dei minori.

E veniamo ai dati. Il turnover 2011 dell'intera industria dei giochi è stato di circa 80 miliardi di euro, con un incremento del 30% rispetto al 2010 (+18,45 miliardi). Questo dato non va assolutamente confuso con quello della spesa effettiva dei giocatori, che risulta dal differenziale fra il turnover e la quota di restituzione a premi. Degli 80 miliardi giocati, ben 61,5 sono infatti tornati nelle tasche dei giocatori. Quindi una percentuale di vincita media del 77%, con un +7,5% rispetto al 2010. Il prelievo per imposte è rimasto invariato (8,7 miliardi), mentre quello dei canoni di concessione Aams è aumentato da 310 a 420 milioni.

L'incidenza dell'erario sul GGR (gross gaming revenue, ciò che resta del turnover dopo il pagamento delle vincite) è scesa dal 49,86 al 47,28%. Il corrispettivo totale alla filiera è salito a 9, 27 miliardi, per un incremento di circa il 10% sull'anno precedente. I dati smentiscono seccamente l'etichetta di Stato biscazziere, perché a fronte di un aumento del 30% del turnover le entrate erariali sono rimaste invariate. Tale considerazione è confermata anche dal fatto che, sempre in relazione all'aumento del 30% della raccolta, la spesa dei giocatori è aumentata solo del 5,5%. La crescita del turnover è dovuta in gran parte ai nuovi giochi: VLT (quasi 15 miliardi di turnover), cash games e casino games su internet che vantano il prelievo erariale più basso e le percentuali di vincita più elevate. ENADA, manifestazione di SAPAR, è organizzata dalla Spa riminese nella primavera in riviera e a Roma in autunno, col patrocinio di AAMS, il supporto di EUROMAT e la collaborazione di ASCOB, FIDART, ANESV, S.I.CON.

Tra le mille novità in mostra, il "monopoli del terzo millennio", un tavolo digitale e touch che riprende il famoso gioco che ha attirato l'attenzione di tante generazioni. Per dare una mano all'ambiente c'è un nuovo calciobalilla da esterno, realizzato in materiale completamente proveniente da recupero e riciclo. E ancora a Enada, il Bejeweled, protagonista assoluto su Facebook ora in una versione da sala giochi. Per divertirsi mentre ci si mantiene in forma ecco il gioco su cyclette: più forte si pedala per raccogliere i bonus offerti dal percorso sullo schermo, più si conquistano posizioni.

Torna il mitico Pac-Man, a Enada in un'imponente nuova versione a 4 postazioni in gara tra loro e uno schermo da 52'. E sempre in tema di "passato", da non perdere la casa dei mitici Flinstones, a grandezza naturale. Dopo il cinema in 5D ecco arrivare ad Enada anche quello in 6D: ai tradizionali effetti in 3 dimensioni, a cui si erano aggiunti movimento e getto d'aria, si sommano ora profumi e aromi e, grazie al gas inerte, l'effetto nuvola.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento