L'Scm in forte crescita e a caccia di personale qualificato

L'azienda riminese tra le più importanti nelle tecnologie e soluzioni per la lavorazione del legno sta cercando dipendenti

Giovani diplomati presso istituti tecnici ad indirizzo elettrotecnico, elettronico, meccanico, meccatronico, ed informatico,  con conoscenza scolastica della lingua inglese e disponibili a viaggiare per rappresentare nei cinque continenti i valori e l’immagine di un’azienda strutturata, in forte crescita e di spessore mondiale presso clienti prestigiosi nel settore. Sono questi i requisiti che SCM, l'azienda riminese tra le più importanti nelle tecnologie e soluzioni per la lavorazione del legno, sta cercando per ricoprire con nuovi talenti fortemente motivati alla prospettiva di una carriera professionale in ambito metalmeccanico, uno dei ruoli più importanti per un’impresa che - come in questo caso - esporta il 90 per cento del suo fatturato in tutto il mondo: il tecnico trasfertista. Per reclutare nuovi giovani da destinare a questo settore, SCM ha scelto di attivare con la collaborazione di Randstad con un progetto di selezione e formazione mirato: “Professione  tecnico trasfertista: diventa service engineer con SCM”.

L’iniziativa, alla sua seconda edizione dopo il successo registrato nel 2016, coinvolgerà tra provincia di Rimini, Repubblica di San Marino e zone limitrofe, oltre una decina di giovani in possesso di diploma tecnico. Preferibile, ma non indispensabile, l’aver già maturato un’esperienza in reparti di produzione. “Quella del tecnico di assistenza - afferma Alessandro Capucci, Direttore Risorse Umane e Organizzazione di Scm Group - è oggi una delle figure professionali più difficili da reperire, a causa della domanda crescente da parte delle imprese e della limitata disponibilità di risorse con  diploma tecnico e adeguate competenze. Si tratta di un ruolo altamente professionalizzante, con concrete prospettive di sviluppo all’interno di un’azienda. In SCM offriamo un importante investimento nella formazione delle competenze tecniche specifiche, la possibilità di apprendere più lingue e di sviluppare nel tempo abilità personali e relazionali che costituiscono le basi su cui poggia la solidità e la spendibilità di questa  professione. Crediamo quindi che questo progetto costituisca, insieme alla possibilità di guadagnare molto bene, un’ottima opportunità, per quei giovani neodiplomati desiderosi di affacciarsi subito al mondo del lavoro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

Torna su
RiminiToday è in caricamento