Lunedì, 20 Settembre 2021
Economia

La Confartigianato incontra il candidato Jamil Sadegholvaad: "In ritardo gli insediamenti produttivi"

Nei prossimi appuntamenti l'associazione discuterà con i candidati sindaco Enzo Ceccarelli e Gloria Lisi

Il direttivo di Confartigianato Imprese Rimini, col Presidente Davide Cupioli e i vertici operativi dell’associazione, hanno incontrato mercoledì Jamil Sadegholvaad, candidato sindaco di Rimini per la coalizione di centrosinistra alle prossime elezioni amministrative. Gli incontri proseguiranno poi venerdì 10 col candidato Enzo Ceccarelli e venerdì 17 con la candidata Gloria Lisi.

"L’incontro, mirato alla concretezza dei temi - afferma la Confartigianato - è stato utile anche a condividere alcune valutazioni sullo stato generale delle imprese, di quelle artigiane in particolare, per poi scendere su alcune questioni più prettamente locali. Su queste, alcune evidenze che necessitano di tempestive decisioni".

Fra i temi su cui si è discusso c'era quell odelle aree produttive, con la Confartigianato che ha rilevato come siano "in grave ritardo gli insediamenti Produttivi nel comparto “Villaggio 1° Maggio”, ritardi in gran parte addebitabili ad errori o carenze degli Uffici dell’Amministrazione che hanno scaricato disagi e costi sulle aziende assegnatarie. Oltre 200 aziende attendono un’azione più incisiva per sbloccare la situazione e consentire una serena conclusione della vicenda. Il completamento dell’area produttiva di Viserba è un altro aspetto a cui è necessario porre maggiore attenzione".

Rispetto a turismo e balneazione "l'emergenza è riconducibile principalmente alle imprese che operano sul demanio - dichiarano i vertici dell'associazione - L’altalenante normativa stride con gli investimenti per la realizzazione in corso del Parco del Mare. La stagione turistica è stata positiva sotto il profilo dell’affluenza, ma il modello dell’offerta resta legato ad un turismo privo della capacità di spesa che dovrebbe garantire una redditività tale da incentivare investimenti. Una leva fondamentale sarà la “Premialità aggregativa” per stimolare gli operatori balneari a prospettive di reale e redditizio sviluppo.

Secondo Confartigianato "l'utilizzo degli spazi e del suolo pubblico va riorganizzato in termini di decoro e funzionalità. Troppe zone, in particolare al mare, vivono una deregolamentazione selvaggia, in particolare dovuta all'attività di cittadini stranieri che sviliscono il valore di pregio della zona e vanificano gli interventi di arredo urbano compiuti dall'Amministrazione Comunale. Discorso a parte merita il tema legato alla cronica mancanza di parcheggi che già erano insufficienti e ora sono perfino diminuiti, creando disagio per tutte le attività in particolare nel centro storico, dove sarebbe auspicabile una maggiore chiarezza sulle finalità e destinazione dell'attuale mercato comunale coperto S. Francesco. Positivo valorizzare i monumenti storici, con la speranza che si guardi anche al recupero dell’Anfiteatro Romano adiacente l'attuale “Asilo Svizzero”, si è programmato poco o nulla in tal senso. Non è ammissibile trascinare certe vicende per così tanti anni.

Passando alle infrastrutture, Confartigianato si augura "che la prossima Amministrazione Comunale si adoperi per una felice e rapida definizione di un polo fieristico regionale, capace di tenere insieme le realtà principali e competitive sui mercati internazionali. La fiera, con tutto il suo indotto, rappresenta un volano decisivo per la nostra città. Troppo poco si conosce su quanto è avvenuto e dovrà avvenire nel dialogo fra società fieristiche". Sul fronte aeroporto invece "servirebbe superare questa fase competitiva fra territori, pensando ad esempio a garantire collegamenti rapidissimi fra lo scalo di Bologna e la Riviera".

Altro tema centrale dell'incontro è stato il welfare: "Mutuando anche le esperienze di comuni limitrofi, si potrebbe procedere all’implementazione di una piattaforma integrata fra pubblico e privato. Ciò consentirebbe da una parte una corretta informazione per la fornitura di beni e servizi ai cittadini da parte delle imprese del territorio; dall'altra essere fonte di informazione e comunicazione di vario genere e natura da parte degli Enti Pubblici (servizi sociali, eventi, ecc.) a beneficio della popolazione sia residente che turistica. Un punto fondamentale che sta a cuore a Confartigianato, impegnata sul fronte dell’occupazione e dell’imprenditoria femminile, è che la prossima Amministrazione metta in campo sostanziali provvedimenti per la tutela di una condizione che la pandemia ha fortemente penalizzato, non tanto sotto il profilo numerico (le imprese sono in lieve crescita), ma sotto l’aspetto della condizione e delle tutele nei quali il lavoro femminile viene esercitato e in particolare sulla conciliazione dei tempi vita-lavoro".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Confartigianato incontra il candidato Jamil Sadegholvaad: "In ritardo gli insediamenti produttivi"

RiminiToday è in caricamento