La storica "Gaspari" saluta Morciano: "Nessun licenziamento"

Il "Gruppo Gaspari" ha disposto il trasferimento da Morciano di Romagna a Cadriano (Granarolo dell’Emilia) per motivi produttivi e di ottimizzazione dei costi.

Il "Gruppo Gaspari" ha disposto il trasferimento da Morciano di Romagna a Cadriano (Granarolo dell’Emilia) per motivi produttivi e di ottimizzazione dei costi. L'azienda precisa "che lo spostamento non comporta alcuna cessazione di parti della produzione. La natura dell’iniziativa aziendale e le caratteristiche attuali della situazione dell'impresa non consentono di accedere ad ammortizzatori sociali previsti dalla legislazione vigente né, tantomeno, l’Azienda intende procedere a licenziamenti in quanto le figure professionali presenti a Morciano proseguiranno la loro attività sugli stessi macchinari nella sede di Cadriano".
 
"A questo proposito, preme sottolineare che nelle varie valutazioni effettuate è risultato un aumento delle produzioni digitali e si rende quindi necessario attivare un coordinamento dell’attività di progettazione informatica con quella di stampa, sempre in vista di un’ottimizzazione dei processi e di economie di spesa - sottolinea l'Azienda -. Il Gruppo Gaspari ha seguito tutti gli iter previsti dalla legge e dalla contrattazione di categoria e auspicherebbe una leale collaborazione dei propri dipendenti per affrontare insieme una contrazione del mercato dell’editoria cartacea che non si vuole mini le basi di un’Azienda che occupa 150 persone tra rete commerciale, consulenti e dipendenti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento