rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Economia

Metalmeccanici, in arrivo aumenti in busta paga per 4 mila riminesi

Tra i benefici adeguamento retributivo del 5% erogato in tre tranche più una quota una tantum di 130 euro erogata a marzo e luglio 2022

È stata siglata l’intesa per il rinnovo del Contratto collettivo di lavoro artigiani Area meccanica 2019-2022 scaduto il 31 dicembre 2018, che riguarda i dipendenti delle imprese artigiane dei settori metalmeccanici e installazione impianti (orafi, argentieri e affini, odontotecnici) restauro artistico beni culturali.

Un’altra buona notizia per le lavoratrici e i lavoratori del comparto meccanica, dopo che, a fine 2020, era stato rinnovato il contratto regionale del settore, che aveva visto consolidato il welfare contrattuale. “Il rinnovo del Ccnl artigiani - dichiara Davide Drudi della Fim-Cisl Romagna - si conclude a valle di una trattativa difficilissima, dilatata nel tempo perché molto condizionata dalla crisi pandemica e dallo stallo economico che ha colpito duramente aziende e lavoratori”.

Dopo 14 mesi di trattativa, Fim-Fiom-Uilm e i rappresentati delle delegazioni associazioni datoriali Cna, Confartigianato e Claai hanno raggiunto l’accordo del rinnovo contrattuale 2019-2022, che riguarda circa 500 mila lavoratori e 130 mila imprese.

“La metalmeccanica - specifica Drudi - ha una notevole rilevanza sociale ed economica in Romagna, vista la presenza sul territorio di aziende artigiane del settore. E’ un rinnovo contrattuale che interessa sul territorio romagnolo circa 13.812 lavoratori e 2.795 imprese”. A Rimini le aziende interessate da questo Ccnl sono 829 e 3.921 i dipendenti.

L’intesa prevede: adeguamento retributivo del 5% erogati nel 2022 in tre tranche, al quarto livello complessive 70 euro; quota una tantum di 130 euro erogata in due tranche, marzo e luglio 2022. E ancora: aumentati gli importi dell’indennità di trasferta e di reperibilità del 5% a partire dal 1 gennaio 2022; definita la formazione obbligatoria di 8 ore, da effettuare entro il 2022 per il recupero dei gap di competenza digitale; avviato il percorso per la riforma dell’inquadramento professionale. Istituito un gruppo tecnico paritetico che, entro la fine del 2022, dovrà declinare i nuovi profili professionali in modo da valorizzare le nuove professionalità e le nuove funzioni che in questi anni si sono consolidate a fronte di modifiche dell’organizzazione del lavoro.

Riguardo i contratti a temine sono stati negoziati: la durata complessiva massima del rapporto; il diritto di precedenza per l’assunzione a tempo indeterminato; l’eliminazione degli intervalli temporali tra un contratto a termine e l’altro; la stagionalità e le causali per il ricorso al contratto a termine. Dal primo gennaio 2022 anche l’area meccanica degli artigiani che operano nel settore del Restauro di beni culturali potranno trovare tutela dentro il contratto.

“Il rinnovo del Ccnl Artigiani area Meccanica è per noi un traguardo importante, per certi versi segna una svolta. Non era più derogabile, ad esempio, il necessario adeguamento economico dei salari. La catena del valore non è più autocentrata, ma attraversa per intero le filiere produttive" conclude il sindaco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metalmeccanici, in arrivo aumenti in busta paga per 4 mila riminesi

RiminiToday è in caricamento