Morciano, Eliseo Alesiani confermato presidente di Confartigianato

La Confartigianato di Morciano e della Valconca, riunitasi in Assemblea ha rinnovato le cariche del Consiglio Direttivo in vista del X Congresso Provinciale. All’unanimità, alla presidenza è stato confermato Eliseo Alesiani, in carica dal 1998

La Confartigianato di Morciano e della Valconca, riunitasi in Assemblea ha rinnovato le cariche del Consiglio Direttivo in vista del X Congresso Provinciale. All’unanimità, alla presidenza è stato confermato Eliseo Alesiani, in carica dal 1998. Completano il Consiglio Geo Casadei, Giuseppina Ciuffoli, Paolo Di Pietro, Ferdinando Di Virgilio, Claudio Fiori, Roberto Leurini, Leondino Piergiacomi, Luigi Priori, Attilio Savoretti, Sergio Tombini, Stefano Torresan e Sandro Ubaldi.

Il nuovo direttivo rappresenta il mondo imprenditoriale, dall’artigianato di servizio al settore produttivo, dall’edilizia al settore dell’impiantistica, dall’artigianato artistico alle piccole imprese industriali, dai servizi alla persona al settore del commercio. Per rilanciare l’economia nel territorio della Valconca, La Confartigianato chiede alle amministrazioni comunali "la riduzione delle imposte locali, Tares ed IMU; inoltre sostiene che sia necessario procedere all’attuazione di importanti progetti, come la realizzazione del nuovo ponte sul fiume Conca e la riqualificazione dell’area dove era insediata la ex Ghigi a Morciano".

"Il dibattito ha fatto emergere problemi da risolvere subito - evidenzia l'associazione -. l più sentito dagli imprenditori è quello del lavoro abusivo e della concorrenza sleale che  lavoratori non in regola svolgono nei confronti delle imprese regolari. Tutto il mondo dell’imprenditoria ne è interessato, ma i settori più colpiti sono quelli dell’acconciatura, dell’estetica, dell’autoriparazione, dell’installazione degli impianti e dell’edilizia".

La Confartigianato "denuncerà alle autorità competenti i lavoratori abusivi che le verranno segnalati. I lavoratori in nero spesso non sono in possesso dei requisiti personali, lavorano in ambienti che non hanno i requisiti igienico-sanitari, non rispettano le normative edilizie e nemmeno quelle ambientali, svolgono concorrenza sleale e non pagano l’iva, i contributi e le tasse".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento