No Tax Area, per la Cna ancora troppo rigidi i requisiti messi dal Comune

Secondo gli artigiani il sostegno "non nasce per avere visibilità bensì per dare opportunità alle nuove aziende in modo concreto"

"Il sostegno alla “No tax area” non nasce per avere visibilità bensì per dare opportunità alle nuove aziende in modo concreto. È sempre quello il piano su cui ci confrontiamo, nell’interesse di chi fa impresa". A sosetenerlo sono gli artigiani della Cna Sono dopo l'annuncio di palazzo Garampi che ha indicato le dieci imprese ed attività economiche che hanno presentato domanda al Comune di Rimini per ricevere i contributi economici previsti dal bando "No tax area". "La “No tax area” - prosegue Cna - non essendo decollata in questi anni nel Comune di Rimini, in sede di nuova programmazione ci ha visti da subito come Cna sottolineare come i paletti posti dall’Amministrazione rispetto i requisiti obbligatori siano stati troppo restrittivi. Prendendo spunto dai bandi dei comuni vicini, avevamo avanzato alcune osservazioni nel merito. Nello specifico si richiedeva di indirizzare l’azione superando il concetto di no tax area e trasformandolo invece in un sostegno più generale legato ai costi di avvio per le nuove aziende: le spese di inquadramento e costituzione, l’attivazione dei locali (spese allaccio utenze, adeguamenti logistici e arredi), una quota riferita al canone di affitto del primo anno oltre all’acquisto di attrezzature e macchinari. Proposte concrete per dare gamba alle imprese, non certo per guadagnare spazio in rassegna stampa". 

"Sempre per fare crescere le adesioni e l’incisività dell’intervento - sottolineano gli artigiani - come CNA abbiamo spinto per la modifica e l’alleggerimento dei requisiti obbligatori, trattandoli non come obblighi, quindi non come causa di esclusione, ma come maggior punteggio, chiedendo poi la possibilità di estensione al bando ad alcune categorie che non erano comprese nelle precedenti edizioni. Solo una parte delle nostre osservazioni sono state recepite ed evidentemente gli obblighi del bando risultano ancora troppo selettivi. Il presupposto della no tax area è quello di aiutare le imprese con un sostegno economico nella fase di avvio dell’attività, attraverso uno sgravio delle imposte comunali pagate, ma per farlo serve comprendere fino in fondo quali siano le esigenze in campo e chi siano i protagonisti del provvedimento. Le micro e piccole imprese generalmente sono costituite unicamente dal titolare, almeno nella fase di avvio. Difficilmente affrontano imposte comunali come occupazione suolo pubblico o imposta pubblicitaria, perché spesso, per necessità, partono con il minimo sforzo economico possibile, soprattutto in questo momento di difficoltà. Gli uffici Cna gestiscono ogni anno decine di pratiche per l’avvio di impresa ma tra tutte, anche quest’anno, solamente due avevano i requisiti per poter accedere al fondo. Ci auguriamo che l’Amministrazione faccia propri i nostri suggerimenti, sintesi dell’ascolto di chi rappresenta l’impresa, per far decollare questa valida opportunità. Questo è il nostro ruolo, non altri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • Ristorante accusato di razzismo, non ci furono saluti fascisti

  • Il mondo della notte piange la scomparsa di Giancarlo Montebelli

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

Torna su
RiminiToday è in caricamento