Nordwind Airlines torna a volare sull'aeroporto "Fellini" di Rimini

La compagnia aerea fa dietro front dopo l'annuncio del trasferimento ad Ancona, la soddisfazione di Airiminum e le "stoccate" ad altre realtà

AIRiminum 2014 S.p.A. annuncia a partire da domani, sabato 17 settembre, il ritorno all’Aeroporto di Rimini del volo di Nordwind Airlines, la compagnia aerea con base a Mosca che opera voli charter a favore di diversi tour operator russi, dopo che recentemente era stato annunciato il trasferimento sull’Aeroporto di Ancona. La tratta verrà ripristinata all’Aeroporto Internazionale di Rimini e San Marino “Federico Fellini” con la frequenza di un volo a settimana operato con un Boeing 777 in grado di trasportare 393 passeggeri. Tale risultato si è potuto raggiungere grazie alla buona volontà di tutte le parti che hanno lavorato in queste settimane per trovare una soluzione equilibrata che potesse rispettare al contempo le condizioni di economicità aziendale dell’aeroporto e quelle altrettanto legittime della compagnia aerea.

 “Siamo molto felici di questo ritorno “a casa” di Nordwind - dichiara l’Amministratore Delegato di AIRiminum 2014 S.p.A. Leonardo Corbucci -  dopo un esilio forzato di sole tre settimane. Dobbiamo per questo ringraziare la compagnia e i nostri partner russi con cui crediamo di aver trovato una base su cui costruire un percorso strategico solido e duraturo per i prossimi anni, nella consapevolezza che il livello qualitativo dei servizi dell’aeroporto Fellini e l’accoglienza loro riservata dal territorio siano in grado di soddisfare le aspettative dei passeggeri di Nordwind. Quello che ci fa indignare e ci lascia perplessi è che il nostro tentativo faticoso di innovare il settore dei medi aeroporti italiani attraverso nuove modalità gestionali orientate sull’efficientamento e l’autosufficienza economica venga costantemente boicottato da operazioni spesso in perdita e senza alcun ritorno per il territorio di riferimento, praticate da aeroporti che si sostengono esclusivamente su fondi pubblici. Aeroporti gestiti da società spesso e volentieri in forte crisi strategica, con un livello di indebitamento non più sostenibile e con difficoltà a garantire il pagamento regolare dello stipendio ai propri lavoratori, ad eccezione dei manager, che determinano con tali pratiche una situazione di far west a danno degli aeroporti stessi che, nel 99% dei casi, corrisponde alla triste equazione ‘a danno dei contribuenti italiani’.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Dipendente positivo al coronavirus, il pub chiude per fare i tamponi a tutto il personale

  • Nuovi casi di Covid pericolosamente vicini a quota 100, Rimini tra i peggiori in regione

  • Aeroporto, nuovo volo al Fellini con partenza da dicembre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento