Nuove esigenze alimentari, dal vegano all'etnico: Ieg lancia Foodnova

Annunciato alla Fiera di Rimini il network delle tendenze e novità del food di domani. Foodnova unirà a Gluten Free Expo e Lactose Free Expo, le new entry Expo Veg ed Ethnic Food Expo

Annunciato sabato, in occasione dell’apertura di Gluten Free Expo e Lactose Free Expo, il nuovo progetto di Italian Exhibition Group Foodnova, network dedicato alle nuove esigenze alimentari, che debutta in questi giorni alla Fiera di Rimini. Alle ormai consolidate Gluten Free Expo e Lactose Free Expo, si affiancheranno le new entry Expo Veg ed Ethnic Food Expo: dunque in Foodnova quattro manifestazioni sull’universo degli Stili ed Esigenze alimentari dei consumatori con tutta l’offerta del mercato, in un unico hub. Expo Veg sarà la fiera dove i migliori prodotti alimentari adatti alla scelta vegetariana e vegana vengono lanciati per condividere benessere, sensazioni, scelte e stili di vita. Secondo Iri European Shopper Survey, l’11% di tutti i prodotti alimentari e delle bevande lanciati sui mercati internazionali sono vegetariani e i ristoranti che in Italia hanno menù dedicati sono circa 53 mila. Ethnic Food Expo sarà la vetrina delle espressioni culinarie legate all’identità, alla tradizione e alla cultura di paesi e popoli che rispecchiano le esigenze di un mercato  sempre più internazionale ed eterogeneo, come ad esempio il cibo halal e la cucina kosher. In un contesto multietnico e di mercati globali, si aprono infatti nuove opportunità per le aziende che puntano non solo ad esportare, ma anche ad offrire sul nostro territorio la qualità dei propri servizi e prodotti, sia ad una clientela residente nel nostro paese, sia internazionale, grazie anche ai flussi turistici. 

Il mercato lo conferma: in base ai dati Nielsen, infatti, il 52% degli italiani consuma stabilmente piatti etnici e il 42% di chi mangia fuori casa, lo ha fatto almeno una volta in ristoranti etnici. Si stima inoltre che il mercato del cibo italiano halal valga attualmente circa 5 miliardi di euro e sia destinato ad aumentare, non solo grazie alla popolazione residente, ma anche al turismo. Sono 500 le aziende italiane certificate dalla World Halal Authority, operanti prevalentemente nel settore carni. Secondo l'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, il mercato kosher vanta un tasso di crescita medio del 12% annuo. A livello internazionale, in paesi come gli Stati Uniti, Israele e nord-est Europa si registrano tassi di crescita sempre più elevati. Per quanto riguarda l'Italia, il mercato è in via di sviluppo, soprattutto negli ultimi anni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Una nevicata e oltre 400mila luci per lo show di Riccione Christmas Star con la musica di Ralf

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento