menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Occupazione nel territorio Romagna, a Rimini previste 1900 assunzioni

Gli impieghi proposti sono alle dipendenze per il 90% dei casi mentre le entrate più significative riguardano le “Professioni commerciali e dei servizi”

Nei territori provinciali di pertinenza della Camera di commercio della Romagna le imprese alla ricerca di personale sono il 15% del totale a Forlì-Cesena (quinta provincia in regione dopo Bologna, Piacenza, Parma e Ferrara), l’11% a Rimini (nona e ultima posizione in ambito regionale), in calo rispetto alle previsioni del mese precedente; in Italia il 13%. Prendendo in considerazione il trimestre fino a gennaio 2018 l’incidenza di imprese che prevedono assunzioni cresce: in regione sono il 17,7 %, stessa percentuale a Forlì-Cesena (settimo posto tra le province, dopo Modena) e 12,7% a Rimini (ancora ultima dopo Ravenna). Questo è quanto emerge dai dati, riferiti a novembre 2017 rilevati in ottobre, dell’indagine mensile dei fabbisogni occupazionali delle imprese del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere in collaborazione con Anpal con elaborazioni dell’ufficio Orientamento al lavoro e alle professioni, alternanza e placement dell’ente camerale.

Le imprese dell’area Romagna hanno programmato 4.170 entrate, pari al 15,1% del flusso regionale: 2.270 sono previste nella provincia di Forlì-Cesena e 1.900 in provincia di Rimini. In Emilia-Romagna gli ingressi programmati sono 27.600 (9,2% del flusso nazionale) e in Italia si si attestano a 299.000; di questi, 120.000 sono riservati agli under 30 (il 40,2%, percentuale in crescita). In linea con il dato nazionale, oltre il 40% delle opportunità di lavoro messe a disposizione dalle imprese sono destinate a giovani under 30: il 44% a Forlì-Cesena e il 41% nella provincia di Rimini, incidenze in crescita. Gli impieghi proposti sono alle dipendenze per il 90% dei casi a Rimini e per l’88% a Forlì-Cesena, in prevalenza a termine (64% e 66% rispettivamente).

Le entrate più significative riguardano le “Professioni commerciali e dei servizi” (Rimini 36% e Forlì-Cesena 34%), in particolare: 450 ingressi a Rimini nei “Servizi di alloggio e ristorazione, servizi turistici” e 570 a Forlì-Cesena nel settore “Commercio”; in imprese con meno di 50 dipendenti per il 67% dei casi a Rimini e nel 60% a Forlì-Cesena. Delle entrate programmate, circa 1 su 4 è complicata dalla difficoltà di reperimento delle figure richieste dalle imprese, come in Italia (25,1%): nel 26% dei casi a Forlì-Cesena e nel 23% in provincia di Rimini. Le professioni più difficili da reperire sono: “Operai specializzati e conduttori di impianti nelle industrie tessili, di abbigliamento, calzature” (52,5%) per Forlì-Cesena e “Operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche” (42% dei casi) per la provincia di Rimini.

L’area aziendale di inserimento più frequente per le assunzioni previste è la “Produzione di beni ed erogazione del servizio” in entrambe le province (più del 56% a Rimini e 49% a Forlì-Cesena) con difficoltà di reperimento maggiori a Forlì-Cesena (26,3% contro 21,9% a Rimini) e una richiesta di under 30 superiore a Rimini (41,9%, mentre a Forlì-Cesena è quasi il 37%). La richiesta di laureati riguarda il 10% a Rimini e l’8% a Forlì-Cesena (12% Italia). I profili high skills (dirigenti, specialisti e tecnici) saranno il 16% e 15% rispettivamente nei due territori, quando a livello nazionale sono il 20%. Si registra comunque un recupero del territorio riminese rispetto al mese scorso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Arco d’Augusto, storia di uno dei simboli di Rimini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento