Inizia il conto alla rovescia: si avvicina l'ora del Palacongressi

Inizia il conto alla rovescia. Con un investimento di 117 milioni di euro, Rimini inaugura sabato 15 ottobre, alle 17, il Palacongressi più grande d’Italia costruito ex novo

Inizia il conto alla rovescia. Con un investimento di 117 milioni di euro, Rimini inaugura sabato 15 ottobre, alle 17, il Palacongressi più grande d’Italia costruito ex novo. La realizzazione è della Società Palazzo dei Congressi di Rimini, presieduta da Lorenzo Cagnoni e controllata da Provincia, Comune e Camera di Commercio di Rimini. La gestione sarà curata dal Convention Bureau della Riviera di Rimini (società del Gruppo Rimini Fiera), presieduta da Roberto Berardi.

 Interverranno al taglio del nastro il Ministro del Turismo Vittoria Brambilla e il Presidente della Regione Emilia Romagna Vasco Errani. Il progetto dell’opera è del professore Volkwin Marg, dello Studio GMP di Amburgo, una delle prime quindici firme dell’architettura mondiale contemporanea. Il Palacongressi sorge su un’area di 38.000 mq, può suddividere gli spazi fino ad ottenere 39 sale e 9.000 sedute complessive con tre ingressi indipendenti. La sala più grande può accogliere 4700 ospiti. La struttura è dotata di 500 posti auto sotterranei.

 Alla gestione del nuovo palacongressi di Rimini, secondo una formula innovativa ed unica in Italia, parteciperanno anche i migliori alberghi del territorio, attraverso il pagamento di royalties del 10% sulle presenze congressuali. Il Consorzio AIA Palas è nato all’interno dell’Associazione Albergatori di Rimini (la più grande d’Italia) dispone attualmente di oltre 2500 camere raggiungibili in tre chilometri.

 Il mercato congressuale della Riviera di Rimini (2010) - Il Rapporto dell’Osservatorio Congressuale Riminese - promosso da Convention Bureau della Riviera di Rimini e redatto dall’Università di Bologna/Rimini Campus – ha rilevato che nel corso del 2010 le presenze congressuali sono aumentate del 4,83%, facendo registrare nel periodo 2004-2010 un incremento pari al 47,58%.

L’anno 2010 si è chiuso dunque con 6.937 eventi ospitati (+1,71% rispetto al 2009), 1.181.429 partecipanti (+5,43%) e 2.715.439 giornate di presenza congressuale (+4,83%). La provincia di Rimini è la destinazione congressuale italiana più importante dopo le città metropolitane. Per quanto riguarda il mercato nazionale, a TTG INCONTRI (in corso fino a domani a Rimini Fiera) il Convention Bureau Italia ha ricordato i dati 2010 di Icca (International Congress and Convention Association) del 2010.

L'Italia è al secondo posto, dopo gli Stati Uniti, nella classifica internazionale per numero ci partecipanti al turismo congressuale, mentre è sesta (dietro a Stati Uniti, Germania, Spagna, Regno Unito e Francia) nel ranking delle destinazioni internazionali per il corporate travel.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Coronavirus, nuovo decreto fino al 5 marzo: divieto di ricevere più di due persone in casa

Torna su
RiminiToday è in caricamento