Presentata la terza edizione del bilancio sociale di prime cleaning

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

Presentata la terza edizione del Bilancio Sociale di Prime Cleaning

Una nuova stagione di cooperatori

 

Rimini - 29 novembre 2012

 

Giovedì 29 novembre serata dedicata alla rendicontazione sociale, con la presentazione del Bilancio Sociale di Prime Cleaning, cooperativa multiservizi che da 20 anni opera sul territorio riminese.

Una nutrita partecipazione all'evento, sinonimo dell'interesse e dell'importanza dei temi trattati e soprattutto del più ampio percorso di responsabilità e di attenzione che da sempre Prime Cleaning persegue nel portare avanti la sua attività. Una realtà cooperativa cresciuta sono solo nei numeri, ma anche nei valori di cui vuole farsi portavoce.

Si parla di una nuova stagione di cooperatori: coloro che mettono al centro del proprio operato l'orientamento al territorio, la volontà di una governance multistakeholders e l'idea di aggregazione del capitale.

"L'occupazione generale vive un momento di forte sofferenza, ma noi cerchiamo di mantenere il livello degli occupati degli anni precedenti. Oggi Prime Cleaning conta 291 lavoratori occupati, 225 dei quali sono anche soci cooperatori, un trend in crescita rispetto agli anni precedenti", sottolinea nel proprio intervento Giulio D'Angelo, Presidente di Prime Cleaning.

Alla presentazione del Bilancio Sociale è seguito un momento di confronto e di dialogo con i partecipanti, con l'intervento di Paolo Venturi, Direttore AICCON Associazione Italiana per la promozione della Cultura della Cooperazione e del Non Profit dal tema "Cooperazione e sviluppo locale: il valore aggiunto dell'impresa sociale" e Giancarlo Ciaroni, Presidente Legacoop Rimini.

Occasione per parlare di due temi di fondamentale importanza, quelli della cooperazione e dello sviluppo, ma anche del ruolo dell'economia cooperativa sul territorio, come confermato dai numeri. In Emilia Romagna sono 5.300 le imprese cooperative, pari al 6,7% di quelle presenti in Italia, ed occupano ben 228 mila personale, il 16,5% del totale degli occupati nelle cooperative italiane. In media 42,7 occupati per cooperativa.

"Nel cooperare le relazioni sono la centralità del lavoro, il valore aggiunto è rappresentato dall'orientamento alla comunità. La cooperazione è un modo diverso di fare impresa, grazie alle relazioni e alle motivazioni che ne stanno alla base, è questo il valore intrinseco della cooperazione", sottolinea Paolo Venturi, Direttore AICCON.

Con l'intervento conclusivo Giulio D'Angelo esprime come "sia fondamentale ripensare in modo consapevole le nostre aziende, attraverso la responsabilità sociale d'impresa. Anche in questo senso Prime Cleaning è una realtà capace di innovare".

 

Torna su
RiminiToday è in caricamento