Pubblicato bando Mercatini Natale a Riccione: si punta a qualità e tipicità dei prodotti made in Italy

Le casette da assegnare per lo svolgimento di attività di esposizione e vendita sono 20 con possibilità di successivo incremento

Come anticipato nei giorni scorsi, a seguito dell’istituzione della fiera straordinaria da prevedere in occasione del Natale (l’atto che consente di avviare la procedura per definire tempi e modalità del mercatino), è stato pubblicato questa mattina all’albo pretorio l’avviso pubblico per la scelta degli operatori economici a cui assegnare le strutture di vendita temporanea che andranno a comporre il mercatino natalizio. Il mercatino con i prodotti dell’artigianato, quelli tipici delle festività e dedicati ai regali è una proposta dalla forte attrattiva, che accompagna la passeggiata e lo shopping, ed è parte integrante del villaggio natalizio, rappresentandone tradizionalmente – per quanto in maniera innovativa come lo scorso anno – un elemento di grande richiamo.

Un interesse vero che non è solo dei tantissimi che scelgono i viali di Riccione per passeggiare e fare acquisti nel periodo delle feste ma anche per chi ambisce, ogni anno di più, ad occupare gli spazi in cui poter esporre e proporre i propri prodotti. Così come per il 2017/2018, le linee guida della “fiera straordinaria” sono all’insegna della qualità e della creatività, con priorità per i prodotti che richiamano le tradizioni, le suggestioni e l’immaginario del Natale. Le aree destinate ad ospitare il mercatino sono viale Ceccarini, viale Dante (fino a viale Galli) e viale Gramsci (fino a viale Martinelli) ed il periodo individuato va dal 24 novembre 2018 al 7 gennaio 2019. Le casette da assegnare per lo svolgimento di attività di esposizione e vendita sono 20 (con possibilità di successivo incremento) con apertura dal lunedì al giovedì dalle ore 10.00 alle ore 20.00, venerdì, sabato e domenica dalle ore 10.00 alle ore 22.00.

Possono presentare domanda le imprese individuali e le società, iscritte alla Camera di Commercio, che producono e/o commercializzano i seguenti prodotti: figure ed accessori per presepi, addobbi per l’albero di Natale, candele ed altri oggetti in cera, prodotti dell’artigianato artistico, in legno, vetro, metallo, paglia, cuoio, tessuti, ceramica, terracotta, sculture in legno, articoli da regalo natalizi. Altri articoli comunque a tema natalizio ma non inclusi nella precedente elencazione, saranno ammessi ad insindacabile giudizio della commissione tecnica esaminatrice; le imprese individuali e le società, iscritte alla Camera di Commercio, che producono e/o commercializzano alimenti e bevande, a condizione che si tratti di specialità tipicamente natalizie e di prodotti di particolare qualità; sono ammessi anche gli hobbisti e i creatori dell’ingegno creativo purchè espongano/vendano prodotti rientranti nel tema natalizio. Non saranno ammessi tutti gli articoli e i prodotti che a giudizio inappellabile della Commissione tecnica non siano ritenuti inerenti al carattere ed alle finalità della manifestazione.

Sul totale dei partecipanti sarà riservata una quota non superiore al 30% agli operatori con attività di somministrazione di alimenti e bevande. La valutazione delle proposte sarà a cura della commissione tecnica selezionatrice nominata ad hoc e verrà effettuata sulla base di una graduatoria stilata secondo i seguenti criteri: provenienza territoriale dei prodotti/articoli privilegiando i prodotti tipici locali e filiera corta; qualità e tipicità dei prodotti made in Italy con marchi di qualità certificati; originalità/creatività degli articoli/prodotti; attinenza degli articoli/prodotti al tema natalizio della manifestazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapre un supermercato storico della Riviera: 78 lavoratori e un investimento di 4 milioni

  • Cachi: il frutto che aiuta a combattere la stanchezza

  • Terremoto in mare, epicentro individuato davanti alla costa riminese

  • "Armato di pistola in piazza Ferrari", Pecci lancia l'allarme sulla sicurezza

  • Nuova ordinanza regionale, si allarga la rete dei negozi aperti nei festivi. Restrizioni fino al 27 novembre

  • Disse "mare di merda" sui social, arriva il decreto di condanna per diffamazione nei confronti di Rimini

Torna su
RiminiToday è in caricamento