menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Qualcosa sta cambiando: si beve più acqua di rubinetto e si risparmia di più

Hera presenta la quinta edizione del report “In buone acque” in anteprima al Bologna Water Design, la kermesse ‘fuori-fiera’ del Cersaie dedicata al design dell’acqua, che si terrà dal 23 al 28 settembre

Hera presenta la quinta edizione del report “In buone acque” in anteprima al Bologna Water Design, la kermesse ‘fuori-fiera’ del Cersaie dedicata al design dell’acqua, che si terrà dal 23 al 28 settembre. Attraverso un percorso espositivo realizzato all’interno del chiostro del palazzo ex Ospedale Bastardini di Via D’Azeglio (dove si terranno tutte le conferenze dell’evento) la multiutility racconterà i contenuti della pubblicazione che ogni anno rendiconta la qualità dell’acqua di rubinetto e i controlli messi in campo per garantirla.

Nel 2012 le analisi effettuate su tutta la filiera di produzione dell’acqua potabile, che va dalle fonti alla distribuzione, sono state 620.521, pari a 1.700 al giorno. Il 99,6% dei controlli effettuati da Hera e Ausl attraverso i laboratori Arpa è risultato conforme alla legge. I laboratori del Gruppo sono operativi 7 giorni su 7 ed effettuano più di 900 analisi al giorno sulle acque potabili, avvalendosi di 80 tecnici specializzati.

Gli italiani, maggiori consumatori di acqua in bottiglia d’Europa - L’Italia con i 188 litri di acqua in bottiglia bevuti procapite nel 2011 detiene il primato europeo quale nazione con il più alto consumo di acqua in bottiglia (l’80% delle quali sono di plastica con evidenti impatti in termini di rifiuti prodotti). L’obiettivo del report che sarà distribuito in tutti i 227 comuni in cui Hera gestisce il servizio idrico, per un bacino complessivo di oltre 3 milioni di utenti, è quello di far conoscere tutte le attività svolte da Hera per garantire la qualità dell’acqua distribuita e promuovere un consumo più consapevole e sostenibile.

Un report unico in Italia, da scaricare anche on line - Il report ‘In buone acque’ è disponibile on line, sul canale del sito Hera dedicato all’acqua. Può essere consultato nei principali sportelli clienti del Gruppo Hera e viene distribuito nelle scuole che collaborano con la multiutility nei progetti di educazione ambientale. Sempre sul sito di Hera (www.gruppohera.it/dossier) è ancora possibile leggere il Dossier sull’acqua, un approfondimento a 360 gradi che parla anche di investimenti, tariffe e modelli di gestione.

L’acqua del rubinetto garantita dalla ‘Carta d’identità’, pubblicata anche nelle bollette - Per far conoscere ai cittadini la qualità e salubrità dell’acqua erogata dai 31.340 chilometri di rete acquedottistica, Hera ha stilato una ‘carta d’identità’ che, grazie a 328.168 analisi effettuate nel 2012 dai laboratori del Gruppo, di cui 41.924 nell’area di Rimini, è in grado di indicare al consumatore finale le caratteristiche dell’acqua distribuita. L’etichetta dell’acqua di rubinetto distribuita in ciascun comune è pubblicata sia sulle bollette spedite a casa degli utenti, sia sul sito internet aziendale.

Hera appone quindi alla sua acqua un’etichetta a garanzia dell’affidabilità di ciò che si beve ogni giorno. Nel report In buone acque sono pubblicati anche i risultati dei controlli effettuati dalle Aziende Usl che confermano l’ottima qualità dell’acqua di rubinetto. Per le sue qualità, l’acqua erogata da Hera può essere classificata come oligominerale e a basso tenore di sodio. Nell’area di Rimini le concentrazioni medie dei parametri dell’acqua distribuita lungo i 2874 km di acquedotto sono inferiori dell’81% rispetto ai limiti di legge.

Le Sorgenti Urbane: fonti pubbliche e strumenti di socialità - Dal 2011 Hera sostiene le azioni di sensibilizzazione sul consumo di acqua di rubinetto, cofinanziando l’installazione di 9 ‘Sorgenti Urbane’ e 25 ‘Case dell’acqua’ in diversi Comuni serviti dal sistema idrico aziendale. Nel 2012 sono state attivate 6 sorgenti urbane e 7 case dell’acqua. Nel 2012 questi impianti hanno distribuito 6,2 milioni di litri di litri di acqua corrispondenti a 4,4 milioni di bottiglie di plastica da 1,5 litri l’una. L’acqua erogata dalle sorgenti pubbliche proviene direttamente dalla rete acquedottistica e può essere refrigerata o gasata. Le fonti, inoltre, costituiscono un luogo di aggregazione pubblica utile a favorire la socializzazione ed il diffondersi delle buone pratiche civili.

I primi a sperimentare i benefici del consumo dell’acqua di rubinetto sono stati i dipendenti Hera - I dipendenti Hera, già dal 2008, hanno contribuito al risparmio di plastica e alla tutela dell’ambiente: il progetto Hera2O, infatti, promuove l’uso dell’acqua di rubinetto attraverso erogatori installati nelle mense e negli uffici. Nel 2012 negli uffici aziendali sono state bevute 450.000 tonnellate di acqua di rubinetto, evitando la produzione di 650.000 bottiglie in PET, l’equivalente del risparmio energetico di circa 44 tonnellate di petrolio, 122 tonnellate di CO2 non immessa in ambiente e 430 cassonetti in meno da gestire. Questa buona pratica se applicata a livello nazionale consentirebbe di risparmiare circa 6 miliardi di bottiglie in plastica all’anno necessarie a contenere gli 11,3 miliardi di litri di acqua minerale consumati in Italia nel solo 2011.

Qualcosa sta cambiando: si beve più acqua di rubinetto e si risparmia di più - Dal 2005 al 2012 la percentuale di cittadini che beve l’acqua del rubinetto (esclusivamente oppure assieme alla minerale) è cresciuta sensibilmente passando dal 47% al 54%. Secondo una ricerca svolta dall’azienda nel 2012 il 33% degli utenti intervistati beveva solo acqua del rubinetto mentre il 21% la accompagnava alla minerale. Preferire l’acqua di rubinetto genera vantaggi economici e ambientali. Nel 2012 il costo di 1.000 litri d’acqua del rubinetto è di 1,62 euro, mentre l’equivalente quantitativo d’acqua in bottiglia costa 300 euro.

L’amministratore delegato di Hera Maurizio Chiarini: “Garantiamo qualità, trasparenza e convenienza” - “Il report in Buone Acque, insieme alle tante altre iniziative realizzate dal Gruppo per informare i cittadini, vuole mettere in evidenza l’attenzione riservata al servizio idrico – afferma Maurizio Chiarini, Amministratore Delegato di Hera Spa – e gli importanti standard qualitativi raggiunti e garantiti ai nostri utenti. I risultati delle analisi che svolgiamo ogni giorno sull’acqua continuano a mantenersi eccellenti a riprova che l’acqua del rubinetto non ha nulla da invidiare alle acque oligominerali in bottiglia, bensì a loro discapito può vantare un valore aggiunto: l’economicità e la praticità oltre alla tutela dell’ambiente, garantendo risparmio alle famiglie, sicurezza e immediata disponibilità”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento