Riapre l'aeroporto di Rimini, Gnassi: "Lo scalo sta uscendo dal tunnel"

A parlare è il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, che in merito all'imminente riapertura del Fellini sottolinea come "lo scalo di Miramare sta uscendo dal tunnel, grazie anche al lavoro e alla collaborazione tra tutte le parti del tessuto istituzionale e socioeconomico riminese"

“Le notizie riguardanti l’aeroporto ‘Fellini’, la sua riapertura all’attività commerciale tra pochi giorni e gli impegni industriali annunciati dalla nuova società di gestione vanno considerate incoraggianti per il futuro dell’infrastruttura e, più in generale, di un territorio alla vigilia della ‘vernice’ di una stagione turistica che si preannuncia ancora una volta complessa".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A parlare è il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi, che in merito all'imminente riapertura del Fellini sottolinea come "lo scalo di Miramare sta uscendo dal tunnel, grazie anche al lavoro e alla collaborazione tra tutte le parti del tessuto istituzionale e socioeconomico riminese. Abbiamo sostenuto il ‘Fellini’ nella fase di crisi per non farlo chiudere definitivamente; lo abbiamo sostenuto con la Conferenza permanente coordinata dal  Prefetto,  durante la gestione provvisoria del curatore; lo abbiamo sostenuto con la raccolta straordinaria di risorse, animata da attività economiche e istituzioni; lo abbiamo fatto chiedendo ad ENAC che il bando per la nuova gestione fosse portato avanti ‘presto e bene’; lo abbiamo fatto grazie al lavoro puntuale dei parlamentari Arlotti e Pizzolante affinché i livelli governativi fossero consapevoli della strategicità dell’aeroporto nelle dinamiche di sviluppo locali; è stato fatto continuando a lavorare sui mercati internazionali, dalla Germania a Mosca, in sinergia con APT e operatori, per non spezzare mai quel filo, a un certo punto esilissimo, che teneva in vita le speranze per il ‘Fellini’".

"Lo abbiamo fatto - dice Gnassi - anche con gli sviluppi delle note vicende in corso su Aeradria perché tutte le energie da spendere dovevano avere come obiettivo la resistenza e poi la riapertura dell’aeroporto. Perché l’aeroporto, per Rimini, per tutto il territorio riminese, è parte decisiva dell’offerta turistica che qui ha portato e porta benessere, lavoro, investimenti, non a una parte ma all’intero tessuto comunitario. Certo, non accadrà che dalla prossima settimana tutto tornerà come prima; occorrerà tempo per riprendere le redini di un mercato di per se stesso inafferrabile e legato a dinamiche interne (si pensi alla crisi della Russia in questo momento). Ma adesso l’aeroporto di Rimini è pronto a decollare nuovamente. Una buona notizia per (quasi) tutti. Non per chi ha scommesso e scommette per fini diversi sul crac di Miramare. Sia dentro che fuori i nostri confini amministrativi".

"Questo perché in Italia esiste un sistema aeroportuale, paradossale e inquietante. L’aeroporto di Ancona, di proprietà pubblica, paga le compagnie russe con 20 euro a passeggero e- è notizia di oggi- arriva all’estremo di dire ‘volate da noi che vi paghiamo, poi potete andare a Rimini che è vicina’. E’ un ragionamento clamorosamente all’opposto di chi vede l’aeroporto come l’infrastruttura capace di generare sviluppo e indotto sul territorio dove è collocato. Dieci anni fa, con il ‘Fellini’ precipitato  a poco più di 200 mila presenze annue, il territorio decise di investire per rilanciare lo scalo e rilanciare lo sviluppo turistico soprattutto estero, avendo ormai un mercato esclusivamente italiano. Nei 6 anni successivi si è arrivati a sfiorare il milione di presenze annue, dando ossigeno e lavoro a migliaia di imprese grazie soprattutto agli arrivi dai Paesi ex sovietici. La domanda è, al di là di tutte le vicende che hanno e devono avere un loro corso e al di là di qualsiasi ombra polemica, perché da una parte, da tutte le parti, i contributi pubblici a un aeroporto sono un male e in altri, magari confinanti, sono un bene? Quanti enti pubblici in Italia sostengono con risorse finanziarie i loro scali? Lo fanno perché il costo è considerato non una spesa, ma un investimento che ha ricadute. Alcuni, paradossalmente, come Ancona lo fanno a tal punto che non interessa neppure se i turisti rimangono in città o nelle Marche per creare indotto. Da quelle parti si sostengono voli e aeroporto: pensare che a Rimini ciò sia avvenuto solo e attraverso una ‘coazione a delinquere’ estesa a amministratori pubblici, privati, enti economici, oggi che l’Aereoporto riparte per l’impegno di molti, è un paradosso italiano che preoccupa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento