menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Imprese e accesso al credito: a Riccione la Convention nazionale di Fedart Fidi

Saranno oltre 200 le presenze alla Convention di Riccione in rappresentanza di oltre 130 Confidi associati provenienti da tutte le regioni italiane, nessuna esclusa

Analisi sullo stato del credito e delle garanzie, ricerca di nuovi modelli e soluzioni di sistema, proposte concrete rivolte a tutti gli interlocutori - istituzioni in primis - per liberare risorse utili ad artigiani e piccole medio imprese e rilanciare la produttività e il sistema Paese. Riccione diventa la capitale italiana sui temi del credito alle piccole medio imprese: da giovedì a sabato all'Hotel Lungomare, si svolgerà la Convention annuale di Fedart-Fidi, Federazione Nazionale Unitaria dei Confidi dell’artigianato (realtà che associa circa 130 Confidi per un volume complessivo di finanziamenti garantiti, stando agli ultimi dati certificati - di circa 14 miliardi di euro, con garanzie per 6,4 miliardi di euro a favore di oltre 700.000 piccole e micro imprese).

Diverse le sessioni in programma durante la tre giorni di lavori, che andranno a toccare i principali temi di interesse dei Confidi, questioni che coinvolgono moltissime piccole e micro imprese italiane. Al centro dell’azione della Federazione è la definizione di una nuova politica del credito, in grado di far concretamente arrivare alle piccole medio imprese le risorse, oggi quanto mai fondamentali. L’attenzione di Fedart è rivolta in particolare a quelle imprese che sono nella cosiddetta “zona grigia”, che, pur avendo possibilità di sviluppo, in questo momento storico trovano difficoltà a rivolgersi direttamente alle banche per ottenere il credito necessario per portare avanti i propri obiettivi sul mercato , e che trovano quindi nei Confidi un valido supporto per finanziarsi.

Fedart Fidi, promossa da Confartigianato, Cna e Casartigiani, è la federazione di rappresentanza del maggiore sistema di garanzia al credito in Italia e in Europa, e l’unico al mondo fondato sul sostegno reciproco tra gli imprenditori. Il sistema dei confidi ha garantito nel 2013-2014 circa un quinto del totale dei finanziamenti erogati alle sole imprese artigiane, con punte di un terzo in alcune aree del Paese, con un trend in costante crescita fino allo scorso anno che ha visto invece un calo dei finanziamenti garantiti, proseguito anche nel primo semestre 2014. Saranno oltre 200 le presenze alla Convention di Riccione in rappresentanza di oltre 130 Confidi associati provenienti da tutte le regioni italiane, nessuna esclusa.

I lavori: apertura giovedì con il saluto di Katrin Sturm, segretario generale di Aecm, l’associazione europea dei Confidi, e di Fabio Petri, presidente Fedart Fidi, con la sua relazione introduttiva. A seguire la relazione sullo scenario economico e sul credito alle PMI a cura di Giorgio Gobbi, Ufficio Studi - Banca d’Italia e Mario Comana, Luiss – Università Guido Carli. In programma, sempre per la stessa giornata, la relazione di Aldo Stanziale sempre di Bankitalia sulla riforma del Testo Unico Bancario e poi la tavola rotonda con i presidenti delle federazioni dei Confidi: Fabio Petri, presidente Fedart Fidi/Assoconfidi; Pietro Mulatero, presidente Federconfidi; Mauro Gori, presidente Asscooperfidi; Sergio Ferrari, presidente Federfidi e Massimo Nobili, presidente Fincredit. Alla conclusione del primo giorno di lavori è stato invitato Enrico Zanetti, Sottosegretario di Stato al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Il secondo giorno di lavori, venerdì è riservato ai rappresentanti dei confidi associati. Al mattino tra gli argomenti trattati di interesse generale: il ruolo del Fondo Centrale di Garanzia nell’accesso al credito delle piccole medio imprese, con la presenza dei rappresentanti del Ministero dell’Economia e delle Finanza e del Ministero dello Sviluppo Economico, la gestione dei crediti deteriorati, formazione e servizi gestiti direttamente dalla Federazione e, infine, un confronto e un approfondimento su quale credito serve alle piccole imprese e sugli strumenti necessari per far fronte al credit crunch.

Nel pomeriggio è previsto l’intervento dei segretari generali delle Confederazioni che promuovono la stessa Fedart: Confartigianato, Cna e Casartigiani. Ultimo giorno, quello di sabato, dedicato al tema della Legge delega con l’intervento, fra gli altri, del Senatore Gianluca Rossi, primo firmatario della proposta di Legge Delega al Governo di riforma della normativa sui Confidi. Al termine dei lavori l’assemblea dei soci di Fedart rinnoverà gli organi della Federazione, nominando il nuovo Consiglio direttivo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento