Rimini, boom di assunzioni a tempo indeterminato nel primo trimestre dell’anno

Allo stesso tempo scende del 3,55% la cassa integrazione, in particolare la Cig in deroga che crolla del 98,88% a fronte di un aumento del 77,87% della Cig straordinaria.

Aumentano del 117,3% rispetto allo stesso periodo del 2014 i rapporti di lavoro dipendente a tempo indeterminato iniziati fra gennaio e fine marzo in provincia di Rimini, rappresentando il 15,4% dei contratti. E salgono complessivamente del 7% gli avviamenti, con picchi nel settore delle costruzioni, dei servizi e del commercio. Allo stesso tempo scende del 3,55% la cassa integrazione, in particolare la Cig in deroga che crolla del 98,88% a fronte di un aumento del 77,87% della Cig straordinaria.

Lo riferisce il deputato PD riminese Tiziano Arlotti, che illustra i dati sul mercato del lavoro provinciale relativi al primo trimestre 2015 elaborati dal Centro studi Politiche del lavoro e società locale della Provincia di Rimini sulla base delle comunicazioni obbligatorie registrate dai Centri per l’impiego provinciali nel periodo in esame e riguardanti rapporti di lavoro dipendente (esclusi rientri da sospensione; lavoro domestico; lavoro autonomo a partita IVA; lavoro marittimo; lavoro accessorio; tirocinio e lavoro di pubblica utilità).

“Decontribuzione, taglio dell’ Irap e contratti a tempo indeterminato a tutele crescenti in un contesto economico e finanziario virtuoso (QE attivato dalla Banca Centrale Europea, calo del prezzo del petrolio e rapporto dollaro euro che rafforza le nostre esportazioni) sono palesemente determinanti per questa svolta. Dimostrano che puntare sulla stabilizzazione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato si può contrastare efficacemente la precarizzazione del lavoro”, afferma Arlotti.

Avviamenti.  “Il dato del primo trimestre è eccezionale e chiude con +117% di assunzioni a tempo indeterminato. Dimostra che l’effetto del Jobs Act (efficace dal 7 marzo) è stato rilevantissimo. Infatti nei primi due mesi dell’anno l’aumento degli avviamenti a tempo indeterminato era stato del 77%, per effetto della decontribuzione e del taglio dell’Irap previsto dalla Legge di stabilità. Il confronto fra questo e il dato che fotografa i primi tre mesi fa vedere la netta spinta data dal Jobs Act”.

“Sul totale degli avviamenti in provincia nel 2015, quelli a tempo indeterminato sono nel primo trimestre il 15,4%, mentre nell’intero anno precedente pesavano per poco più del 5,5%. Diminuiscono appena dell’1% gli avviamenti a tempo determinato, mentre calano l’apprendistato (-11,8%), le collaborazioni (-12,4%), il lavoro intermittente e altre forme atipiche. Degli avviati il 69,6% sono residenti nel territorio riminese, in aumento dell’8% rispetto allo stesso periodo 2014. L’aumento degli avviati al lavoro è omogeneo per le fasce d’età dai 25 anni in poi (in media +8%) e vi è una sostanziale parità nelle assunzioni tra uomini (50,4%) e donne (49,6%). Dati che significano che si è preferito assumere a tempo indeterminato e che il processo di stabilizzazione interessa soprattutto persone residenti nella provincia. Diminuiscono le assunzioni di apprendisti, probabilmente legate al fatto che molti hanno preferito cogliere gli strumenti della decontribuzione e del Jobs Act per accendere rapporti di lavoro”. Nel dettaglio, da gennaio a marzo di quest’anno sono stati 18.262 (di cui 2.807 a tempo indeterminato) gli avviamenti al lavoro, ovvero le assunzioni  con rapporti di lavoro dipendente (subordinato e parasubordinato) in imprese o enti pubblici in provincia di Rimini. Oltre mille in più rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno, quando furono 17.069. La gran parte riguardano il settore dei servizi (42%), seguito da alberghi, ristoranti e pubblici esercizi (30,6). Percentuali più basse per commercio (7,9), agricoltura e pesca (7,8), industria (6,5) e costruzioni (4,6). E’  però quest’ultimo settore a registrare la crescita percentuale di avviamenti più consistente rispetto al 2014, con +34,9%, seguito da servizi (+11,2%) e commercio (+10,3), mentre in alberghi, ristoranti e pubblici esercizi gli avviamenti del primo trimestre risultano in calo dell’1,5%.
 
Cassa integrazione. “Nel periodo esaminato le ore autorizzate scendono complessivamente del 3,55% (da 2.006.386 a 1.935.232), flessione spinta dal calo della Cig ordinaria (-16,38%) e soprattutto di quella in deroga (-98,88%) che di fatto viene quasi azzerata. Sale del 77,87% la Cig straordinaria, con un picco del 3409,96% nel commercio (che segna dall’altro lato un -97,10% della Cig in deroga) , +177,51% in edilizia (dove complessivamente la cassa integrazione scende però del -10,75%) e +29% nell’industria (dove complessivamente sale in misura minore, 11,30%)”.

“C’è una tendenza a ridurre il ricorso alla Cassa integrazione, e sarà interessante capire quali sono le tipologie di imprese che hanno proceduto alle assunzioni e quali hanno fatto ricorso alla cassa integrazione. Il confronto con le dinamiche nazionali e regionali, i numeri straordinari delle assunzioni a tempo indeterminato uniti ai dati positivi sulle esportazioni ( seppur inferiori alla media regionale) mostrano il grande dinamismo di cui è capace il nostro tessuto di imprese locali in un contesto in cui il 70% degli occupati sono nel settore dei servizi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bagno in mare all'alba, una ragazzina muore annegata

  • Spot choc a danno della Riviera per promuovere la Calabria, rispetto al nord a rischio Covid

  • Suv tira dritto alla rotatoria, mamma e figlio in scooter centrati in pieno

  • Tragedia sulle strade, militare di stanza a Rimini perde la vita con la figlia 13enne

  • Notte Rosa, svelate le anticipazioni sull'edizione 2020

  • Scontro frontale tra due auto, 6 feriti. Mamma e figlia di 5 anni gravi al "Bufalini"

Torna su
RiminiToday è in caricamento