rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Economia

Rimini non è terra di paperoni, con meno di 20 mila euro di reddito medio fanalino di coda in Romagna

La maggioranza (oltre 35 mila contribuenti) dichiara un reddito inferiore ai 10mila euro, in città 824 i paperoni con oltre 120 mila euro

I riminesi non sono certo dei paperoni. E’ quanto emerge dai dati pubblicati dal Mef (ministero dell’Economia e delle finanze) relativi alle dichiarazioni dei redditi presentate nel corso del 2021 (Irpef), perciò valevoli nell’anno di riferimento imposta 2020. Se la media nazionale del reddito degli italiani si ferma a un valore di 21.570 euro, a Rimini il dato è nettamente inferiore con un reddito percepito di 19.832 euro. E il capoluogo risulta il più “benestante” di tutta la provincia, nonostante sia fanalino di coda di tutta la Romagna. E’ questo il quadro che emerge, sulla fragilità delle finanze dei riminesi inficiate sicuramente anche dal pieno periodo di pandemia, ma anche da una situazione di lavoro precario parecchio diffusa sul territorio.

Nel quadro complessivo provinciale la Città di Rimini è perciò quella che dichiara di più. La maggioranza (oltre 35 mila contribuenti) dichiara un reddito inferiore ai 10mila euro, in 15 mila dichiarano un reddito compreso tra 10 e 15 mila euro, nella fascia 15/26 mila euro ci sono 31mila persone. E in quella tra i 26 e i 55 mila euro 22mila contribuenti. Ben pochi coloro che dichiarano di più: 2.332 persone hanno dichiarato un reddito tra 55 e 75 mila euro, in 1.807 tra i 75 e i 120 mila euro, 824 i paperoni con oltre 120 mila euro.

Le cose non vanno meglio negli altri comuni. A Riccione il reddito medio scende a 19.252 euro con 201 paperoni sopra i 120 mila euro. A Bellaria Igea Marina il reddito scende a 17.121, mentre a Cattolica 19.025. Casteldelci fanalino di coda con appena 13.137 euro. A Santarcangelo di Romagna 19.692 euro.

L'analisi territoriale conferma che la regione con reddito medio complessivo più elevato è la Lombardia (25.330 euro), seguita dalla Provincia Autonoma di Bolzano (24.770 euro), mentre la Calabria presenta il reddito medio più basso (15.630 euro); anche nel 2020, quindi, rimane cospicua la distanza tra il reddito medio delle regioni centro-settentrionali e quello delle regioni meridionali. Nel rapporto con le altre città vanno meglio Forlì e Cesena (22 mila euro) e Ravenna (21 mila).
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rimini non è terra di paperoni, con meno di 20 mila euro di reddito medio fanalino di coda in Romagna

RiminiToday è in caricamento