Economia

Commercio in aree pubbliche, sono 1.764 convenzioni in scadenza

Entro il prossimo 7 maggio Rimini recepirà la normativa Bolkestein, il punto della situazione in Commissione

Sarà pronto entro la fine dell''anno il censimento delle aree pubbliche per il commercio. Che scatterà una fotografia precisa in base alla quale andare al rinnovo delle 1.764 convenzioni in scadenza il prossimo 7 maggio. Il punto della situazione lo fa questa mattina durante la seduta congiunta delle commissioni 3^ e 5^ del Comune di Rimini, l'assessore Mattia Morolli, in sostituzione del collega competente in ferie, Jamil Sadegholvaad. Spiegando che "si va a recepire la normativa Bolkestein, un percorso iniziato nel 2012". Grazie al censimento, aggiunge, a 13 mesi dallo spostamento del mercato ambulante dal centro della città, si sapranno quanti sono i soggetti che lavorano, su che tipologia e da quanto tempo, per ragionare in vista delle scadenze delle licenze su come strutturare i vari mercati ambulanti sul territorio. Il tutto in rapporto con le associazioni competenti. La delibera portata oggi in commissione, e approvata a maggioranza con l'opposizione contraria, entra nel merito il dirigente Alessandro Martinini, va a modificare l'individuazione delle aree intervenendo su 20 punti. A livello regionale sono infatti stati rivisti i criteri con tempi precisi dati ai Comuni: pubblicazione del bando tra il 1^ e il 31 dicembre e domande dal 1^ al 31 gennaio. Rimini, aggiunge, ha emesso il preavviso.

Tra le modifiche, spiega Martinini rispondendo ai dubbi dei consiglieri, c'è un accorpamento di cinque posteggi in due del mercato coperto nel settore ortofrutta, e un passaggio al piano superiore. Vengono sospese, come richiesto dagli operatori, la fiera di Pasqua e quelle pre natalizie, e attivate quelle di autunno e primavera. Terminata la sperimentazione nelle nuove aree, rimarranno i mercati estivo e invernale a Miramare anche se le location potrebbero ancora cambiare. Ancora. Ci sono delle rinunce di posteggi in via Lago Maggio e si conclude la revoca di quello in piazzale Gondar. Nessuna variazione a Torre Pedrera come in piazzale Boscovich, anche se qui la collocazione e'' provvisoria; mentre se ne troverà una "più consona, oggi non ancora individuata", per la bancarella in piazzale Malatesta. Non cambia nulla per gli itineranti, sempre proibiti sotto la statale, mentre rimane la possibilità di richiedere spazi di servizio, anche se nessuno li ha mai chiesti. Infine viene prorogata alla fine del 2017 la possibilita'' di assegnare per la spunta i posteggi rimasti liberi, che poi non verranno più messi a bando. I criteri di assegnazione, con durata di 12 anni, conclude Martitini, prevedono l'anzianità di impresa e quella di posteggio.
(Agenzia Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commercio in aree pubbliche, sono 1.764 convenzioni in scadenza
RiminiToday è in caricamento