menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Turismo, alla scoperte delle bellezze locali: arriva la Romagna Visit Card 2014

Giunta al suo terzo anno, la card che sarà in vendita dall'8 aprile a partire dai principali IAT del territorio, è uno strumento assai appetibile, e per il 2014 riserva ancora più vantaggi

Torna anche per il 2014 la Romagna Visit Card, la card turistica integrata che offre l’ingresso gratuito in ben 48 siti delle tre province romagnole e che da quest'anno allarga ulteriormente la propria proposta portando il suo valore economico complessivo a 215 euro. Tesori culturali, artistici e naturalistici, ma anche eventi, parchi di divertimento, strutture ricettive e per il benessere, trasporti pubblici, fino all’enogastronomia ed al divertimento notturno: da Bertinoro a Pennabilli, da Ravenna a Cattolica, tutto il territorio con le sue eccellenze è racchiuso in questa card di straordinaria utilità per il turista, e non solo (è stata pensata infatti anche per i residenti del territorio).

Il progetto, studiato e gestito dall’Ati Econstat (Bologna) ed Integra Solutions (Forlì), specializzati rispettivamente nella promozione turistica e nel marketing territoriale, è sviluppato in forma di compartecipazione pubblica grazie al contributo di APT Servizi, delle Province di Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini e delle Camere di Commercio di Forlì-Cesena e Ravenna. Patrocina l’iniziativa la Direzione Regionale dei Beni Culturali e Paesaggistici dell’Emilia Romagna. Tutte le informazioni sulla Romagna Visit Card, incluso l’elenco sempre aggiornato dei siti turistici e le principali informazioni di accesso, su www.romagnavisitcard.it.

“Ritengo la Romagna Visit Card uno strumento importante prima di tutto per costruire ed affermare una modalità di relazione, collaborazione e coinvolgimento dei singoli attori turistici, pubblici e privati, presenti in tutta la Romagna, andando oltre ai singoli confini amministrativi dei Comuni e delle tre attuali Province – ha affermato Fabio Galli, Assessore al turismo della Provincia di Rimini questa mattina alla presentazione. La Card ci consente di realizzare un’azione sul nostro prodotto turistico che va aldilà delle singole iniziative locali, un’azione che, partendo proprio dal protagonismo locale, dalla singole eccellenze turistiche e culturali, le mette a sistema per una più efficace valorizzazione sui mercati turistici nazionali ed esteri".

"E’ un’esigenza che oggi ritengo fondamentale, per la Riviera di Rimini e per tutta la Romagna - prosegue Galli -. L’obiettivo deve infatti essere quello di dare, attraverso questa “sintesi”, più forza alle singole specificità e risorse turistiche, per promuovere un territorio ancora più articolato e meravigliosamente complesso, che vede la Riviera di Rimini, ma ogni territorio della Romagna, al centro di un ricchissimo patrimonio naturale, storico e culturale, che partendo dalle vallate del nostro entroterra, abbraccia la Rimini antica e malatestiana, e unisce anche, in una logica ancora più ampia di bacino turistico, i siti Unesco di Ravenna, la Cesena Malatestiana”.

“In questo senso –ha concluso Galli- coerentemente con questo disegno, la Romagna Visit Card costituisce un positivo e concreto modello d’intervento che, soprattutto alla luce degli scenari relativi ai futuri assetti istituzionali che riguardano in primo luogo l’istituzione Provincia, rappresentano un’esperienza da cui partire e su cui proseguire anche nel prossimo futuro, per l’interesse del territorio e delle sue imprese turistiche".

LA CARD - Giunta al suo terzo anno, la card che sarà in vendita dall’8 aprile a partire dai principali IAT del territorio, è uno strumento assai appetibile, e per il 2014 riserva ancora più vantaggi, anche grazie all’incremento dei siti turistici ad ingresso gratuito. Da quest’anno infatti la Domus del Chirurgo, il Museo della città di Rimini e la Fortezza di San Leo saranno gratis per i titolari della Romagna Visit Card, andando ad aggiungersi ai Musei San Domenico di Forlì, alla Biblioteca Malatestiana di Cesena, al Museo della Marineria di Cesenatico, alla Fortezza Medievale di Castrocaro Terme, al Mausoleo di Teodorico ed alla Basilica di Sant’Apollinare in Classe di Ravenna, al Museo Internazionale delle Ceramiche di Faenza ed al Museo d’Arte Sacra di San Leo portando a 48 i siti completamente free per i visitatori.

Il valore economico della card, ossia il risparmio effettivo che permette rispetto all’acquisto dei ticket a titolo pieno, sale così a 215 Euro complessivi, a fronte di un costo di 12 euro. Non solo, la validità annuale della carta (scade il 6 gennaio 2015) permette al turista di visitare la Romagna più volte nel corso dell’anno e di ritornare nella destinazione, fidelizzandolo; l’unica condizione è che ogni sito è fruibile una volta sola. Da quest’anno la card potrà essere acquistata anche sul sito www.romagnavisitcard.it che, completamente rinnovato, rappresenta una guida ancor più pratica per chi si muove per la Romagna, riportando tutti i dettagli sugli sconti e sulle promozioni riservate, ma anche tutte le informazioni utili sui musei, i parchi e le strutture comprese nel “pacchetto” della Romagna Visit Card. Infatti, oltre ad un cosiddetto “circuito gratuito”, la carta turistica comprende una rete di siti ad “ingresso ridotto” per i quali sono previsti sconti fino al 50% (tra questi, il museo del “Sic” a Coriano). A questi si affiancano anche agevolazioni presso strutture ricettive, ristoranti, enoteche ed osterie e stabilimenti balneari della Riviera.

La Romagna è per tradizione anche cultura del buon vivere: per questo nell’offerta della Card non potevano mancare strutture legate al benessere come numerosi impianti termali, golf club e, soprattutto, proposte di divertimento come i grandi parchi a tema, da Mirabilandia ad Italia in Miniatura. Impossibile poi dimenticare, a proposito di divertimento, i circa 50 locali tra hotel, enoteche, ristoranti e disco-pub della Riviera presenti all’interno della Romagna Visit Card, nei quali sarà possibile ricevere servizi a prezzi ridotti. Il ricco calendario di appuntamenti e di eventi di intrattenimento offre condizioni vantaggiose ai titolari della card, come promozioni sui biglietti degli eventi culturali in programma, dal Plautus Festival di Sarsina al Ravenna Festival.

Infine, per fruire dei vari siti turistici e delle tante opportunità regalate, la Romagna Visit Card in collaborazione con Start Romagna presenta e propone lo speciale Orange Ticket 3 o 7 giorni, per il turista che vuole muoversi in libertà nel territorio (info su www.startromagna.it). Inoltre, tra le strutture agevolate, ci sono punti di rental bike per godersi una divertente escursione su due ruote.

PER I BAMBINI, TORNA LA “JUST4KIDS” - Per i più piccoli torna anche quest’anno la Romagna Visit Card “Just4Kids”, riservata ai bambini fino agli 8 anni. Ogni due Card acquistate, si ha infatti diritto (su richiesta) ad una tessera riservata ai più piccoli, con la quale potranno accedere gratuitamente a siti turistici inclusi nella Romagna Visit Card, ad esempio alla Casa delle Farfalle a Milano Marittima, con un vantaggio rispetto all’ingresso ridotto abitualmente previsto.

SOUVENIR DI ROMAGNA - La Romagna Visit Card anche quest’anno regala ai titolari un assaggio, è proprio il caso di dirlo, dei sapori della Romagna, terra di eccellenze enogastronomiche, oltre che fuoriclasse nell’ospitalità. Il coupon omaggio compreso nel kit della card permette di ritirare un prodotto della gastronomia locale presso uno qualsiasi dei punti Coop della zona. Per farlo, è necessario registrarsi, in seguito all’acquisto della Card, sul sito www.romagnavisitcard.it.

DOVE ACQUISTARE LA CARD e COME FUNZIONA - Romagna Visit Card 2014 sarà acquistabile nell’intera rete degli IAT e degli uffici turistici del comprensorio romagnolo, oltre ad alcuni siti turistici convenzionati (musei, etc), per un totale di 48 punti vendita. Può essere inoltre acquistata on line sul sito www.romagnavisitcard.it e ritirata, al proprio arrivo in Romagna, presso uno qualsiasi dei punti vendita (IAT e siti museali convenzionati).

Una volta acquistata la card, occorre attivarla registrandosi sul sito internet oppure inviando un SMS al numero di telefono indicato. E’ importante conservare l’sms di risposta che conferma l’attivazione poiché potrà essere richiesto all’ingresso dei siti turistici, insieme ad un documento di identità. Sul pieghevole che accompagna la card e nel quale sono indicati tutti i siti convenzionati, è presente anche un QR code che permette di rintracciare le informazioni principali sul sito della card.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Sicurezza

Odore di fumo in casa, 5 trucchi per eliminarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento