rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Economia Santarcangelo di Romagna

Santarcangelo fa il pieno di turisti: gennaio e febbraio in crescita del 20%

I dati dello IAT confermano il trend di ascesa dopo la pandemia, l’assessore Zangoli “Proposta consolidata complementare alla riviera”

Dopo aver registrato nel 2022 un aumento del 12% sulle visite guidate rispetto al 2019 (+80 per cento sul 2021), l’ufficio IAT-informazione e accoglienza turistica di Santarcangelo conferma il trend di crescita anche nei primi due mesi del 2023: gennaio e febbraio segnano infatti un incremento del 20% rispetto ai numeri già in ascesa del 2020 – crescita poi bruscamente interrotta dallo scoppio della pandemia – e del 33% rispetto invece allo scorso anno. Solo nella giornata di domenica 26 febbraio, i volontari della Pro Loco hanno accompagnato un gruppo di 350 turisti che hanno sfidato pioggia e vento per visitare il centro storico e le grotte. Ancora più evidente l’aumento di contatti registrati nei primi due mesi del 2023: con 2.786 richieste di informazioni, l’incremento rispetto a gennaio e febbraio 2020 raggiunge il 33%.

Numeri in risalita, testimoniati anche dai dati diffusi da Istat e Regione Emilia-Romagna, dai quali emerge come Santarcangelo sia l’unico grande Comune della Provincia a registrare una forte crescita di presenze turistiche nel 2022: un incremento che, rispetto al 2019, supera il 34% per le presenze turistiche e il 37% per i pernottamenti, contro una media provinciale in calo del 10 e dell’11%. Come di consueto, sono le iniziative estive a trainare le presenze turistiche e i pernottamenti (rispettivamente 5.500 e 10mila tra luglio e agosto), che si mantengono alti anche nel corso di tutta la seconda parte dell’anno. Anche la provenienza dei visitatori si conferma costante: per l’Italia i turisti arrivano soprattutto da Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto, mentre sono francesi, tedeschi e statunitensi (dove c’è una folta comunità di emigrati santarcangiolesi) a comporre il gruppo più consistente dei visitatori stranieri.

“Per quanto si tratti di due ordini di grandezza estremamente diversi – afferma l’assessore al Turismo, Emanuele Zangoli – i dati che nel corso degli ultimi anni ci arrivano dall’ufficio Statistica della Regione testimoniano la crescita di un turismo slow, alla scoperta della Valmarecchia e dell’entroterra riminese”. “Si sta via via consolidando una proposta turistica diversa e complementare a quella della riviera, che crea un’offerta in grado di soddisfare e rispondere a itinerari differenti e originali: nel corso degli ultimi anni, anche in collaborazione con gli altri Comuni dell’entroterra e grazie al costante impegno dei volontari della Pro Loco che gestisce l’ufficio IAT, abbiamo cercato di sviluppare una proposta integrata a quella della costa, delineando un pacchetto turistico completo che nel giro di qualche chilometro spazia dal mare e dalla vivacità della riviera romagnola ai percorsi storico-naturalistici delle vallate interne, passando per un percorso di degustazioni enogastronomiche che abbraccia le tantissime tipicità presenti della provincia di Rimini”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Santarcangelo fa il pieno di turisti: gennaio e febbraio in crescita del 20%

RiminiToday è in caricamento