I benzinai tornano ad incrociare le braccia. E intanto calma sul fronte prezzi

La protesta, indetta dai sindacati Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, interesserà gli impianti stradali ed autostradali di distribuzione carburanti

I benzinai italiani incrociano le braccia e proclamano un’agitazione nazionale dalle 6 del 6 novembre alle 6 dell’8 novembre. La protesta, indetta dai sindacati Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, interesserà gli impianti stradali ed autostradali di distribuzione carburanti. “La protesta – viene spiegato - è rivolta innanzitutto nei confronti del Governo che sta gravando, con adempimenti inutili e cervellotici, un'intera categoria con provvedimenti che vanno dalla fatturazione elettronica ai Registratori di cassa Telematici (anche per fatturati di 2 mila l'anno); dalla rimodulazione dell'Indice Sintetico di Affidabilità fiscale (ISA) irraggiungibile per i gestori all'introduzione di Documenti di Trasporto (Das) e modalità di Registrazione giornaliera in formato elettronico; dall'invio dei corrispettivi giornalieri in formato elettronico fino al gravame fiscale e contributivo per i Gestori che non ricevono, in tempo, da Fornitori e Agenzia delle Entrate i documenti necessari per la loro contabilità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I prezzi

Intanto i prezzi praticati dei carburanti sul territorio non mostrano comunque particolari variazioni. In particolare, in base all’elaborazione di Quotidiano Energia giovedì si è registrato un intervento al rialzo di un centesimo di Tamoil sul prezzo raccomandato del diesel. In Mediterraneo le quotazioni dei prodotti petroliferi hanno chiuso mercoledì in discesa. Secondo i dati a livello nazionale comunicati dai gestori all’Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio in modalità self della benzina è a 1,579 euro al litro, con i diversi marchi che vanno da 1,574 a 1,596 euro/litro (no logo 1,561), mentre quello del diesel è invece a 1,471 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,469 a 1,487 euro/litro (no logo 1,456). Quanto al servito, per la verde il prezzo oscilla tra 1,669 a 1,786 euro/litro (no logo 1,612), mentre per il diesel tra 1,572 e 1,694 euro/litro (no logo 1,506).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il suo cuore si spegne davanti agli occhi degli amici: muore a 22 anni

  • Litigano per una donna davanti all'Arco d'Augusto: spuntano bastoni e cocci di bottiglia, due feriti

  • Bonus bici: è boom di vendite di biciclette, ma non per tutti

  • Ecco la nuova spiaggia di Rimini: 18 metri quadri a ombrellone, apertura fino alle 22 e ok al delivery

  • Colpo al traffico di "bianca": arrestato pusher con più di 300 grammi di cocaina

  • Lavoro stagionale, le figure più ricercate e i consigli dei Centri per l'impiego

Torna su
RiminiToday è in caricamento