Tassa di soggiorno, Federalberghi: "Ricorreremo al Tar contro i Comuni"

Le Federazioni regionali di Federalberghi (con tutte le sue Associazioni territoriali degli Albergatori) ribadiscono la loro netta contrarietà all'introduzione della Tassa di Soggiorno

Le Federazioni regionali di Federalberghi (con tutte le sue Associazioni territoriali degli Albergatori), Fipe, Faita, Fiavet, aderenti alla Consulta regionale del Turismo di Confcommercio Emilia Romagna, ribadiscono la loro netta contrarietà all’introduzione della Tassa di Soggiorno nei Comuni dell’Emilia-Romagna, soprattutto dopo il passo in avanti dei Comuni di Rimini e di Bologna intenzionati a proseguire con l’applicazione della Tassa.

“Abbiamo proposto più volte ai Sindaci di sfruttare le misure introdotte con il Decreto “Salva Italia” per raccogliere risorse a favore dei Bilanci comunali ma dai Sindaci non abbiamo ricevuto risposte – si legge in una nota di Federalberghi -. Solo i Comuni di Ferrara e di Cesenatico hanno preso posizioni coraggiose e responsabili approvando mozioni contro l’introduzione dell’imposta nei Consigli comunali e con conferenze stampa pubbliche”.

“Ci siamo rivolti più volte alla Regione, all’Assemblea legislativa, alla Giunta regionale, all’Assessore Melucci e al Presidente Errani, che più volte l’hanno dichiarata “iniqua” -prosegue la nota -. Ma nulla di concreto è stato fatto contro la Tassa ANTITURISMO. La concertazione tra pubblico e privati che ha contraddistinto la storia della nostra Regione a livello nazionale è improvvisamente saltata; la confusione che ne deriva per le imprese ha preso il sopravvento su una organizzazione turistica regionale che ha sempre avuto la sua forza nello spirito d’accoglienza e nella fidelizzazione del turista”.

“Lo scenario che si prospetta è quello di una “polverizzazione” della Promozione turistica – insisono le Federazioni regionali di Federalberghi -. Ogni Comune si sentirà di fatto autorizzato a promuoversi autonomamente sui mercati – anche esteri – vanificando il lavoro fatto in questi anni per coordinare le attività di promo-commercializzazione e la razionalizzazione degli investimenti. Con l’introduzione della Tassa di Soggiorno la nostra offerta sui mercati non sarà più competitiva e finirà fuori-mercato”.

“In questo momento chiediamo alla Regione e ai Sindaci un atto coraggioso e di responsabilità politica. In particolare chiederemo alle Amministrazioni comunali di valutare l’ammontare dei residui attivi all’interno dei Bilanci – prosegue la nota -. Procederemo con ricorsi, presso le sedi opportune, nei confronti di quelle Amministrazioni che avvieranno una applicazione incondizionata della Tassa di Soggiorno per compensare le perdite dei Bilanci comunali senza utilizzare i residui attivi. Procederemo altresì con ricorsi al TAR nei confronti di quei Comuni che decideranno di introdurre la Tassa di Soggiorno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • Muore folgorato mentre scolpisce il legno nella sua abitazione

  • Verso il nuovo Dpcm: l'Emilia-Romagna rischia di diventare zona rossa

  • Risponde a un annuncio di lavoro e finisce nella rete di un maniaco sessuale

  • Il sindaco Parma lancia l'allarme: "Seconda ondata Covid sta colpendo duramente Santarcangelo"

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento