Tassa di soggiorno, il sindaco Pironi: "Risorse per il turismo"

Il sindaco Massimo Pironi a proposito della Tassa di soggiorno e delle dichiarazioni rilasciate dal Presidente dell'Associazione Albergatori Bruno Bianchini

"Negli ultimi anni questa Amministrazione ha intrapreso importanti operazioni in termini di riduzione dei costi e per la riduzione dell’indebitamento complessivo. Questi importanti risultati sono stati realizzati mantenendo il più basso livello di pressione fiscale sul territorio". E' quanto afferma il sindaco Massimo Pironi a proposito della Tassa di soggiorno e delle dichiarazioni rilasciate dal Presidente dell'Associazione Albergatori Bruno Bianchini.

Illustra Pironi: "Nel 2013 siamo arrivati a prevedere come risorsa per le entrate l’imposta di soggiorno, perchè siamo convinti che da un lato non possano essere richiesti ulteriori sforzi ai Riccionesi, dall’altro, la qualificazione complessiva di Riccione come destinazione turistica, deve essere costantemente migliorata. Questo contributo richiesto ai turisti sarà destinato a finanziare ulteriori interventi necessari in materia di turismo e lo decideremo in stretto raccordo con le associazioni e gli operatori".

"Le dichiarazioni rilasciate da Bianchini e dal gruppo di Albergatori a lui vicini, sono di mero carattere politico - evidenzia il sindaco di Riccione -. Tale inedita veste intrapresa rende in primo luogo Bianchini un interlocutore differente da ciò che è stato sinora: non più il rappresentante di una associazione di categoria, ma il promotore di una forza politica in aperta contrapposizione alle forze politiche che esprimono questa Cittá. Secondariamente, in questo nuovo ruolo politico non dovrebbe limitarsi a chiedere la non applicazione della tassa di soggiorno, ma dovrebbe spiegare dove andrebbe a recuperare le ingenti risorse necessarie per sostenere i servizi, gli investimenti e lo sviluppo dell’intera Città".

"L’Amministrazione intende andare oltre gli slogan promossi dai soggetti sopracitati e attende piuttosto proposte costruttive al fine di concentrare le energie sui valori aggiunti che Riccione ha costruito nel tempo - continua il primo cittadino -. Il Palazzo dei Congressi rappresenta una di queste opportunità e la coesione degli intenti è fondamentale per qualificare e diversificare il turismo, aprendo quindi nuove prospettive. La volontà dell’Amministrazione permane in tale direzione, ma serve chiarezza di intenti da parte di tutti gli interlocutori impegnati".

"Se quello che si è letto sui giornali è la risposta degli Albergatori, ne prendo atto e sul palazzo dei Congressi volteremo definitivamente pagina andando nella direzione del bando pubblico - evidenzia Pironi -. La risposta capace di scongiurare questa ipotesi, ma soprattutto in grado di portare avanti i progetti di sviluppo necessari per il futuro di Riccione, risiede nel dialogo e nella collaborazione delle parti.
Il caotico ardire ed i toni accusatori vanno in direzione opposta al bene della Città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristorante costretto a chiudere, i titolari: "Impossibile pagare spese, non parliamo degli aiuti dello Stato"

  • La bravata durante la lezione on-line costa cara a due studenti minorenni

  • Usava il reddito di cittadinanza per giocare nei casinò on-line e vincere 2 milioni di euro

  • Bubana pronto ad aderire a #ioapro: "O apro il ristorante o chiudo per sempre"

  • Organizzano una festa di compleanno e la pubblicano sui social: arriva la Polizia, multe salate a dieci ragazzi

  • Superenalotto, colpaccio a Rimini: centrato un "5" da decine di migliaia di euro

Torna su
RiminiToday è in caricamento