Trc, Confcommercio appoggia Riccione: "Spostare il tracciato da sopraelevato a raso"

"Obtorto collo, quindi, se Trc deve essere Trc sia, ma che almeno si cerchi di preservare quanto più possibile l’ambiente, i denari pubblici e il buon senso", afferma Indino

"Preservare quanto più possibile" come "l’ambiente, i denari pubblici e il buon senso". Sul tema del Trc interviene il presidente provinciale di Confcommercio, Gianni Indino. “Abbiamo sempre sostenuto con fermezza la nostra contrarietà al Trc - ricorda -. Un’opera vecchia, superata, dagli elevati costi tanto di realizzazione quanto di funzionamento e mantenimento; un progetto che a ogni piè sospinto (vedi la trasformazione di moderni sistemi di mobilità in ordinari bus) dimostra la sua inadeguatezza alle esigenze di mobilità del nostro territorio, vero fattore strategico per il presente e il futuro della nostra destinazione turistica".

Ma tant’è che i lavori procedono, aumentano le porzioni di città interessate dai cantieri, aumentano i disagi per chi vive e opera in prossimità degli stessi - chiosa Indino -. E’ sufficiente prendere un treno tra Riccione e Rimini per avere una visione d’insieme su quella che definirei una ferita, sempre più ampia e sempre più profonda, inferta al nostro territorio. Ma, come dicevo, tant’è. Nonostante le proteste dei residenti e degli operatori, costretti questi ultimi a fare i conti a fine giornata con il cassetto vuoto, perché tagliati fuori dalla viabilità ordinaria, senza parcheggi nelle vicinanze, in alcuni casi difficilmente raggiungibili addirittura a piedi''.

Confcommercio, prosegue Indino, "si fa portavoce della vera e propria disperazione di questi imprenditori, come delle preoccupazioni di tanti altri, non interessati direttamente dai cantieri del Ttc, quanto invece dal trovarsi ad operare in un prossimo futuro in una città spaccata in due, in cui la separazione tra ‘mare’ e ‘monte’ sarà ancora più pronunciata e deleteria per quell’idea di città ospitale ‘a misura di turista’ che la Perla Verde ha sempre restituito ai suoi visitatori. Obtorto collo, quindi, se Trc deve essere Trc sia, ma che almeno si cerchi di preservare quanto più possibile l’ambiente, i denari pubblici e il buon senso. Da tali presupposti nasce il nostro giudizio favorevole nei confronti della variante proposta dall’amministrazione riccionese che prevede lo spostamento del tracciato da sopraelevato a raso, una soluzione che eviterebbe nuove gettate di cemento e nuovi muri, senza inficiare il normale funzionamento dei mezzi, anche grazie all’impiego di semafori intelligenti per la gestione del traffico veicolare e pedonale. Una soluzione che oltre a garantire un minore impatto ambientale, attraverso l’eliminazione di diversi cavalcavia, consentirebbe un deciso risparmio di costi e di tempi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza interviene direttamente sul Trc e sceglie un tweet rivolto al ministro delle Infrastrutture Delrio per rafforzare la presa di posizione espressa la scorsa settimana da Legambiente Regionale per bocca del presidente Frattini, a favore della variante migliorativa proposta dal Comune di Riccione. Cogliati Dezza twitta “ ancora troppe opere inutili nel paese. Per Legambiente segnale positivo su rinvio Trc a Riccione” in riferimento allo slittamento del tavolo di coordinamento provinciale previsto per martedì e rimandato a data da destinarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Continuano a crescere i nuovi positivi, Rimini tra le province peggiori in regione

  • Coronavirus, contatti diretti e indiretti: cosa fare se sospetto di essere stato contagiato?

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento