Un corso alla Scuola Edile della Romagna insegna come diventare Tecnico per l’innovazione edilizia

Il Presidente della Scuola Artigiana Gabriele Di Bonaventura presenta il corso: “Il corso è il frutto di questi intensi e proficui anni di collaborazione tra la Scuola degli artigiani e la Scuola Edile Sfera"

Alla Scuola Edile Artigiana Romagna di Forlimpopoli un percorso speciale per le professioni del futuro delle costruzioni. Sono aperte le iscrizioni al Corso IFTS di Tecnico per l’innovazione edilizia nel settore delle infrastrutture con 800 ore di lezioni teoriche e pratiche. E' stato presentato a Forlimpopoli, presso la sede della Scuola Edile, alla presenza del sindaco Milena Garavinico il corso finanziato con risorse del Fondo Sociale Europeo e della Regione Emilia-Romagna.

Il Presidente della Scuola Artigiana Gabriele Di Bonaventura presenta il corso: “Il corso è il frutto di questi intensi e proficui anni di collaborazione tra la Scuola degli artigiani e la Scuola Edile 'Sfera' che rappresenta le imprese del settore industriale e cooperativo; è il risultato dell’accordo tra le associazioni datoriali e i sindacati di categoria CGIL, CISL e UIL, che ha permesso di mantenere, consolidare e sviluppare la formazione per le imprese del settore anche in questi difficili e complessi mesi di emergenza sanitaria”.

Il corso IFTS, è organizzato dalla Scuola Edile Artigiana Romagna, in collaborazione con Scuola Edile 'Sfera'. Scuola capofila è l’Istituto Tecnico Geometri di Cesena. Partner del progetto il Dipartimento di Ingegneria Civile e il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Bologna; il CISE, Centro per l’innovazione e lo sviluppo economico della Camera di Commercio della Romagna. Tra i soggetti attuatori le imprese Enser di Faenza, il Gruppo Trevi di Cesena e il Consorzio Conscoop di Forlì. Hanno dato pieno appoggio all’iniziativa tutte le principali aziende del settore edilizio: artigianali, industriali e cooperative. 

Giancarlo Guadagnini, amministratore delegato di Enser Faenza, nel presentare la sua azienda  che ha una succursale a Parigi, definisce il profilo del “tecnico per l’innovazione in edilizia che interviene nella progettazione e realizzazione di opere architettoniche, prefigurando interventi per il miglioramento delle prestazioni energetiche ed acustiche delle opere edili, con particolare riferimento alle infrastrutture: ambito che necessita di esperti per attuare gli importanti investimenti previsti dai piani di sviluppo nazionali e territoriali". Ed ancora: "Grazie al Building Information Modeling (BIM), il tecnico propone soluzioni costruttive e tecnologiche innovative sotto il profilo economico, strutturale, energetico, acustico e ambientale, operando in contesti di rete ed ottimizzando in un’ottica di circolarità virtuosa (BIM) anche le fasi di manutenzione e monitoraggio dell’opera edile”.

Maria Antonietta Bavila, coordinatrice della Scuola illustra le caratteristiche del corso: "Ha la durata di 800 ore (di cui 560 lezioni, workshop e laboratori e 240 di stage in azienda) e si svolgerà presso la Scuola Edile di Forlimpopoli da fine novembre 2020, con una media di 20 ore settimanali previste nelle giornate di giovedì, venerdì e sabato mattina. L’esame di qualifica finale è previsto per settembre 2021". Sono previste docenze qualificate del Dipartimento di Ingegneria Civile di Bologna e del Dipartimento di Architettura di Cesena, tra le quali Andrea Simone, coordinatore del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Civile, e Lamberto Tronchin, esperto di acustica architettonica. La maggior parte delle lezioni, tenuto conto della attuale situazione sanitaria, si svolgerà in videoconferenza, consentendo un più facile accesso alla frequenza del corso. Fabrizio Moretti, presidente del CISE, azienda speciale della Camera di Commercio della Romagna, ha consegnato gli attestati di qualifica ai ragazzi e alle ragazze del Corso di Formazione Superiore "Tecnico in modellazione Bim". 

Per accedere al corso, completamente gratuito, riservato ad una ventina di partecipanti, è necessario presentare domanda entro il 16 novembre.  La selezione è prevista nelle giornate di mercoledì 18 e giovedì 19 novembre.  Destinatari e requisiti di accesso: giovani ed adulti non occupati e occupati (anche i liberi professionisti con P. Iva), residenti o domiciliati in Emilia Romagna, in possesso del diploma di istruzione secondaria superiore ma anche coloro che sono stati ammessi al 5° anno dei percorsi liceali o possiedono il diploma conseguito in esito ai percorsi di 4° anno di IeFP (edile) o non possiedono un diploma, previo accertamento delle competenze acquisite in percorsi formativi precedenti.  Per conoscere tutti i dettagli sul corso e le informazioni per l’iscrizione alla selezione, consultare il sito www.scuolaedileromagna.it o telefonare alla Scuola Edile Artigiana Romagna 0543.745832 (Maria Bavila).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

  • Rapina a mano armata in pieno giorno, preso di mira un supermercato

Torna su
RiminiToday è in caricamento