menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vestiti rovinati con le cinture di sicurezza? L'invenzione di tre riminesi

Stanchi di dover buttare anzitempo maglie, giacche e giubbotti consumati e danneggiati dalle cinture di sicurezza delle vostre vetture? Da oggi c'è un rimedio efficace, comodo e di design

Stanchi di dover buttare anzitempo maglie, giacche e giubbotti consumati e danneggiati dalle cinture di sicurezza delle vostre vetture? Da oggi c’è un rimedio efficace, comodo e di design: Ovojack, il salvagiacca full optional. È un geniale dispositivo brevettato e realizzato da tre ragazzi riminesi che verrà presentato in anteprima nazionale alla X edizione del My Special Car Show (Hall Sud Stand n.008) che si terrà alla Fiera di Rimini il prossimo 30-31 marzo e 1° aprile.

Si tratta di un accessorio innovativo da installare all’interno dell’abitacolo, che consente di preservare gli abiti dall’usura causata dal continuo strofinio della cintura di sicurezza, garantendo al contempo un tocco di eleganza e personalità. Ovojack è composto da un fodero in morbida pelle entro il quale scorre la cintura di sicurezza con un rivestimento in alcantara che aderisce al vestito assorbendone l’attrito e lo sfregamento. L’utilizzo dell’alcantara è dettato dalla necessità di non macchiare e non produrre abrasioni sugli abiti e sui tessuti delicati. Il fodero è agganciato ad un elegante guscio ovoidale fissato al montante appena sopra il punto di rinvio della cintura di sicurezza. All’interno sono contenuti sistemi di riavvolgimento e riposizionamento del fodero; il sistema di regolazione a doppia estensione garantisce una completa libertà di movimento senza interferire con il corretto funzionamento della cintura di sicurezza adattandosi così a qualsiasi guidatore, dal più basso al più alto, dal più magro al più robusto.

Uno dei punti di forza di Ovojack è la straordinaria versatilità che lo rende completamente personalizzabile. Sarà possibile scegliere ed intercambiare le cover di vari colori sia per le parti del dispositivo ovoidale sia per il fodero in pelle ed alcantara, soddisfacendo così anche gli appassionati del tuning che potranno sbizzarrirsi customizzando il proprio Ovojack aggiungendo un nuovo accessorio alla propria auto valorizzandone lo stile. Altro vanto del prodotto è la realizzazione da parte di note ditte Italiane di ogni suo  singolo componente, dalla progettazione alla produzione, dall’assemblaggio al packaging. Ovojak è dunque ‘full Made in Italy’ nel vero senso della parola, a garanzia di un prodotto sicuro, affidabile, utile e di buon gusto.

Come è nato Ovojack?È nato dall’intuizione di due fratelli Marco e Massimo Battelli rispettivamente di 36 e 31 anni, assieme al loro amico Alan Polidori di 32 anni, i quali si accorsero che i loro vestiti (dalle giacche in velluto ai maglioni in cachemire, dalle camicie alle semplici Polo e T-Shirt) venivano rovinati dalla cintura di sicurezza attraverso il continuo strofinio durante la guida e soprattutto dai continui e frequenti sali e scendi dall’auto. Da lì a poco i tre ragazzi riminesi decisero così di realizzare la loro piccola grande impresa. Nasce così la MAM Sas acronimo di Marco, Alan e Massimo.

Il progetto, dato il carattere innovativo e la giovane età degli inventori ha ricevuto i finanziamenti del Fondo europeo di sviluppo regionale per la Competitività e Occupazione della Regione Emilia-Romagna che mira a favorire gli interventi di ricerca ed innovazione, promuovendo la qualità dello sviluppo economico in un’ottica sostenibile. La MAM Sas è stata infatti riconosciuta come piccola impresa giovanile ed innovativa proprio grazie al connubio tra nuove idee, intuizioni e determinazione.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

Famija Arciunesa premia i vincitori del concorso "Vota il presepe"

Attualità

"Fellini Calls", successo per la tre giorni dedicata al regista premio Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RiminiToday è in caricamento