Dodici giorni per vedere la mostra "Ho bisogno di credere"

  • Dove
    Le Befane Shopping Center
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 03/11/2020 al 15/11/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni

“Ho bisogno di credere"– ha affermato Federico Fellini all’amico e giornalista Sergio Zavoli. "È un bisogno né vivo né maturo, per la verità, un bisogno infantile di sentirmi protetto, di essere giudicato benevolmente, capito e possibilmente perdonato”. Dal 3 novembre uno dei maestri mondiali del cinema, tra i pochissimi ad essere diventato anche un aggettivo - felliniano - si presenta al pubblico de Le Befane Shopping Centre di Rimini con un ritratto inedito, intimo, particolare: "Ho bisogno di credere. Fellini e il sacro", la mostra-progetto promossa dalla Università Pontificia Salesiana - Facoltà di Scienze della Comunicazione sociale, dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Alberto Marvelli” delle diocesi di Rimini e di San Marino-Montefeltro e dal centro culturale Paolo VI di Rimini, in occasione del centenario della nascita del regista riminese e di cui il Centro commerciale riminese è sostenitrice, che resterà aperta fino al 15 novembre 2020, seconda tappa di un tour espositivo che ha già toccato il Museo della Città di Rimini e prossimamente approderà presso la Pontificia Università Salesiana di Roma. La mostra in diciotto grandi e suggestivi pannelli rivisita l’immaginario religioso nei film di Fellini con le sue contraddizioni e le sue provocazioni: il sassolino del matto (La strada); il pellegrinaggio al Santuario del Divino Amore (Le notti di Cabiria); la statua di Cristo in volo su Roma (La dolce vita); il collegio religioso e l’incontro con il cardinale (8 e 1/2); la recita del martirio della Santa (Giulietta degli spiriti); il Rex (Amarcord); la sfilata di abiti ecclesiastici (Roma) e ancora sequenze tratte da Lo sceicco bianco, Il Bidone, I Clown, Casanova, La città delle Donne, La voce della Luna, forse la pellicola che più di altre di Fellini contiene in maniera esplicita l’inestirpabilità e nella profondità delle domande dell’uomo sul senso della realtà. Il protagonista Ivo Salvini è infatti un uomo stupito dalla realtà e che si pone sempre domande di senso e che per questo prova un’irresistibile attrazione per la luna. La luna è anche il logo simbolo della mostra (curata graficamente dallo studio Kaleidon di Rimini), con il volto di Gelsomina, l’indimenticata Giulietta Masina de La strada. Completano l'esposizione alcune fascinose installazioni (le sedie da regista ‘griffate' Federico, la sciarpa del premio Oscar, il caratteristico cappello, ecc), utili per ripercorrere una parte sostanziosa della filmografia del cinque volte Premio Oscar attraverso un originale grandangolo. La mostra è accompagnata da un catalogo omaggio di 24 pagine a colori formato tabloid (44 x 29 cm), realizzato in collaborazione con il settimanale ilPonte - Rimini. Partner: Pigini Group-Rotopress, Le Befane Shopping Centre, Trend Hotels – Hotel Biancamano

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • Artisti uniti in una maxi installazione

    • dal 20 novembre 2020 al 20 gennaio 2021
    • Zamagni Galleria
  • In mostra la collezione di burattini e vestitini del Museo Etnografico

    • dal 7 novembre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Biblioteca Baldini

I più visti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • "Welcome" 36 ospiti per il mese della creatività e del design

    • dal 14 dicembre 2020 al 18 gennaio 2021
    • online
  • Artisti uniti in una maxi installazione

    • dal 20 novembre 2020 al 20 gennaio 2021
    • Zamagni Galleria
  • In mostra la collezione di burattini e vestitini del Museo Etnografico

    • dal 7 novembre 2020 al 28 febbraio 2021
    • Biblioteca Baldini
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento