A San Leo una tre giorni con la Scuola di Pedagogia del Silenzio

L’Amministrazione Comunale ricorda che tutti residenti del Comune di San Leo possono usufruire dell’ingresso gratuito alla Fortezza e a tutti i Musei della Città.

L'Accademia del Silenzio, insieme all’Amministrazione Comunale di San Leo, organizza, da mercoledì a sabato, al Palazzo Mediceo, la prima edizione estiva della Scuola di Pedagogia del Silenzio. Nella cornice paesaggistica e nei suggestivi spazi degli antichi palazzi leontini si terranno le lezioni di alcuni dei più noti studiosi di letteratura e delle arti. Da mercoledì nell’ambito della Scuola di Pedagogia del Silenzio si daranno appuntamento a San Leo docenti e relatori di chiara fama e oltre 50 iscritti da tutta Italia di cui meno della metà sono studenti e gli altri laureati, insegnanti, amanti della cultura e dell’arte, persone che vogliono apprendere strumenti di teoria e pratica del silenzio a scopo “professionale”, le cui applicazioni spaziano dall’uso comunicativo a quello maieutico, da quello pedagogico a quello creativo, e per coloro che amano la solitudine e cercano persone con le quali condividere questa passione.

La Scuola, a cura di Duccio Demetrio, Raffaele Milani, Nicoletta Polla-Mattiot, si prefigge la formazione di esperti in educazione alla cultura e alle pratiche del silenzio, per una loro diffusione nel mondo della scuola, nelle comunità sociali e locali, nella vita personale e di relazione. Il suo intento mira a valorizzare l’importanza del silenzio per il benessere psicologico, per la creazione di momenti di condivisione non solo dedicati alla parola, per il miglioramento delle consuetudini e degli atteggiamenti mediante i quali ci rapportiamo alle bellezze delle forme e del sentire. Momenti formativi, inoltre, volti ad accrescere, a consolidare, a riscoprire l’amore per la lettura, la scrittura, la poesia, la meditazione, il senso estetico, il rispetto per la natura, l’ascolto musicale e delle voci.

La Scuola, che ha la collaborazione della Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari e del Laboratorio di Ricerca sulle Città dell'Università di Bologna, intende proporsi come luogo nel quale, in una realtà di straordinario fascino ambientale, i partecipanti potranno vivere e sperimentare, sia individualmente che insieme, momenti di apprendimento, di conoscenza di sé, di narrazione reciproca, attraverso lezioni, laboratori, escursioni in cammino diurne e notturne nel magico Montefeltro, al fine di saperli riproporre nei loro luoghi di vita, di impegno sociale ed educativo, di lavoro, nonché negli ambiti più diversi dove il predominio della confusione e del rumore turbi e comprometta la crescita della nostra vita interiore.

L’Amministrazione Comunale sottolinea come "stiano crescendo e consolidandosi i corsi di perfezionamento residenziali e le cosiddette Master Class, di vario tipo (canto, musica, scrittura creativ), con indubbi benefici in termini di presenze turistiche/culturali e pernottamenti. Infatti, anche per questo corso i partecipanti (oltre 50), provenienti da tutta Italia, alloggeranno a San Leo determinando gradite ricadute sugli esercenti del centro storico e zone limitrofe. Stesso risultato è stato ricercato ed ottenuto con le Master Class residenziali di perfezionamento musicale, canto, coro (di violino barocco M° Enrico Onofri, del coro Diocesi di Colonia, del corso improvvisazione musicale Simone Zanchini, di Pianoforte M° Stefano Cucci, Summer School Orchestra di Novellara, di canto lirico Romualdo Savastano, della Scuola Comunale di Musica Anacleto Gambarara) che hanno costantemente allietato il centro storico, con magiche atmosfere sonore a sommarsi ai tanti concerti e saggi di fine corso. E’ una politica dimostratasi premiante e che riscuote il favore dei partecipanti, di tematici sponsor e di privati in grado di permetterne lo svolgimento con il minimo contributo pubblico, senza intaccarne la qualità globale".

"Per apprezzare fino in fondo San Leo e la poliedrica offerta culturale - viene raccomandato - il consiglio è quello di immergersi totalmente nel suo spirito di borgo a “misura d’uomo”, soggiornando nelle caratteristiche strutture ricettive locali, rifocillarsi nei rinomati ristoranti pronti a sfornare cibi prelibati a base di prodotti tipici, fare acquisti nelle graziose botteghe del Centro Storico e naturalmente visitare la Fortezza Rinascimentale opera dell’architetto senese, Francesco di Giorgio Martini (aperta tutti i giorni, anche festivi, con orario continuato dalle 9.30 alle 19.15, ultimo ingresso alle ore 18.30) e gli altri Musei della Città. L’Amministrazione Comunale ricorda che tutti residenti del Comune di San Leo possono usufruire dell’ingresso gratuito alla Fortezza e a tutti i Musei della Città.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Chiara Ferragni stringe un accordo con gruppo di moda romagnolo: "I primi a credere in me dieci anni fa"

  • Arrestato con l'accusa di aver abusato delle due cugine dodicenni, una rimane incinta

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna resta "arancione". In arrivo ordinanza più soft: riaprono i negozi nei festivi

  • Scacco allo spaccio, sequestrati oltre 21 chili di stupefacente

  • Guida Michelin 2021, le "stelle" brillano nel Riminese con una novità

  • Muore nella culla a 4 mesi, si indaga per scoprire le cause del decesso

Torna su
RiminiToday è in caricamento