Il "Barbonaggio Teatrale" di Ippolito Chiarello: doppio appuntamento tra Rimini e San Clemente

  • Dove
    Sedi varie - Vedi programma
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 26/11/2015 al 27/11/2015
    21
  • Prezzo
    ntero 12,00€ Ridotto 8,00€ (Riduzione valida anche per chi assiste al Film Ogni volta che parlo con me in Cineteca)
  • Altre Informazioni

Giovedi e Venerdi doppio appuntamento promosso da Città Teatro, che ospita una sintesi dell’esperienza artistica di Ippolito Chiarello in una “due-giorni” fra Teatro Villa, Cineteca Comunale e Piazza Cavour a Rimini. Giovedì alle 21 appuntamento con "Ogni volta che parlo con me". Prodotto dall’Apulia Film Commission e dalla rete pugliese dei Teatri Abitati, racconta il viaggio a piedi attraverso tutta l’Europa di un personaggio al tempo stesso ironico e tragico, quasi alla maniera di un’icona di Almodovar, perduto in mezzo a panni, scarpe, cellulari, strada, semafori, disseminati nelle sue giornate: “Il film è la storia della mia crisi come uomo e come artista – racconta Ippolito Chiarello. A un certo punto tutto quello che ruotava intorno alla mia vita e al mio lavoro di attore mi è sembrato ingabbiato in un sistema che consumava il mio quotidiano e il mio mestiere, ….in balia di un ingranaggio che poneva fuori il pubblico e me stesso dal dialogo tra opera e artista. È iniziato un dialogo con me stesso, un viaggio, fisico e intellettuale, che ho voluto condividere attraverso un altro possibile racconto: ogni volta che parlo con me.”

Venerdì alle 21, nell’ambito della Piccola stagione del Teatro Villa, andrà in scena Fanculopensiero (Stanza 501). Lo spettacolo, da cui ha preso vita il progetto del barbonaggio, è liberamente ispirato al romanzo di Maksim Cristan (drammaturgia di Michele Santeramo, regia di Simona Gonella, spazio e luci Vincent Longuemare): il protagonista un giorno lascia la sua Beretta Chevrolet ad un semaforo, con il motore acceso, e se ne va. In un albergo: stanza 510. Ma c’è un problema: la stanza 510 non c’è…. Uno spettacolo che ha il sapore di un esperimento sull'anima, con tratti di commedia e con punte di amarezza e sofferenza: “Lo spettacolo nasce dal forte desiderio di parlare del disagio cui spesso ci si trova a far fronte quando ci sembra di aver perso la capacità (…) di dire i no giusti al momento giusto. E' una sorta di imbuto in cui ci si sveglia una mattina e ci si accorge che: no!”così come è la nostra vita non ci corrisponde più”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Sagra Malatestiana, ottobre tra concerti sinfonici, Musiche da Camera e omaggio a Fellini

    • dal 1 al 31 ottobre 2020
    • Teatro Galli
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento