Il giocatore sul palco della Regina

Un grande appuntamento di letteratura che si fa teatro attende il Teatro della Regina martedì 20 febbraio (ore 21,15) con Il giocatore. Se il caso nella vita reale salva Fëdor Dostoevskij che nel 1866 a 45 anni, vedovo e reduce da una relazione passionale e incalzato dai creditori per i suoi debiti di gioco, si salva grazie al casuale incontro con la stenografa Anna che lo aiuta a stendere Il giocatore e diventa poi sua moglie.

Così, inevitabilmente, si arriva alle analogie con l'oggi e quando si vede la baboulinka o il giocatore perdere tutti i loro soldi al casinò, forse per un attimo ci dimenticheremo che si tratta dei personaggi di Dostoevskij e vedremo una vecchina, sola, in preda al vizio del gioco o un giovane compulsivo perso in un video poker. Là dove il denaro perde improvvisamente valore lasciando il posto al desiderio irrefrenabile di giocare semplicemente per il piacere di farlo, e il sipario non si chiude mai.  

Il giocatore è la terza tappa della "Trilogia della libertà", i tre spettacoli prodotti dalla Fondazione Teatro di Napoli - Teatro Bellini con i quali viene affrontato il concetto di libertà e di perdita della stessa. Dopo la società distopica dominata dalla violenza del visionario Arancia Meccanica per la regia dello stesso Gabriele Russo, e l'opprimente ospedale psichiatrico di Qualcuno volò sul nido del cuculo diretto da Alessandro Gassmann, nel Giocatore va in scena la Roulettenburg dominata dal gioco di Dostoevskij. Anche in questo caso, la grande letteratura si fa teatro; così, Il giocatore, scritto nel 1866 da Fëdor Dostoevskij, viene riletto e adattato per il teatro da Vitaliano Trevisan. Gabriele Russo realizza un allestimento in costante bilico tra dramma e commedia, in cui un cast affiatato (Daniele Russo - Aleksej/Fëdor Dostoevskij, Marcello Romolo - Il generale, Camilla Semino Favro - Polina/Anna Grigor'evna, Paola Sambo -Baboulinka, Alfredo Angelici - Mr. Astley, Martina Galletta - M. lle Blanche, Alessio Piazza-Il croupier, Sebastiano Gavasso-De Grieux) ci trascina in una spirale fatta di gioco d'azzardo, di passioni e di compulsioni che porta dritti in quel (non)luogo dove il desiderio si trasforma in ossessione e non si limita più a governare i protagonisti, ma finisce per soggiogarli.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Mentre vivevo, torna la rassegna teatrale tra burattini e film d'animazione

    • dal 11 ottobre al 8 dicembre 2020
    • Sala Teatro del Centro Sociale Poggio Torriana
  • Teatro Pazzini, riparte la stagione tra comicità, musica e prosa

    • dal 7 novembre al 19 dicembre 2020
    • Teatro Pazzini

I più visti

  • Una mostra alla scoperta dell'arte di Byro

    • Gratis
    • dal 29 ottobre 2020 al 31 gennaio 2021
    • duoMo hotel
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città
  • Biblioterapia, torna l'appuntamento coi libri che "curano"

    • dal 24 ottobre al 19 dicembre 2020
    • Biblioteca Gambalunga
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    RiminiToday è in caricamento