Fioravanti, il cenacolo ritrovato: in esposizione negli spazi del Museo della Città

Sarà in esposizione fino al 16 giugno negli spazi del Museo della Città Fioravanti, il cenacolo ritrovato, "una vasta invenzione sospesa alla fase della sinopia – spiega Massimo Pulini nel catalogo - all’affiorare di parvenze che annunciano le figure senza descriverle. È un’incompiutezza che ha qualcosa di letterario, come una poesia che non vuole dire, chi siamo e cosa vogliamo, lasciandosi dietro un tracciato di frasi tronche, di omissioni eloquenti. Eppure, anche svuotato del carico abituale, il racconto evangelico arriva a destinazione e porta con sé un peso perfino maggiore, quello di una interrogazione direttamente rivolta all’osservatore, dunque al fedele". Con queste parole lo storico dell’arte Massimo Pulini rende nel saggio in catalogo la sostanza della ricerca interiore ed espressiva che segna l’intera opera di Ilario Fioravanti (Cesena 1922-Savignano sul Rubicone 2012) e in particolare il grande affresco recentemente ritrovato, al centro della mostra che fino al 16 giugno si terrà al Museo della Città di Rimini, dove l’opera dialogherà con quelle del pittore cinquecentesco, molto attivo a Rimini e in Romagna, Bartolomeo Coda.

L’opera, di grandi e insolite dimensioni (quattro metri per due), rappresenta l’Ultima cena ed è un affresco su tela che Fioravanti realizzò per la cappella interna al complesso della Congregazione Sorelle dell’Immacolata di Miramare, fondata da don Domenico Masi. L’occasione venne data all’architetto Fioravanti mentre portava a termine la costruzione del grande edificio, con chiesa annessa, della Congragazione, opera cominciata nel 1966 e conclusa nel 1974. Come ricorda Luca Fioravanti, nipote dell’artista e “scopritore” del grande affresco che da tempo era caduto nell’oblìo, poiché egli «aveva necessità di ritrarre soggetti “dal vero”, nell’affresco vari personaggi hanno il volto di quei muratori che lavoravano alla costruzione dell’edificio». Al centro vediamo Pietro, che mostra la mano con l’anello del Pescatore, mentre l’apostolo alla sua destra ha il volto del fondatore della Congregazione, don Masi.

Accanto all’opera ritrovata, sono esposte una piccola Crocifissione e un autoritratto, prestato dalla moglie di Fioravanti, Adele Briani, datato anch’esso 1970. Tutte e tre le opere sono ad affresco, ambito che Fioravanti ha molto praticato lasciando alcune decine di opere. Dopo la grande retrospettiva del 2015 sulla scultura e il disegno di Fioravanti, curata da Maurizio Cecchetti a Rimini e suddivisa fra Castel Sismondo e Museo della Città, questa nuova mostra rappresenta un primo parziale tentativo di approfondire un aspetto dell’opera di Fioravanti ancora poco indagato. Di fronte al grande affresco dell’Ultima cena – scrive in catalogo Maurizio Cecchetti – "subito viene in mente il mosaico di Sant’Apollinare Nuovo a Ravenna. Anche lì troviamo la tavola semicircolare a cui siedono i tredici. Pietro è al fianco di Cristo, secondo uno schema derivato dall’iconografia romana". Ma rispetto al mosaico di Ravenna – nota Cecchetti – qualcosa non torna: il centro della tavola è occupato da due grossi pesci, mentre nell’opera di Fioravanti vediamo il calice e il vassoio con l’agnello arrostito: "È a Sant’Angelo in Formis, vicino a Capua, agli affreschi della chiesa ricostruita nell’XI secolo per volere dell’abate Desiderio di Montecassino, che Fioravanti sembra ispirarsi. La struttura leggera in legno dello stibadium, il lettino semicircolare usato per cene all’aperto (come i nostri gazebo) che sostituì nelle usanze romane il triclinium, e la cornicetta a semicerchi, sono visibili anche nell’affresco di Fioravanti. Il semicerchio interno dello stibadium corrisponde alla tavola che i romani usavano per il vino, il cillibantum, sul quale a Formis come a Miramare si vedono il calice e l’agnello». Questa e altre invenzioni si trovano nel Cenacolo che Fioravanti ha voluto concepire come una “Cena all’antica” che guarda ai primi secoli dell’iconografia cristiana e si discosta da quelle che discendono in qualche modo dal Cenacolo di Leonardo, del quale ricorrono i cinque secoli della morte.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • La Fortezza di San Leo ospita la personale di Andrea da Montefeltro

    • Gratis
    • dal 12 settembre 2020 al 6 gennaio 2021
    • Fortezza di San Leo
  • La Madonna Diotallevi di Raffaello in mostra al Museo della Città

    • dal 16 ottobre 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo dela città

I più visti

  • A bordo del treno a vapore per fare tappa alla sagra delle castagne di Marradi

    • 25 ottobre 2020
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Il Tartufo bianco è protagonista a Sant'Agata Feltria ogni domenica di ottobre

    • Gratis
    • dal 4 al 25 ottobre 2020
  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento