Al Cinema brividi, grande musica e il genio di Renoir

Opera lirica, arte e misteri internazionali sono in programma al Cinema Teatro Tiberio di Rimini. Si parte lunedì 21 marzo alle ore 20.15 in diretta dalla Royal Opera House di Londra l’opera Boris Godunov di Modest Musorgskij, diretta da Antonio Pappano con Bryn Terfel, John Graham-Hall e John Tomlinson (biglietti euro 12, ridotto euro 10).

Basata sul dramma omonimo di Aleksandr Sergeevič Puškin e sulla Storia dello Stato Russo di Nikolaj Michajlovič Karamzin, è la sola opera lirica completata da Musorgskij ed è considerata il suo capolavoro. La musica è stata composta con quel particolare stile che riflette la profonda conoscenza del compositore della musica popolare del suo paese e che rifiuta volontariamente l'influenza delle scuole operistiche tedesca e italiana. Puškin basò il suo dramma sul personaggio storico di Boris Godunov, traendo larghe ispirazioni dall'Amleto di William Shakespeare. Una migliore comprensione dell'opera è facilitata dalla conoscenza degli eventi storici relativi al cosiddetto Periodo dei Torbidi, quel periodo di interregno, guerre e disordini in Russia che seguì la fine della dinastia dei Rurikidi (1598) fino all'avvento della dinastia dei Romanov (1613).
Nell'opera lirica, ambientata tra il 1598 e il 1605, Boris Godunov diventa Zar di tutte le Russie dopo l'uccisione, avvenuta in circostanze misteriose, dell'erede legittimo al trono, lo Zarevič Dmitrij Ivanovič, figlio di Ivan il Terribile, ed aver di fatto esercitato il potere durante il regno di Fëdor I (altro figlio di Ivan), considerato mentalmente inabile per governare. Nonostante i suoi sforzi per mantenere una condotta di regno più umana rispetto a Ivan il Terribile, la Russia precipita presto nel caos e nella povertà. Un giovane monaco, Grigorij, dopo una fuga rocambolesca dal monastero, si fa passare per lo Zarevič Dmitrij e riesce a sposare Marina Mniszech, una nobile polacca; dopo aver convinto il re di quel paese della legittimità del suo matrimonio, il falso Dmitrij organizza l'invasione della Russia da parte delle truppe polacche. Boris Godunov, assillato da sensi di colpa e in preda ad allucinazioni, precipita nella follia e muore, designando il proprio figlio Fëdor come successore. 

Martedì 22 marzo alle ore 21.15 (biglietti € 5,50 interi, € 4,50 ridotti) nell’ambito della rassegna promossa da Notorius Cineclub è in cartellone La Isla Minima di Alberto Rodríguez con Javier Gutiérrez, Raúl Arévalo, María Varod e Perico Cervantes. Ben 10 premi Goya, tra i quali quello per il miglior film, vinti nel 2014 da questo eccellente thriller con al centro due detective impegnati in un difficile caso di un serial killer responsabile della scomparsa di alcune adolescenti in un piccolo villaggio nel Sud della Spagna, nel 1980, durante il delicato momento del passaggio dalla dittatura alla democrazia.
Mercoledì 23 marzo alle ore 17 e alle ore 21 (biglietti € 10 interi, € 8 ridotti) appuntamento con la grande arte grazie a Renoir – oltraggio e seduzione di Phil Grabsky,  il tour cinematografico che consentirà agli spettatori di visitare la Barnes Foundation di Philadelphia, dove è ospitata la più grande collezione al mondo di Renoir. Il dottor Albert C. Barnes (1872-1951) ammirava infatti Renoir più di qualsiasi altro artista, tanto da raccoglierne oltre 181 opere, risalenti soprattutto all’ultima fase della sua produzione.  Nell’inverno del 1881-1882 il pittore visitò l’Italia: Venezia, forse Firenze, Roma, Napoli, la Calabria, Capri e Palermo.
Il viaggio in Italia lasciò una traccia profonda sulla sua arte: da allora Renoir rivolse la propria attenzione a soggetti più atemporali, un’anticipazione delle ricerche che avrebbe portato avanti sino alla morte. In quest’ultimo periodo, dominato da monumentali nudi femminili, lo stile del pittore si arricchì di riferimenti all’arte classica e l’uso del colore si fece, come nei suoi lavori giovanili, sempre più tratteggiato. Renoir.
Oltraggio e Seduzione racconta proprio la reinvenzione artistica di Renoir, esplorandone le profonde implicazioni per due grandi artisti del 20° secolo: Picasso e Matisse.
Gli spettatori saranno guidati nella visione guidati dai  critici d’arte del New York Times e del Washington Post, da diversi artisti e da studiosi di fama internazionale

Per informazioni: Cinema Tiberio tel. 328/2571483

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • Al Tiberio il film su Gauguin e filmati d’epoca

    • dal 22 al 28 ottobre 2020
    • Cinema Tiberio di Rimini

I più visti

  • A bordo del treno a vapore per fare tappa alla sagra delle castagne di Marradi

    • 25 ottobre 2020
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Il Tartufo bianco è protagonista a Sant'Agata Feltria ogni domenica di ottobre

    • Gratis
    • dal 4 al 25 ottobre 2020
  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento