rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Eventi

Nel weekend i sapori dell'autunno con Sagra della Castagna, Tartufo bianco, ma anche arte e cultura

In attesa di Halloween la città propone un calendario ricco di appuntamenti tra arte, cultura ed escursioni alla scoperta del territorio

Il weekend si presenta con tanti appuntamenti da non perdere. Si parte (o meglio, prosegue) con la Fiera Nazionale del Tartufo Bianco pregiato a Sant’Agata Feltria e la sagra della castagna a Montefiore Conca. Non mancano le mostre, le visite guidate e tante altre attività. C’è soltanto l’imbarazzo della scelta. Non resta che scegliere dove andare e godersi il momento.

Si mangia e si beve

Prosegue a Sant’Agata Feltria la Fiera Nazionale del Tartufo banco pregiato. Per l’occasione il borgo si trasforma in un luogo dove immergersi in un'atmosfera suggestiva e profumata, passeggiare nelle vie e nelle piazze ad ammirare le numerose tipicità. Ogni domenica sarà possibile scoprire come il prezioso tubero si trasforma in cucina per realizzare piatti di alto valore gastronomico, che sprigionano inebrianti aromi. La visita al paese è anche l'occasione per ammirare gli antichi monumenti di alto valore architettonico.

Spostandoci poi nell'entroterra, a Montefiore Conca la castagna continuerà adessere protagonista della città e dei palati di tutti coloro che vorrano cedere e concedersi ad un fine settimana all'insegna del gusto e delle tipicità autunnali. Giunta alla 58esima edizione, la Sagra della Castagna è un appuntamento immancabile per tutti gli amanti dei sapori d’autunno che troveranno nel borgo malatestiano un ricco mercato di prodotti agro-alimentari e stand gastronomici. Per i più golosi ci saranno caldarroste, cucinate nelle maniere più disparate e accompagnate da ottimo vino. Come in ogni festa che si rispetti, non mancheranno balli e musica.

Incontri e manifestazioni

Proseguono anche gli incontri della rassegna filosofica misanese dedicata alla parola libertà. Otto appuntamenti, attraverso i quali indagare e chiarire, dal punto di vista filosofico, un tema delicato, controverso e pieno di insidie e contraddizioni.

Spostandoci nell'entroterra, Verucchio promuove un fine settimana "eco-friendly" alla scoperta delle api. Attraverso la narrazione di una figura esperta, potremo addentrarci nel mondo "zuccherino" delle api, scoprendone il ruolo nell'equilibrio ambientale, soffermandoci poi sull'alveare, i compiti e ruoli delle api, il lavoro dell'apicoltore,le tecniche base e gli strumenti  necessari ed infine, i prodotti dell'alveare. Proseguono gli appuntamenti a sostegno dell'ambiente, domenica 23 ottobre sulla spiagge di Misano Adriatico e di Cattolica si terrà la pulizia di un tratto di arenile e delle scogliere a pettine del comune di Misano Adriatico.

A Rimini, nelle giornate di giovedì 20 e venerdì 21 ottobre, con Re-Cult renovation culture ci si interroga su che cosa voglia dire fare cultura oggi. La cultura e? un settore di primaria importanza in Italia, e? l’asse portante dei contenuti che alimentano il turismo di oggi. La pandemia ha portato alla luce in modo evidente il bisogno stringente di competenze innovative e trasversali per rendere la cultura volano per la ripartenza economica del Paese. Il digitale e i social nelle istituzioni culturali non possono più essere considerati un palliativo all'emergenza, ma sono un reale supporto alle attività in presenza per attrarre pubblici diversi e rendere fruibile la cultura a qualsiasi latitudine. Lungi dall’essere un mero intermezzo, il digitale ha creato nuove professioni o compreso l’importanza di ruoli che in ambito culturale difettano ancora di competenze e completezza, ma, soprattutto ha reso chiara la necessita? di aprirsi a nuovi modi di fare cultura. Ora bisogna spingere in questa direzione, ma quali figure servono? Rimini, che ha ridefinito la propria cartolina sulla cultura e aspira a candidarsi a capitale italiana della cultura 2026, vuole interrogarsi su questo, su come fare cultura oggi, e lo vuole fare dialogando con chi ha innescato pratiche virtuose a livello nazionale e internazionale. Due giornate di studio e divulgazione per raccogliere contributi, confronti ed esperienze nazionali ed internazionali che veicolino il sistema locale di fruizione dei beni culturali nel mondo.

A Poggio Torriana, domenica 23 ottobre si accendono i riflettori su Mentre Vivevo, la rassegna di teatro e arti contemporanee con ospiti d'eccezione. In cui si susseguiranno proposte che spaziano dal teatro alla poesia, dalla musica al cinema, con un’attenzione ad alcune giornate in particolare come quella dei Diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, quella della Memoria e infine quella dedicata alla poesia.

Escursioni e visite guidate

Per scoprire le bellezze del centro storico di Rimini è possibile scegliere tra diverse proposte di escursioni e visite guidate che ci condurranno in percorsi insoliti, passando per quartieri meno conosciuti. Spaziando da Castel Sismondo, al Fellini Museum, alla Domus del Chirurgo, il Teatro Galli, i Part (Palazzi dell’Arte Rimini) e percorsi serali in città. Con l'imminente arrivo della stagione autunnale, riprendono anche le visite guidate alla scoperta della città per un autunno ricco di arte e cultura.

Seguono gli appuntamenti con le visite guidate gratuite, condotte dai bibliotecari, alle sale storiche della Biblioteca Gambalunga e una tavola rotonda all'Archivio di Stato di Rimini dal titolo "Conservare il territorio: il caso del fiume Marecchia". L'autunno e il centro città si tingono di "verde" con le passeggiate alla scoperta dei giardini urbani all'interno della rassegna "Vivi il verde", tra le sculture del Part e al Bosco dei nomi del Fellini Museum.

Spostandoci poi nell'entroterra, l’Unione dei Comuni della Valmarecchia per valorizzare e fare conoscere a cittadini e turisti i geositi della Valmarecchia, da sabato 24 settembre propone un ricco calendario di escursioni gratuite, a piedi o in bicicletta.

Mostre

Il Palazzo del Fulgor ospita Fellini Forbidden, la mostra dedicata al lavoro grafico che il regista riminese ha realizzato in preparazione del film “Il Casanova” (1976). Sempre sulle orme del Maestro, al Museo Fellini continua la mostra fotografica di Patrizia Mannajuolo “Federico Fellini dietro le quinte”.

Al Cinema Fulgor, spazio ad una Rimini lontana con la mostra fotografica La prima notte d quiete, strumento celebrativo e commemorativo del regista Valerio Zurlin. L'omonimo film ambientato e girato a Rimini è molto caro ai cittadini perché propone l'immagine, un po' malinconica, della città in inverno, lontana dai luoghi comuni per cui era nota come capitale italiana del turismo balneare.

A Cattolica, la Biblioteca Comunale offre i propri spazi per la mostra itinerante vita contro la mafia, con l'intento di raccontare coloro che hanno lottato duramente contro le mafie tra magistrati, poliziotti, giornalisti, imprenditorie cittadini.

A Santarcangelo di Romagna, l’autunno si tinge d'arte con la mostra fotografica Memorie; un percorso fotografico, pittorico e poetico a cura dell’artista Giancarlo Frisoni.  Il filo conduttore è la terra e da lì vengono tutti i colori che usa per le sue tele. A fianco della pittura la fotografia, grazie alla quale l'artista racconta il mondo contadino in cui è cresciuto. Le immagini di Frisoni, immortalate in momenti di vita quotidiana, sono state definite dal critico d'arte Vittorio Sgarbi non fotografie ma sculture. Le sue fotografie entrano nelle vite, dentro i volti, le rughe e le esistenze di una intera generazione. “Una generazione dove affondano ancora le nostre radici, e che voce più non ha perché ce ne stiamo dimenticando” dichiara l’autore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nel weekend i sapori dell'autunno con Sagra della Castagna, Tartufo bianco, ma anche arte e cultura

RiminiToday è in caricamento