rotate-mobile
Eventi

Fine settimana con Ralf’s Pic-Nic, Balla la Liberazione, Saluserbe e il Campionato Europeo di Ginnastica

Molti gli appuntamenti che animeranno il fine settimana, spaziando dalle occasioni d'incontro alle mostre, dagli appuntamenti a teatro alle passeggiate tra i luoghi cari a Fellini

Il fine settimana in provincia è più ricco e variegato che mai. La stessa varietà, infatti, potremo ritrovarla nell'offerta della città e così dei territori dell'entroterra, spaziando tra numerosi appuntamenti con i quali intrattenersi e tra cui potere scegliere. Scopriamo insieme il ricco carnet di eventi che la città ci offre, spaziando e abbracciando tutto il territorio, dal mare sino alle colline dell'entroterra.

Musica

La proposta musicale della discoteca Peter Pan di Misano Adriatico prosegue con il proprio carnet ricco di appuntamenti per le Festività di aprile ed è pronta a "farci scatenare" nella giornata di giovedì 25 aprile. In questa occasione, infatti, accoglierà nei propri spazi esterni (Peter Perk) le sonorità elettroniche di Ralf’s Pic-Nic, per una giornata all'insegna di un ottimo intrattenimento musicale, accompagnato da postazioni street food e ambientazioni a impatto zero.

In risposta all'offerta musicale di Misano Adriatico, a partire da giovedì 25 e fino a domenica 27 aprile anche gli spazi verdeggianti del Parco XXV Aprile di Rimini sono pronti ad accogliere e "fare scatenare" la città attraverso Balla la Liberazione: un'opportunità per l'intera comunità di trascorrere del tempo all'aria aperta, scandito da un susseguirsi di spettacoli musicali, iniziative sportive, dj set, occasioni d'incontro e riflessione, il tutto all'insegna della socialità e del divertimento. 

Appuntamento a teatro

Spazio nel fine settimana di Monte Colombo all'opportunità di trascorrere del tempo piacevole a teatro. A tal proposito, nella serata di domenica 28 aprile il palcoscenico del Teatro Leo Amici è pronto ad accendere i riflettori su “Madonna - Like a Virgin”: un'occasione per celebrare (in musica) l'iconica ed "universale" cantautrice e attrice statunitense Madonna Louise Veronica Ciccone attraverso un susseguirsi di brani, come Celebration, intro Like a virgin, La Isla bonita, Material Girl, Vogue e ancora tanto altro.

Il fine settimana di Rimini e Santarcangelo sarà scandito dalla spettacolarità e . Infatti, a partire da domenica 21 aprile e fino a domenica 26 maggio, il Festival delle arti dell’infanzia e dell’adolescenza "Filo per Filo | Segno per Segno" affollerà gli spazi teatrali delle limitrofe città, scandito da un susseguirsi di spettacoli teatrali, musica, incontri, installazioni e laboratori risolti ad adulti e piccini. A tal proposito, nella serata di venerdì 26 aprile, il Teatro degli Atti di Rimini accenderà i riflettori su “L’universo è un materasso (e le stelle un lenzuolo)”, uno spettacolo attraverso il quale raccontare in maniera divertente e stimolante la storia del tempo, il tutto tramite il personaggio di Crono che per l'occasione vestirà i panni del tempo, in qualità di primo imperatore dell'universo. Ma non è tutto. L'appuntamento con la rassegna teatrale proseguirà nel pomeriggio di domenica 28 aprile presso la Cappella Petrangolini a Rimini con Emma, l'ultima "fatica" letteraria dell'autore Antonio Catalano che per l'occasione presenterà alla città attraverso un incontro poetico. “Se il tempo fosse un albero, starei tranquillo ad aspettare le stagioni che passano. Se il tempo fosse una nuvola, aspetterei un colpo di vento. Se il tempo fosse una pietra, me ne starei immobile in silenzio per sempre. Se fossi io il tempo che passa, allora non avrei tempo per invecchiare e vedrei le stagioni passare, aspetterei colpi di vento, li conterei, sarei una pietra del fiume che sa che prima o poi rotolerà verso il mare”.

Incontri&Manifestazioni

In Piazza Pascoli e sul lungomare di Viserba, nelle giornate di sabato 27 e domenica 28 aprile sarà possibile intraprendere un viaggio nel tempo, attraverso la storia del mondo delle auto d’epoca e tra le ricchezze ed eccellenze vinicole del tempo. Un'occasione, dunque, per "assaporare" il passato attraverso la meccanica delle auto ma anche attraverso il gusto. La città tra degustazioni, street food e spettacoli musicali, è pronta ad accogliere Epoca di Vino: un evento che unisce un’esposizione di auto d’epoca dagli anni 30 agli anni 80 ad una degustazione dei vini che ripercorre l’evoluzione enologica dei rispettivi anni.

Spostandoci nell'entroterra, a partire da domenica 21 a giovedì 25 aprile il borgo di Saludecio sarà travolto e inebriato dai profumi e sapori delle erbe aromatiche, spezie, piante medicinali e prodotti naturali, senza tuttavia trascurarne le considerevoli proprietà curative. La cittadina, dunque, "si veste a festa" ed è pronta ad accogliere Saluserbe: la manifestazione "diventata nel tempo punto di riferimento per gli amanti del verde e del paesaggio collinare della Provincia di Rimini, in cui fiori, colori, odori, sapori, bellezza, salute, la fanno da padrone". Nel corso delle giornate, si susseguiranno alcuni incontri nel corso delle giornate in cui troveranno spazio anche approfondimenti filosofici, mostre d'arte, visite guidate, spettacoli di musica itineranti, teatro di strada e stand gastronomici. Ma non è tutto: la manifestazione sarà anche l’occasione ideale per riscoprire il territorio, attraverso alcune passeggiate tra i sentieri naturalistici presenti, facendo visita alle aziende agricole, parchi e giardini circostanti, spazi questi in cui potere ammirare la bellezza della natura e delle piante che la popolano. E per i più piccoli, in programma tante attività e laboratori didattici attraverso i quali fare scorpire loro le proprietà delle erbe in maniera divertente e creativa.

Il fine settimana della cittadina di Novafeltria è all'insegna della memoria. Per l'occasione, gli spazi "danzanti" del Jolly Disco sabato 27 aprile sono pronti ad accogliere i propri ospiti per una serata “Dedicato a Sergio”. Un'opportunità per celebrare attraverso alcuni aneddoti e testimonianze la figura del rinomato concittadino scomparso Sergio Valentini, imprenditore del paronama dello spettacolo, ispiratore ed animatore di numerose occasioni di divertimento e intrattenimento nell’intero territorio della Valmarecchia.

Mercatini

Rimini, domenica 28 aprile il centro storico sarà animato e colorato da "Rimini Antiqua": la mostra mercato dell’antiquariato, modernariato e vintage. Dalle ore ore 7:30 alle ore 19:00, piazza Tre Martiri, corso d’Augusto e via IV novembre, si riempono, per un giorno, di rari oggetti provenienti da luoghi ed epoche diverse pronti ad affascinare curiosi ed esperti collezionisti.

Escursioni e visite guidate

Per proseguire l'anno nel migliore dei modi c'è soltanto una cosa da fare... Immergersi nella bellezza.
Le festività di Pasqua sono l'occasione ideale per immergersi nella bellezza e abbracciare l'offerta culturale di cui la città è così florida. C'è soltanto l'imbarazzo della scelta.

Ma non è tutto. Sono numerose le opportunità di visite guidate in città all’insegna dell’arte e della cultura per il fine settimana. A tal proposito, nella mattinata di giovedì 25 aprile, sarà possibile immergersi in un percorso alla scoperta del Teatro Amintore Galli, situato in Piazza Cavour. La visita guidata consentirà a coloro che parteciperanno, poterne ammirare il foyer, la platea e lo splendido ridotto, immergendosi così in un percorso sul filo del racconto della storia del Teatro ottocentesco. L'imponente struttura, progettata dall’architetto modenese Luigi Poletti e inaugurata nel lontano 1857 dal compositore Giuseppe Verdi, è stato anche oggetto e bersaglio di alcune burrascose vicende del XX secolo e di alcuni dibattiti al tempo della Ricostruzione, ma anche luogo di ritrovo e frequentazione degli artisti e delle personalità della città di fine Ottocento e durante l'età della Belle Époque.

Sarà inoltre possibile immergersi in una passeggiata fra i luoghi più amati dal Maestro Fellini. Il percorso, infatti, condurrà coloro che prenderanno parte alla visita guidata alla scoperta degli angoli nascosti del borgo San Giuliano, durante il quale i partecipanti  avranno l'opportunità di "chiacchierare" di un Maestro inedito tra piccoli vicoli, quartieri e Castel Sismondo, sede del nuovo Fellini Museum.

Infine, nella mattinata di domenica 28 aprile sarà possibile andare alla scoperta de "Le meraviglie di Rimini", scegliendo tra differenti proposte attraverso le quali sarà possibile immergersi ed addentrarsi tra percorsi insoliti all'insegna delle ricchezze paesaggistiche e culturali del centro storico cittadino. Spaziando da Castel Sismondo, al Fellini Museum, alla Domus del Chirurgo, il Teatro Galli, i Part (Palazzi dell’Arte Rimini), il Cinema Fulgor tanti altri suggestivi itinerari.

Sport

Per scoprire le bellezze del centro storico di Rimini è possibile scegliere tra differenti proposte che ci condurranno in percorsi insoliti, passando per quartieri meno conosciuti. Spaziando da Castel Sismondo, al Fellini Museum, alla Domus del Chirurgo, il Teatro Galli e tanto altro.

Sport

A Rimini, il fine settimana sarà contraddistinto dalla competizione sportiva. Per l'occasione, la ginnastica artistica è pronta ad invadere gli spazi della Fiera di Rimini. A tal proposito, infatti, a  partire da mercoledì 24 e fino a domenia 28 aprile la città ospiterà il 36° Campionato Europeo di Ginnastica Artistica Maschile e che condurrà in città oltre 300 atleti provenienti da 35 differenti Nazioni. Il prestigioso appuntamento sportivo permetterà agli atleti partecipanti di ottenere "l'accesso" per i Giochi Olimpici di Parigi 2024.

Mostre

Nel fine settimana ampio spazio anche alla bellezza e alla cultura artistica. Sono numerose le mostre a Rimini e provincia da visitare e ammirare.

Rimini, un’esposizione permanente con l’ambizione di diventare per il pubblico di tutto il mondo, il luogo dove potere incontrare e riscoprire l’universo inimitabile di Federico Fellini. "Fellini Museum" è, infatti, il più grande progetto museale dedicato al regista riminese che coniuga la poesia del cinema felliniano con le tecnologie e lescelte urbanistiche più innovative. Un museo diffuso su tre spazi: CastelSismondo, Piazza Malatesta, la grande area urbana con porzioni a verde, arene per spettacoli, installazioni artistiche come il Bosco dei nomi e il Palazzo del Fulgor, dove a piano terra ha sede il cinema, mentre i piani superiori sono spazi deputati all’informazione, allo studio e alla ricerca con l’Archivio digitale, la stanza delle parole, il Cinemino, il Convivio, mentre altre visioni felliniane si succedono al terzo piano. Un Museo dell’immaginario che interpreta il cinema del regista non come opera in sé conclusa, ma come chiave del “tutto si immagina”.

Ma non è tutto, poichè in città a partire da venerdì 2 febbraio troverà spazio presso il Palazzo del Fulgor la mostra "Lilian the Fighter": un'accurata selezione di circa 30 disegni provenienti dalla collezione della scrittrice e sceneggiatriche Liliana Betti, nonchè storica collaboratrice del Maestro Fellini. Un lungo sodalizio professionale e umano legò i due artisti per oltre vent’anni. Capace di fronteggiare il "particolare" carattere di Fellini, Lilian the Fighter, così la chiama affettuosamente il celebre regista, Liliana Betti contribuì alla nascita di 8 ½, Giulietta degli spiritiToby DammitIl Casanova di Federico Fellini fino a La città delle donne, che la vede per l’ultima volta sul set con il Maestro Fellini nel 1980. La maggior parte dei disegni sono schizzi realizzati probabilmente sul set, nelle pause fra un ciak e l’altro, con fumetti e scritte scherzose che esprimono simpatia, confidenza, affetto e stima e offrono una visione non solo del mondo degli affetti privati di Fellini, ma anche della grande importanza che aveva il disegno nel suo processo creativo.

Presso la Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea Villa Franceschi, nella giornata di venerdì 19 aprile cala il sipario sulle "fragilità" di "The Ballad of Human Mutations", il progetto artistico ed itinerante dell'artista padovana Alice Babolin (in arte Aliteia) attraverso il quale creare una sorta di "mito rivoluzionario" del diverso e del fragile a partire dal corpo: suscitare uno sguardo nuovo, capace di inglobare ogni forma di fragilità come fonte inesauribile di potenzialità e di autentica bellezza umana. L’esposizione vede la contaminazione di svariate discipline comunicanti tra loro: performance, fotografia, video e scultura. Un'occasione attraverso la quale indagare la bellezza, l’unicità e la forza di individui con corpi lontani dai modelli sia classici che contemporanei, mettendo a nudo le loro non-perfezioni, che sono maggiormente evidenti nelle deformità di mani e piedi, tipiche della Charcot-Marie-Tooth. L'artista è riuscita così nel proprio intento primario di immortalare i turbamenti di tutti coloro che sono stati coinvolti e fotografati durante il processo di realizzazione del progetto. Le opere, dunque, diventano la testimonianza di come ciascun individuo possa avere il coraggio di superare la propria vergogna e vivere per quello che davvero è, senza alcuna necessità o istinto di nascondersi. Allo stesso tempo, Aliteia è riuscita a creare mediante la pratica performativa un clima straordinario all'interno del quale sentire se stessi pienamente liberi, mostrando il proprio mondo interiore ed esteriore senza alcun confine e senza paura del pregiudizio. The Ballad of Human Mutations diviene a così un incubatore di sogni, speranze, libertà e bellezza dell’essere se stessi nella propria autentica natura. Un racconto corale attraverso un’intensa partecipazione attiva da parte di coloro che hanno permesso di farsi fotografare e di mettere a nudo parti del corpo soggette a questa malattia estremamente complessa e talvolta evidente. Attraverso il medium fotografico, scultoreo, video e performativo, l'artista apre una visione inedita della fragilità, intesa come la via per essere se stessi e come l’autentica e inconfutabile bellezza del singolo individuo e del mondo.

Ma non è tutto. In risposta all'offerta artistica di Villa Francheschi, a partire da sabato 20 aprile gli spazi espositivi di Villa Mussolini sono pronti ad accogliere i 92 scatti di “Vivian Maier”: una mostra attraverso la quale celebrare la talentuosa fotografa statunitense ed esponente della street photography, che trascorse la propria intera esistenza (artistica) in totale anonimato fino a poco prima della propria scomparsa (2007).

Spostandoci nell'entroterra, a partire da sabato 6 aprile gli spazi della Sala ProLoco "Ex asilo Don Matteo del Monte" della cittadina di Monte Colombo, attraverso gli scatti "Tracce di Memoria" sono pronti a "mettere in mostra" le tradizioni contadine della Valconca degli Anni 50. Un susseguirsi di scatti (oltre 50) all'interno dei quali sono raffigurati alcuni giovani del luogo "a bordo" di carri allegorici durante le Feste dell'Uva del tempo nelle località limitrofe. E ancora, raffigurazioni di giovinette, ambasciatrici di prodotti del territorio, come l’uva ed il vino. La mostra, tuttavia, costituisce un'occasione per riflettere anche circa il processo di emancipazione della donna, nonchè preludio ai movimenti degli anni Sessanta e al tempo stesso in merito alle battaglie per l'ottenimento di alcuni diritti, come la pensione per i lavoratori della terra. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fine settimana con Ralf’s Pic-Nic, Balla la Liberazione, Saluserbe e il Campionato Europeo di Ginnastica

RiminiToday è in caricamento