Biblioterapia, Maurizio Bettini presenta "Le orecchie del cuore, ovvero anatomia della memoria"

  • Dove
    Sala del giudizio
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 29/11/2014 al 29/11/2014
    17
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Sabato con "Le orecchie del cuore, ovvero anatomia della memoria", Maurizio Bettini, docente di Filologia Classica all’Università di Siena, darà spazio a una necessaria “archeologia” del corpo. Uno sguardo indietro che, attingendo alla lezione dei classici, apre orizzonti di senso nuovi e attuali. Maurizio Bettini, filologo e antropologo, uno dei più importanti studiosi del mondo classico, scrive in “Le orecchie di Hermes”: «sono persuaso che i Greci e i Romani, pur essendo per tanti aspetti così vicini a noi moderni, abbiano spesso pensato le cose differentemente da come le pensiamo noi, e dunque abbiano la capacità di aprire i nostri occhi su tante “possibilità” di vita che altrimenti saremmo condannati a non vedere».

Se la corporeità è destino comune, diversi sono anzitutto i percorsi ermeneutici. “Io” sono la mia anima o il mio corpo? – ad esempio - è domanda che nell’antichità non avrebbe avuto senso. Per gli antichi greci, infatti, non c'era un'anima dentro il corpo, mentre Plutarco ci assicura che il canale dell’udito sarebbe collegato direttamente alla psychè, all’anima, che per Omero è l'occhio che vede, l'orecchio che sente, il cuore che batte. Con l’idea di una comunicazione umana necessariamente legata al corpo e alla sua topografia.

Mentre la nostra epoca è caratterizzata da una “virtualizzazione” progressiva: «La nostra esperienza comunicativa – scrive Bettini – è ormai uscita dalla dimensione (anche simbolica) della fisicità umana. Si è trasformata in una comunicazione senza corpo: le orecchie, la lingua, la memoria collocata in noi “da qualche parte”, in stretta simbiosi con l’oblio, vivono di vita autonoma». A modificarsi, inevitabilmente, anche l’idea del “corpo che noi siamo”, da scandagliare nello scarto che le parole antiche dischiudono alla riflessione, interrogando i miti e simboli profondi elaborati dai Greci e Romani nell’affrontare problemi simili ai nostri, come la permanenza della memoria e l'insidia dell'oblio, i pericoli dell'identità e le strategie necessarie per costruirla.

La partecipazione è vincolata all’iscrizione al ciclo di “Biblioterapia” o, in alternativa, all’acquisto del biglietto al costo di 5 euro, che potrà effettuarsi alla Biblioteca civica Gambalunga-Ufficio Prestiti (via Gambalunga 27) o nella biglietteria del Museo della Città (Via Tonini, 1) nel giorno della conferenza.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • La nuova rassegna filosofica riparte con otto parole inattuali per un mondo più desiderabile

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Alessandro Giovanardi apre il ciclo di dialoghi sull'arte, sulla moda e sulla bellezza

    • Gratis
    • dal 25 ottobre al 29 novembre 2020
    • Palazzo del Turismo

I più visti

  • A bordo del treno a vapore per fare tappa alla sagra delle castagne di Marradi

    • 25 ottobre 2020
  • Il mondo dell'arte entra in hotel: in mostra da Warhol a Schifano

    • Gratis
    • dal 22 ottobre 2019 al 25 ottobre 2020
    • Admiral Art Hotel
  • Il Tartufo bianco è protagonista a Sant'Agata Feltria ogni domenica di ottobre

    • Gratis
    • dal 4 al 25 ottobre 2020
  • Parole controtempo, Vito Mancuso parla di Virtù

    • dal 9 ottobre al 20 novembre 2020
    • Cinema Teatro Astra di Misano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    RiminiToday è in caricamento