Santarcangelo Festival, il timone nelle mani di una giovane donna

Scelta la nuova direttrice artistica del festival internazionale del teatro in piazza

Da sinistra Eva Neklyaveva, il sindaco Alice Parma e Silvia Bottiroli, direttore uscente

Ancora una giovane donna alla guida del Festival Internazionale del Teatro in Piazza di Santarcangelo di Romagna. È stato un vero e proprio passaggio di consegne, quello che si è svolto domenica 17 luglio al Teatro Lavatoio di Santarcangelo di Romagna, dove è stata ufficializzata la nuova direzione artistica del Festival per il triennio 2017-2019, durante l'ultima giornata della kermesse, che si chiude con spettacoli ed eventi fino a notte fonda.

Sarà Eva Neklyaeva, classe 1980, originaria della Bielorussia, ma dagli inizi degli anni Duemila residente a Helsinki, a dirigere le prossime edizioni del più longevo Festival dedicato al teatro di ricerca in Italia, nella sua fase di avvicinamento al mezzo secolo di vita. Una giovane curatrice e produttrice artistica con già una solida esperienza nel campo dell’arte contemporanea, cui il Cda dell’Associazione Santarcangelo dei Teatri ha deciso di affidare il compito di disegnare il futuro del Festival dopo i cinque anni di lungimirante lavoro della direzione artistica di Silvia Bottiroli. “Quando tra quattro anni celebreremo i cinquant'anni del Festival Internazionale del Teatro in Piazza - ha scandito questa mattina nel suo discorso Alice Parma, sindaco e presidente dell’Associazione Santarcangelo dei Teatri - rileggendo la storia della manifestazione, i cinque anni di direzione artistica di Silvia Bottiroli verranno considerati come uno dei passaggi determinanti nella storia del Festival, significativa al pari di quelle che vengono ricordate più spesso da chi ha vissuto tutta la storia di questa manifestazione”. “Oggi si chiude un’edizione del Festival che ci ha stupiti e meravigliati – ha esordito il sindaco di Santarcangelo – come e forse più di quanto abbiano fatto le precedenti splendide edizioni curate da Silvia Bottiroli”.

L’accento posto sul lavoro artistico nello spazio aperto e l’allargamento del pubblico del Festival, soprattutto al “target giovane e giovanissimo” sono alcuni dei punti di forza della 46e edizione di Santarcangelo Festival sottolineati dal sindaco. Mentre uno sguardo al quinquennio di lavoro della direttrice uscente ha portato ad evidenziare la “solida reputazione internazionale” conquistata dalla manifestazione. “Silvia ci lascia – ha continuato il sindaco e presidente dell’Associazione Santarcangelo dei Teatri – in un momento in cui il Festival può permettersi di guardare al futuro con ottimismo, mentre sappiamo bene che, nella lunga storia del Festival, non tutti gli avvicendamenti alla direzione artistica sono avvenuti in un clima analogo”.

Ed è stato invece proprio un clima di festa, di riconoscimento reciproco, quello che si è voluto creare con la presentazione pubblica di questa mattina. Un momento di bilancio e di saluto da parte della direttrice uscente Silvia Bottiroli che ha ripercorso i tratti fondamentali del suo quinquennio di lavoro, a cui si deve un deciso posizionamento del Festival nel panorama internazionale e una ridefinizione del suo profilo nel senso di una centralità della creazione e produzione artistica e di un articolato lavoro di coinvolgimento del pubblico. “A Eva Neklyaeva – afferma Silvia Bottiroli - consegno la responsabilità bellissima di avere cura di questo ambiente e di continuare a permettere al festival di pensarsi e di crescere, anche in consapevolezza e capacità di produrre discorso. Al gruppo di lavoro e agli artisti va il mio ringraziamento più profondo: da loro e con loro ho imparato a vedere l’invisibile e, guardandolo insieme, a farlo apparire”. Alla scelta della proposta presentata da Eva Neklyaeva il Cda di Santarcangelo dei Teatri (composto oltre che da Alice Parma, dai consiglieri Natalino Cappelli e Giampiero Piscaglia) è giunto dopo un esame inziale dei vari progetti (75, presentati da una ottantina di candidati che avevano risposto alla call lanciata lo scorso marzo), effettuato con l’apporto del direttore generale Roberto Naccari e di due consulenti tecnici (Fabio Biondi dell’Arboreto – Teatro Dimora di Mondaino e Enrico Casagrande dei Motus). L’esame iniziale ha portato ad una short list di candidati. Il Cda ha quindi approfondito le singole candidature attraverso colloqui diretti che si sono svolti tra il 25 e il 27 giugno.

“La selezione – ha spiegato Alice Parma - è stata lunga e difficile, perché tutte le proposte contenevano aspetti interessanti e prospettive affascinanti”. Due gli scenari che si sono ad un certo punto delineati, a fronte di progetti che “si muovevano in un orizzonte di parziale continuità con l’identità del Festival”. Alcune delle proposte “andavano a consolidare il disegno attuale, seppure alla luce di sguardi, visioni e sensibilità artistiche differenti”. Il Cda si è però “persuaso dell’opportunità di raccogliere una nuova sfida, ponendo alla guida del Festival un operatore straniero, giovane, ma dalla grande esperienza internazionale”. L’esperienza internazionale di Eva Neklyaeva in campo artistico, ma anche la sua storia personale – è figlia di Uladzimir Niakliaeu, poeta bielorusso, candidato alle elezioni presidenziali, perseguitato e imprigionato per la sua opposizione al governo di Alexsandr Lukashenko – ne fanno una figura esemplare del mondo globale di oggi. Arrivata in Finlandia nel 2000 dalla Bielorussia ha imparato da subito cosa significhi doversi orientare in una realtà nuova. Il suo sguardo di “outsider” si è trasformato in un punto di forza nei suoi interventi sulla scena artistica finlandese. “In un mondo sempre più globale, la mia è una storia che accomuna sempre più persone: una narrativa universale della migrazione, del ricominciare da zero, del confronto con nuove culture, dell’apprendimento di nuovi linguaggi” ha raccontato al pubblico venuto oggi a conoscerla da vicino. “Santarcangelo è un festival unico, un evento come non se ne conoscono altri. Sono affascinata dalla relazione tra la pratica artistica contemporanea e il contesto della comunità locale. Non vedo l’ora di trasferirmi a Santarcangelo per esplorarne e conoscere la realtà e il suo territorio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La nuova direttrice artistica, dopo l’estate si stabilirà in Romagna per poter svolgere al meglio il proprio compito. Ha già dato appuntamento all’autunno prossimo per un momento pubblico di approfondimento delle linee di lavoro per il prossimo triennio del Festival Internazionale del Teatro in Piazza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quota 100 contagiati nel Riminese: boom di tamponi

  • Tragedia sul campo da calcio, muore a 9 anni mentre gioca con gli amici

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Coronavirus, in arrivo la nuova stretta. Verso lo stop di palestre e cinema. Per i ristoranti chiusura anticipata

  • Ammazza la moglie a martellate e poi si costituisce

  • "Correte ho ucciso mia moglie", l'assassino confessa il delitto alla polizia di Stato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento