rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cultura

Festa del Cinema, premiato il racconto di resilienza e rinascita della registra Maria Iovine

Con uno stile narrativo fresco e diretto ha toccato temi profondi come la disabilità l’empowerment e la bellezza fuori dagli schemi

“Volevo raccontare le donne e le loro vite attraverso il cinema, per questo motivo mi sono avvicinata alla regia” ha dichiarato Maria Iovine, vincitrice della seconda edizione del Premio Valpharma per il Cinema che, venerdì sera al Cinema Fulgor di Rimini ha presentato il suo emozionante docufilm ‘Corpo a Corpo’, sulla storia della campionessa di paratriathlon Veronica Yuko Plebani, medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

Un’ispirazione e motivazione che ha permesso alla giovane autrice e regista campana di emozionare durante tutti i 76 minuti del lungometraggio, il pubblico accorso al cinema. La proiezione, in anteprima nazionale, è stata un vero e proprio inno alla forza, alla gentilezza, alla determinazione, alla sensibilità e alle capacità delle donne. Con uno stile narrativo fresco e diretto ha toccato temi profondi come la disabilità l’empowerment e la bellezza fuori dagli schemi.

Il premio dedicato alla memoria di Roberto Valducci, fondatore del Gruppo di aziende farmaceutiche e nutraceutiche Valpharma, che si inserisce nell’ambito della Festa del Cinema di Rimini – La Settima Arte Cinema e Industria, ha il preciso scopo di valorizzare il talento di giovani autrici cinematografiche di età compresa nei 40 anni.

La giuria, composta da Alessia Valducci, presidentessa di Valpharma Group, Cristina Scognamillo, giornalista e co-founder di Women in Cinema Award e di Good Girls Planet e Roy Menarini, direttore de La Settima Arte Cinema e Industria ha decretato all’unanimità la vincitrice, scegliendola tra un corposo parterre di partecipanti. A lei è andata la prestigiosa targa a forma di ‘Ciack’ il cui progetto grafico è stato realizzato dallo studio Gambarini & Muti.

“Divido con Veronica questo premio – ha affermato Maria Iovine – da lei ho imparato tantissime cose: la più importante è che noi donne possiamo essere ciò che vogliamo essere, indipendentemente dai canoni o modelli che la società ci propone”. In sala ad applaudire la neo-vincitrice c’era anche Claudia Mancini, makeup artist riminese impegnata ad Hollywood, che lo scorso anno si è aggiudicata la prima edizione del Premio Valpharma per il Cinema. Quest’anno è stata impegnata sul set di altri due film e presto partirà per nuove riprese in Kenia.

“Continua a credere nelle donne – ha esordito Alessia Valducci rivolgendosi a Maria Iovine – Valpharma Group è felice di contribuire a sostenere i progetti di una ragazza radiosa come te. Voglio ringraziare Confidustria Romagna per il grande impegno organizzativo destinato all’organizzazione della Festa del Cinema – ha continuato l’imprenditrice – credo che questo evento offra una grande possibilità alle imprese per esprimere le loro passione nei confronti dell’arte e la loro vicinanza ai giovani talenti: il vero valore per il nostro Paese. Credo sia opportuno continuare a stimolare incontri come questo e offrire nuove opportunità”.

Il docufilm ‘Corpo a Corpo’ in uscita nelle sale cinematografiche italiane il prossimo giugno, confida nel positivo riscontro romagnolo per essere promosso e presentato al grande pubblico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa del Cinema, premiato il racconto di resilienza e rinascita della registra Maria Iovine

RiminiToday è in caricamento