rotate-mobile
Eventi Pennabilli

Torna a Pennabilli il Festival Internazionale dell’Arte in Strada

"Torniamo finalmente ad una lunga edizione di cinque giorni sfruttando il ponte del 2 giugno (Festa della Repubblica); cinque lunghe giornate con un evento che l’amministrazione appoggia e promuove"

Svelata la 19esima edizione di “Artisti in Piazza”, Festival Internazionale dell’Arte in Strada, che si terrà da venerdì 29 maggio a martedì 2 giugno (Festa della Repubblica). Evento che dal 1997 apre la stagione estiva dei grandi Festival di piazza e di spettacolo in strada in Italia. Il Festival di Pennabilli, organizzato dalla Ass. Cult. Ultimo Punto in collaborazione con Comune e Pro Loco di Pennabilli, viene considerato dagli addetti al settore uno dei principali festival in Italia e in Europa.

"Torniamo finalmente ad una lunga edizione di cinque giorni sfruttando il ponte del 2 giugno (Festa della Repubblica); cinque lunghe giornate con un evento che l’amministrazione appoggia e promuove perché oltre al carattere culturale, artistico e formativo “Artisti in Piazza” promuove nel mondo la nostra città e il territorio - ha affermato il sindaco, Lorenzo Valenti -. Permette a migliaia di persone di scoprire un luogo ed una vallata dove la storia, la natura e la “bellezza” tanto cara a Tonino Guerra si fondono e fanno da cornice a tanti spettacoli provenienti da tutto il mondo. Il turismo culturale e l’indotto che questo porta è fondamentale per i paesi italiani come Pennabilli".

"Ci siamo dunque immaginati una piccola storia per presentare la XIX edizione di “Artisti in Piazza” - afferma il direttore artistico e presidente dell’associazione è Enrico Partisani -. La nostra storia narra le avventure di Penna e Billi, due personaggi che appaiono nel manifesto (illustrazione di Sonia Pazzaglia), prima prigionieri di un gigante e poi ribelli salvatori della fantasia. Siamo curiosi di conoscere i racconti del nostro pubblico ed abbiamo così pensato di promuovere il concorso “What’s your story? Qual è la tua storia?”, informazioni sul sito del festival". Continua Partisani: "il programma dell’evento, saranno 60 le compagnie internazionali per un programma che vede circa 400 show e repliche degli spettacoli. Una duplice anima, parte degli spettacoli sono dedicati a bambini, famiglie ed appassionati di Arte in Strada in tutte le sue forme e parte degli spettacoli si rivolgono principalmente ad un pubblico giovanile e “festaiolo”, mi riferisco a concerti e dj set internazionali che si svolgono principalmente nell’area Palacirco".

Tante le novità per questa edizione (il programma è stato rinnovato al 90%) ma anche graditi ritorni. Uno su tutti il funambolo Andrea Loreni che proporrà il suo nuovo spettacolo di funambolismo e musica, il grande comico clown Leo Bassi che presenterà due spettacoli concepiti come stimolo intellettuale per i suoi compagni di strada e un appello al pubblico per ricordare il vero significato dell’arte in strada. Spettacoli in anteprima mondiale come l’ultimo prodotto dall’artista svizzera ma “pennese” di adozione Jessica Arpin che racconta in chiave comica e con acrobazie in bicicletta le grandi esplorazioni del Polo Nord. Tanta musica da tutto il mondo e di tutti i generi: dalla musica etnica dei Sedaa (Iran/Mongolia) alle “instant party band inglesi” come gli "The Undercover Hippy". Non mancano i gruppi italiani come Cesare Dell'Anna trio - Opa Cupa, la band che rappresenta il primo esperimento balkan nato in Salento. Le famiglie e i bambini potranno passere del tempo divertente in uno spazio dedicato al relax e alla creatività dentro alla bellissima cornice dell’Orto dei Frutti Dimenticati di Tonino Guerra. Dove già crescono i frutti e le piante della tradizione, il festival Artisti in Piazza, ha pensato di far germogliare le idee, stimolando la creatività dei più piccoli.

Da questa volontà di “innaffiare” i pensieri scaturisce il progetto de l’Orto delle Idee. Inoltre AUGH! La redazione dei Bambini che racconterà Artisti in Piazza. A partire dall’esperienza della scorsa edizione, l’associazione Chiocciola la casa del nomade rimette al “lavoro” i bambini dagli 8 ai 16 anni trasformandoli in veri e propri giornalisti per raccontare Pennabilli e il Festival “Artisti in Piazza”. Muniti di videocamere, macchine fotografiche e registratori i piccoli reporter potranno seguire il festival da vicino: gli spettacoli, gli artisti, i luoghi… per conoscere e raccontare in anteprima cosa succederà.

“Artisti in piazza - è il commento di Andrea Gnassi, presidente della Provincia di Rimini - è un evento in grado di mostrare, in pochi giorni, tutto il meglio del nostro territorio. Un piccolo paese dell'entroterra riminese, ricco di storia e cultura, che per cinque giorni è invaso da un pubblico proveniente da tutta Europa e animato dalle migliori compagnie internazionali di arte di strada. Ma Artisti in piazza non è solo il festival, non sono solo le 40 mila presenze di pubblico, ma anche e sopratutto un laboratorio di creatività ed espressione artistica attivo 365 giorni l'anno. E' anche un modello di evento  sano, che si regge in  gran parte sulle proprie gambe, sulla passione viscerale e la competenza riconosciuta di chi ci lavora e lo ha fatto diventare, in 19 anni di attività, un festival di punta in Italia e un riferimento in tutta Europa”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna a Pennabilli il Festival Internazionale dell’Arte in Strada

RiminiToday è in caricamento