Cattolica non dimentica: mercoledì il Giorno della Memoria al Teatro della Regina

Il Comune di Cattolica organizza una mattinata dedicata sia ai ragazzi delle classi quinte delle Primarie che delle terze Medie dell'istituto comprensivo di Cattolica e aperta a tutta la cittadinanza

Mercoledì, per ricordare l'Olocausto nel Giorno della Memoria, il Comune di Cattolica organizza una mattinata dedicata sia ai ragazzi delle classi quinte delle Primarie che delle terze Medie dell'istituto comprensivo di Cattolica e aperta a tutta la cittadinanza. In programma la proiezione di un film e alcune testimonianze legate alle drammatiche vicende della Shoah. “Corri ragazzo Corri” è il titolo della pellicola cinematografica (regia di Pepe Danquart) che sarà proiettata alle 9,30 al Teatro della Regina. Il film, trasposizione del romanzo di Uri Orlev, narra le vicende di Srulik, un bimbo che a nove anni scappa dal ghetto di Varsavia. Sopravvive alle rigide stagioni polacche e alla cattura da parte dei militari tedeschi fuggendo nelle campagne, di fattoria in fattoria, lavorando in cambio di cibo. Ragazzo sveglio e agile, nel suo cammino incontrerà amici e nemici, mentre sullo sfondo la Seconda Guerra Mondiale sta per finire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima della proiezione l’Assessore alla Pubblica Istruzione e alla Cultura Anna Sanchi, introdurrà gli interventi del Sindaco Piero Cecchini, del Presidente Anpi Maurizio Castelvetro e di Bruna Morganti, figlia di Guido, al quale lo Stato di Israele consegnò il riconoscimento di “Giusto tra le Genti”. Maurizio Castelvetro e Bruna Morganti sono entrambi figli di due personaggi storici per la comunità cattolichina. Mario Castelvetro, già Sindaco di Cattolica, è stato un valoroso partigiano, mentre Guido Morganti ha aiutato un gruppo di tredici ebrei delle famiglie Finzi e Rimini a salvarsi dalla persecuzione razziale, trasportandoli su un carro trainato da buoi a Mondaino, incurante dei rischi e della cospicua taglia che avrebbe potuto intascare consegnando gli esuli alle autorità nazifasciste.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, a breve un nuovo decreto: nuove regole più ristrettive

  • La fortuna bacia la Romagna con un "gratta e vinci" da due milioni di euro

  • Continua la galoppata dei nuovi contagiati, alunni della materna in quarantena

  • Carlo Cracco vignaiolo, lo chef inizia la vendemmia nella sua tenuta

  • Nuovo decreto: ingressi scaglionati a scuola, palestre e piscine a rischio chiusura

  • Facoltoso ristoratore intasca il reddito di cittadinanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RiminiToday è in caricamento