il brachetto sbarca a riccione e propone calici dolci e solidali

A Golosaria dal 31 maggio al 2 giugno

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RiminiToday

Un vino che fa bene al cuore e alla solidarietà. Il Brachetto sceglie Golosaria, la rassegna enogastronomica ideata dal giornalista gastronomo Paolo Massobrio, per lanciare un progetto solidale e, nel contempo, proporsi non solo "in purezza", cioè con assaggi del solo vino nelle tipologie spumante e "tappo raso", ma anche con gustosi e sorprendenti cocktail e long drink estivi che diventeranno un must per la prossima stagione vacanziera.

L'occasione sarà la tappa che Golosaria farà a Riccione dal 31 maggio al 2 giugno. Per tre giorni, nel Palazzo dei Congressi della città di mare tra le più famose località di villeggiatura italiane, al quinto piano della terrazza "lounge", il Consorzio di Tutela allestirà un tast-point dove saranno proposti freschi calici di Brachetto con frutta di stagione, ma anche miscelato in leggeri cocktail estivi.

Sarà l'occasione non solo per gustare il vino rosso dolce più apprezzato del Piemonte, ma anche di partecipare alla raccolta fondi a favore dell'Istituto Oncologico Romagnolo. Ogni calice, infatti, costerà 3 euro e il ricavato andrà allo IOR.

«L'evento di Riccione ha un duplice scopo - annota Paolo Ricagno, presidente del Consorzio del Brachetto - partecipare ad un progetto di vita che doni speranza e salute, e far conoscere il nostro vino, ideale anche nel caldo dell'estate, in un territorio che si prepara alla stagione estiva ricca di turisti italiani e soprattutto stranieri».

Mario Pretolani, consigliere delegato dell'Istituto Oncologico Romagnolo, ringrazia di cuore il Consorzio di Tutela del Brachetto d'Acqui per il sostegno allo IOR in questa importante manifestazione. E dice: «L'impegno e la passione del Consorzio del Brachetto impreziosisce il nostro lavoro e dimostra la sensibilità e lungimiranza di quell'ente enologico nei confronti di chi soffre la malattia oncologica. Il ricavato sosterrà il servizio di accompagnamento gratuito dei pazienti che hanno difficoltà a raggiungere i propri luoghi di cura. Un'attività di volontariato operativa da tanti anni a Riccione»

I più letti
Torna su
RiminiToday è in caricamento